cognetti12
Paolo Cognetti

Sofia si veste sempre di nero

minimum fax / pp. 203 / € 14
SV

Paolo Cognetti è uno di quei pochi scrittori che possono permettersi di pubblicare soltanto raccolte di racconti, ignorando la regola aurea che vuole la forma breve come palestra della letteratura vera: una tradizione che ha il suo eroe indiscusso in Raymond Carver, non per niente sacrificato ai suoi tempi sull’altare del minimalismo e riscoperto solo in anni recenti. Dalla metà degli anni Novanta minimum fax è stata la principale interprete italiana di questa corrente, ma recentemente le cose sono cambiate spostandosi verso narrazioni più ibride e reticolari: così il successo de Il tempo è un bastardo di Jennifer Egan ha fatto scuola, e la nuova raccolta di Paolo Cognetti non è una raccolta di racconti, o meglio non solo.

I dieci racconti che compongono Sofia si veste sempre di nero dovrebbero infatti raccontare trent’anni della vita di Sofia Muratore (bambina pirata, adolescente aspirante suicida, giovane attrice orfana di padre, cameriera a Brooklyn), ma fortunatamente Cognetti ha abbastanza talento da farne qualcosa di più. Innanzitutto, una serie di ottimi racconti che reggerebbero il confronto di una pubblicazione autonoma e che crescono man mano che il libro procede fino a toccare vette di straordinaria bellezza. Ma è soprattutto la struttura d’insieme il punto forte, un’impalcatura narrativa che l’ex studente di matematica Cognetti riesce a far funzionare allo stesso modo di un grande sistema, un meccanismo di vasi comunicanti dove alcune tematiche tornano ciclicamente legando i personaggi in una matassa indistricabile di connessioni reciproche.

Il risultato è il ritratto crudo di un intero destino familiare, osservato con dolore bruciante e di cui la figura sfuggente di Sofia rappresenta il centro nevralgico.

Si citava Egan: è da quella frammentazione che Cognetti parte per costruire il suo affresco, ma poi la tentazione a chiudere il discorso è troppo grande. Così l’ultimo racconto, che tira le fila della raccolta, è forse la principale forzatura narrativa di un lavoro per altri versi straordinariamente maturo e potente.

Pubblicato sul Mucchio 700

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...