Shotgun-Lovesongs
Nickolas Butler

Shotgun Lovesongs

Marsilio
8

Tra la stanza che hai affittato – un materasso per terra, una lampadina nuda, l’ascesi è un’attitudine, un’ortografia – e il pollaio che hai adibito a studio di registrazione ci sono 99 passi. Li conti ogni mattina, come un detenuto che va verso il patibolo: hai un fucile puntato alla nuca, o componi o quel che resta della tua vita andrà in pezzi, è questione di vita o di morte, shotgun lovesongs significa questo. Ripensandoci, è proprio della tua rovina che stai scrivendo, dei fallimenti e della donna che hai avuto per una volta sola e non riesci a dimenticare: probabilmente è l’unica cosa che hai da offrirle, un disco che tutti compreranno e il suono dei tramonti del Wisconsin; non saprai amarla meglio di così.

L’esordio di Nickolas Butler racconta una storia che conoscete già, che potreste aver sentito in sottofondo nelle canzoni di Justin Vernon, dei buoni inverni e di un disco dedicato a qualcuno che sarebbe stato forever ago e l’unica cosa che mi viene in mente è ci vuole ingenuità per scrivere una storia così, ma anche coraggio – lo stesso che ti permette di cantare Beth/Rest senza apparire stucchevole, lo stesso che ti permette di chiamare tua moglie per dirle ti amo e sapere che quelle parole hanno un peso che sei capace di assumerti. Questa è la storia di quattro amici che si ritrovano nel momento in cui le preoccupazioni diventano concrete – i soldi, i bambini, la pioggia -, questa è la storia di un Midwest in cui non succede niente e nessuno si compra vestiti per andare a cena fuori, ma ci sono i rodei, questa è la storia di come ci si ritrova a trent’anni in smoking al matrimonio di qualcuno e forse è il tuo, o forse tu non ti sposerai mai.

Butler scrive un romanzo sulle forme dei rapporti e di resistenza al freddo e al tempo, un romanzo che usa la parola cuore con tutta la gravità del caso. Non avresti mai creduto di provare una feroce nostalgia di casa, non avresti mai detto che questa era l’unica storia che volevi ascoltare.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
nove
Aldo Nove

Anteprima Mondiale

6.5

La nave fantasma di Teseo traghetta le apocalissi di Aldo Nove. Niente sia risparmiato nell’allestimento di questo...
ferrè
Léo Ferré

Benoît Misère

7.5

Ha la forza di una poesia di Villon e la potenza di un canto anarchico. È poesia...
cesura
Andrea Dei Castaldi

La cesura

7.5

Catalogo di cesure: anzitutto la grande crisi del 2008, che fa da sfondo al ritorno a casa...
copertina-Mazzoni
Lorenzo Mazzoni

Un tango per Victor

7.5

Un giovane italo-cileno, di nome Denil, vive ad Amsterdam. Lavora in un coffe shop ed è uno...
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...