purity
Jonathan Franzen

Purity

Einaudi / pp. 656 / € 22
7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente soggettiva. E sai anche che probabilmente hanno ragione loro, anche perché ricordi il fastidio che a volte ti sfiora quando leggi recensioni che lo fanno – magari dall’inizio alla fine. Per questa volta tuttavia farò un’eccezione e dunque riporto qui una frase che ho annotato mentre stavo leggendo Purity, l’ultimo romanzo di Jonathan Franzen nella curatissima traduzione di Silvia Pareschi. È stato in una serata di inizio aprile, in un piccolo parco, me ne stavo su una panchina neanche troppo comoda mentre intorno scorreva tutta un’umanità cittadina di felici e infelici o indifferenti; ero a metà libro, l’ho richiuso, portando la sovraccoperta alla pagina dove mi ero interrotto, ho preso il telefono, ho aperto un foglio di appunti e ho scritto Provare Gioia Leggendo Franzen, Si Può.

Credo sia una cosa forte, anche perché l’ho scritto pensandolo realmente, ovvero: mentre provavo una distinta sensazione di gioia; chiaro, una forma particolare di gioia, ma percepibile in maniera netta. Oltretutto è arrivata all’improvviso, in una parte del romanzo che mi stava piacendo meno di altre (perché Purity è un grande romanzo complesso oltre che ambizioso, e dunque direi inevitabilmente discontinuo, esistono al suo interno zone meno potenti di altre), ma è arrivata, e non succede tanto spesso, perché non è vero che leggere è sempre un-sacco-bello, e poi anche perché puoi leggere libri che trovi forti e necessari, ma che non ti fanno provare quella gioia lì, quello che a un certo punto di Purity Franzen descrive come un semplice clic.

A questo punto sono arrivato quasi a metà recensione e l’Impressione Personale, Puramente Soggettiva, si è dilatata come può accadere alla pianta rampicante su una parete: ed è giunto il momento di riportare paro paro il paragrafo in questione. Purity, o Pip, la ragazza che dà il nome al romanzo, è ospite a casa del suo capo, una donna di nome Leila che vive con il marito, Charles, pur avendo una solida relazione con un altro uomo. Il marito in questione è un ex scrittore di successo, che ha conservato intatte brillantezza e un certo tocco di fascino, ma che ha mancato l’appuntamento con il nuovo romanzo, stroncato dalla critica, e che fondamentalmente è ormai un alcolizzato per giunta rimasto invalido dopo un brutto incidente.

E quindi: «Charles guardò Leila con un’espressione afflitta, di comico rimprovero. Doveva proprio negare al tizio in carrozzella quel briciolo di piacere? L’anima – disse a Pip – è una sensazione chimica. Quello che vedi sdraiato sul divano è un enzima nobilitato. Ogni enzima ha il suo lavoro da fare. Passa la vita a cercare la specifica molecola con cui è destinato a interagire. E un enzima può essere felice? Ha un’anima? Io rispondo sì a entrambe le domande! L’enzima che vedi qui sdraiato è stato creato per trovare la brutta scrittura, interagire con essa e migliorarla. Ecco cosa sono diventato, qui a galla nella mia cellula: un enzima correttore di brutta scrittura –. Poi aggiunse, con un cenno in direzione di Leila: – e lei ha paura che non sia felice».

Ecco, qui, a questo punto, ho percepito il clic interno; l’avevo intravisto in altri momenti del romanzo, per esempio al principio, quando Franzen introduce Pip all’interno della casa comune che condivide con altri ragazzi e ragazze, a Oakland, dei radicali di sinistra; o quando ci porta a Berlino Est, alla vigilia della riunificazione tedesca, soffermandosi sul giovane Andreas Wolf, futuro attivista-capo di una sorta di Wikileaks. Purity è insomma un autentico romanzo-mondo – che difatti ti trasporta in giro per tutto il pianeta, o quasi – un libro che ha l’ardire di affrontare la nostra epoca contemporanea, riuscendo laddove un altro scrittore dotato come Dave Eggers aveva fallito, con Il Cerchio.

E se esistono cadute di tono, o passaggi meno riusciti di altri in oltre seicento pagine, è pur vero che improvvisamente arrivano quei clic; e sì, può capitare di Provare Gioia.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...