i-sette-pazzi
Roberto Arlt

I sette pazzi

SUR / pp. 333 / € 15
SV

Di Roberto Arlt, considerato il creatore del romanzo moderno argentino, Sur pubblica Los siete locos, risalente al 1929. A esso farà seguito, nel 1931, la continuazione Los lanzallamas (I lanciafiamme), a costituire un dittico di cruciale importanza nella letteratura sudamericana. Arlt, che fu anche giornalista e scrisse soprattutto di cronaca nera, racconta un mondo diseredato, disgraziato, marginale. Fu un tipo singolare: lavorò fino alla morte a un brevetto su cui ripose speranze di grandi guadagni, le calze femminili vulcanizzate. Julio Cortázar, nella Prefazione, lo include nella schiatta dei fuoriclasse argentini, i Gardel, i Monzon.

Nei bassifondi di Buenos Aires Remo Erdosain, esattore in uno zuccherificio, scoperto per aver sottratto denaro all’azienda, ciondola in mezzo a eccentrici personaggi, in cerca di chi possa dargli una mano. Il male di vivere non gli dà tregua. La miseria morale e materiale si concentrano spasmodicamente in lui. In realtà non sembra neanche cercare un sollievo (impossibile del resto), o una redenzione. Persino la moglie malata lo lascerà. Mentre osserva i quartieri ricchi e inavvicinabili di Belgrano e Palermo, la sua vita si dissangua nell’angoscia. Insieme ad altri locos – l’Astrologo, il Cercatore d’Oro, il Ruffiano Melanconico – Erdosain complotta una società segreta, finanziata dai proventi della prostituzione, un miscuglio confuso di velleità politiche e frustrazioni economiche. Straccioni rivoluzionari, papponi, cialtroni eversori. Arlt è capace di un’operazione temeraria, fondendo, come sostiene Beatriz Sarlo, “il romanzo del diciannovesimo secolo, il feuilleton, la poesia modernista e il decadentismo, la cronaca di costume e la cronaca nera”. Era il 1929, la crisi del capitalismo stava per spazzare le economie del mondo. Nerissimo, nichilista e preveggente, Arlt scrive: “Il nostro paese potrebbe essere terreno prospero per una dittatura”. Il 6 settembre 1930 un colpo di stato  avrebbe inghiottito in un vortice l’Argentina. Era solo il primo di una lunga serie.

Pubblicato sul Mucchio 702

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...