saverio-capozza-malesseri-271x310
Saverio Capozza

Mal'esseri

L'erudita / pp. 189 / € 16
8

Saverio Capozza, classe 1987, andriese. Esordisce con una raccolta di racconti, intitolata Mal’Esseri. Il beffardo gioco sillabico ci impianta negli occhi l’idea di dolore di fastidio di inadeguatezza, e di personaggi, di esseri, come dice l’autore, mala, nell’accezione spagnola di cattivi, malvagi.

Sbuca di tanto in tanto un certo Jake Larubià, scrittore di successo che sembra non riuscire ad essere il vero protagonista della storia, e ricorda con malcelato autobiografismo, l’autore. Jake non sopporterebbe una lettura psicanalitica delle sue parole (il pensiero negativo è quello che io ho sempre preso per il culo bistrattando questa pratica novecentesca e snob a cui mi accingo) ma io con coraggio mi appresto a farne una. Ogni personaggio sembra attraversare le tre fasi psicosessuali freudiane. La fase orale rintanata nelle dipendenze che coinvolgono la bocca, dal tabagismo all’alcol, passando per la logorrea ed il sesso, orale, per l’appunto, che scoviamo in gran parte degli antieroi di queste storie. Una fase anale, con il racconto Andare via con il flusso in cui mi è bastata una sola settimana di lavoro […] e tutti i buoni propositi se ne sono andati nel cesso quasi fossero la merda che non riesco a cacare. La fase genitale viva nei corpi e nei pensieri, dal racconto d’apertura con una voglia velata tra le calze ad amplessi delittuosi consumati tra la doccia e il water in L’aborto. Descrizioni libidinose incisive e mai banali. Un dialogo gratificante e continuo con il lettore “la waiting room è come tutte le waiting room di tutti gli stracazzi di strizzacervelli del mondo. Se non avete idea di come sia allora continuate pure a leggere. Dallo strizza ci finirete di sicuro prima o poi.

Tutto il guizzo ispiratore e tutti i meccanismi intrinsechi al processo narrativo, sembrano disegnare traiettorie desideranti. È il desiderio quello che scombina l’azione, che ne intercetta le fila, che produce reazioni. Gli intervalli vuoti tra il desiderio e la soddisfazione dello stesso, provocano angosce e rassegnazione, stati di euforia. Oppure un bel suicidio, meticolosamente preparato, degno del più ispirato Spike Lee, in cui il suicida scrive una lettera d’addio inusuale, in uno stratagemma narrativo che svetta su tutta la raccolta (Imbocca). La realtà riesce a stabilire una distanza, un parlare immediato e spontaneo che appare invece estremamente curato e ponderato. Qui dimora il desiderio deleuziano che non è mai unico e totalizzante, ma è sempre un insieme, è sempre un preludio ad un paesaggio eclissato. Così tutta la scrittura di Capozza trasmette questo senso insanabile di desiderare, di cercare questo luogo oltre la forma, di vestirsi di caratteri autentici, di un parlato vissuto, di uno slang talvolta musicale e altero talvolta basso e viscerale, verghiano per sensibilità, arbasiniano per attitudine. Di un bisogno che prende strade inattese. Il lucore vitale sotteso ed estremamente presente rifugge dall’idea di dissoluzione e dissipamento dei contenuti. Personaggi in lotta per la sopravvivenza: precari dentro gli scantinati, pastori dispersi tra le aride crepe della Murgia, vagabondi nelle strade sterrate cerignolesi in cerca di qualcosa da fumare. Una fauna grottesca di vinti.

Un continuo ricercare verità in una cultura post –pop-intellettualoide-anarcoide-calabrolucana sprizzante lucidità e voglia dell’ignoto che sembra essere il vero fulcro di tanto talento messo per iscritto. La convinzione che la categoria dei pennivendoli è forse la più colpevole […] del disfacimento della realtà ma che forse regala, fondendo il reale con le stronzate, la capacità di desiderare.

Ultime recensioni Letture / Libri
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...
voland
Edgar Hilsenrath

Orgasmo a Mosca

8

Cherchez l’homme, verrebbe voglia di dire dopo aver letto Orgasmo a Mosca, romanzo manifesto di Edgar Hilsnerath...
arreola
Juan José Arreola

Bestiario

7

Capita spesso che gli esseri umani siano paragonati agli animali, sia dal punto di vista fisico che...
mo yan
Mo Yan

Il paese dell'alcol

8

Ding Gou’er è un ispettore inviato dalla procura a indagare sulla fondatezza delle anonime accuse di cannibalismo...
miranda
Miranda July

Il primo uomo cattivo

8.5

Avete quarant’anni, su per giù. Siete questa donna dai capelli corti e la carne flaccida, per niente...