mernier
Sebastien Marnier

Mimì

Playground / pp. 404 / € 18
SV

Violento, represso, depravato, timido, sociopatico: Jean Pierre, il protagonista di questo folgorante e perverso esordio letterario, è “semplicemente” tutto questo. Ovvero, una persona come tante altre. Non ci credete? Tornate negli anni 80 e fatevi un giro nelle banlieue parigine, provate a scrutare dentro le finestre di quei palazzoni tutti uguali, andate a vedere come passano il tempo i ragazzini e quello che combinano a scuola… JP è cresciuto proprio lì: una madre sottomessa, un padre violento, una schiera di fratelli egoisti, dei vicini che cagano nell’ascensore… Tra soprusi, mancanza di punti di riferimento, solitudine e povertà, ha imparato a sfogare sui più deboli le proprie frustrazioni. E in una classe multirazziale, sbandata e satura di bullismo, chi è da considerarsi più debole di Barthélémy, un ragazzino educato, esile e dai lunghi capelli biondi, in una sola parola “frocio”? Ecco, “Mimì” – il nomignolo affibbiatogli – diviene la vera ossessione che attanaglierà il cuore e i “genitali” di JP fino all’età adulta, quando casualmente lo incontrerà di nuovo. Evento questo che farà detonare quella bomba che negli anni si è annidata nel suo cuore.
Il merito di Marnier (francese, classe 1977) sta proprio nell’aver raccontato questo dolente spaccato di vita lungo oltre trent’anni dal punto di vista del protagonista, in maniera cruda, sboccata e realistica, senza intervenire “intellettualmente”.

Mimì è vita vera – di quelle più difficili, ignoranti e sfortunate, fin troppo comuni -, ed è un bene che (ri)entri nella letteratura, che da un po’ (le due) si erano perse di vista, almeno a questi livelli di fedeltà lessicale. Qua si racconta tutto, omettendo alcunché, con dialoghi secchi e serrati in stile L’odio (il film di Kassovitz). Che poi venga definito “thriller psicologico” ci può anche stare, anche se il finale e la tensione crescente sono ciò che ci hanno colpito di meno, rispetto invece a quella poesia sgraziata e perturbante che sfavilla qua e là e che fa di Mimì una storia d’amore sublime. Sofferta e crudele.

Pubblicato sul Mucchio 700

Ultime recensioni Letture / Libri
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
abbecedario
Alessandro Fiori

Abbecedario degli animali

7

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
barnes
Julian Barnes

Prima di me

6.5

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
piscine
Enrico Gabrielli

Le piscine terminali

7.5

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
lincoln nel bardo
George Saunders

Lincoln nel bardo

9

Dicevamo – qualche tempo fa devo averlo scritto, dopo averlo letto da qualche altra parte – di...
geye
Peter Geye

Dentro l'inverno

5.5

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
mucchio_Belmondo_cover
Jean-Paul Belmondo

Mille vite, la mia

7

Tutti pronti a ricordare Godard, De Sica o Melville per elogiare la strabiliante e lunghissima carriera dell’attore...
9788806233884_0_0_0_80
Mohsin Hamid

Exit West

8.5

Ci sono le stelle nel cielo e sotto le stelle ci sono la terra, le città e...
9788804664529_0_0_1537_80
Teresa Ciabatti

La più amata

7.5

Questa è la storia di Teresa Ciabatti, scritta in prima persona, senzavvirgolette e un talento per la...
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
la-stanza-profonda-vanni-santoni
Vanni Santoni

La stanza profonda

7.5

Chiusi in scantinati e garage, per vent’anni hanno inventato mondi via via più sofisticati, mentre il mondo...