mernier
Sebastien Marnier

Mimì

Playground / pp. 404 / € 18
SV

Violento, represso, depravato, timido, sociopatico: Jean Pierre, il protagonista di questo folgorante e perverso esordio letterario, è “semplicemente” tutto questo. Ovvero, una persona come tante altre. Non ci credete? Tornate negli anni 80 e fatevi un giro nelle banlieue parigine, provate a scrutare dentro le finestre di quei palazzoni tutti uguali, andate a vedere come passano il tempo i ragazzini e quello che combinano a scuola… JP è cresciuto proprio lì: una madre sottomessa, un padre violento, una schiera di fratelli egoisti, dei vicini che cagano nell’ascensore… Tra soprusi, mancanza di punti di riferimento, solitudine e povertà, ha imparato a sfogare sui più deboli le proprie frustrazioni. E in una classe multirazziale, sbandata e satura di bullismo, chi è da considerarsi più debole di Barthélémy, un ragazzino educato, esile e dai lunghi capelli biondi, in una sola parola “frocio”? Ecco, “Mimì” – il nomignolo affibbiatogli – diviene la vera ossessione che attanaglierà il cuore e i “genitali” di JP fino all’età adulta, quando casualmente lo incontrerà di nuovo. Evento questo che farà detonare quella bomba che negli anni si è annidata nel suo cuore.
Il merito di Marnier (francese, classe 1977) sta proprio nell’aver raccontato questo dolente spaccato di vita lungo oltre trent’anni dal punto di vista del protagonista, in maniera cruda, sboccata e realistica, senza intervenire “intellettualmente”.

Mimì è vita vera – di quelle più difficili, ignoranti e sfortunate, fin troppo comuni -, ed è un bene che (ri)entri nella letteratura, che da un po’ (le due) si erano perse di vista, almeno a questi livelli di fedeltà lessicale. Qua si racconta tutto, omettendo alcunché, con dialoghi secchi e serrati in stile L’odio (il film di Kassovitz). Che poi venga definito “thriller psicologico” ci può anche stare, anche se il finale e la tensione crescente sono ciò che ci hanno colpito di meno, rispetto invece a quella poesia sgraziata e perturbante che sfavilla qua e là e che fa di Mimì una storia d’amore sublime. Sofferta e crudele.

Pubblicato sul Mucchio 700

Ultime recensioni Letture / Libri
nove
Aldo Nove

Anteprima Mondiale

6.5

La nave fantasma di Teseo traghetta le apocalissi di Aldo Nove. Niente sia risparmiato nell’allestimento di questo...
ferrè
Léo Ferré

Benoît Misère

7.5

Ha la forza di una poesia di Villon e la potenza di un canto anarchico. È poesia...
cesura
Andrea Dei Castaldi

La cesura

7.5

Catalogo di cesure: anzitutto la grande crisi del 2008, che fa da sfondo al ritorno a casa...
copertina-Mazzoni
Lorenzo Mazzoni

Un tango per Victor

7.5

Un giovane italo-cileno, di nome Denil, vive ad Amsterdam. Lavora in un coffe shop ed è uno...
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...