mucchio_slasher_cover
Marco Greganti

Slasher. Il genere, gli archetipi e le strutture

Nicola Pesce Editore / pp. pp. 175 / € euro 12,00
6

Ha un compito doppiamente importante e impegnativo il saggio dal titolo Slasher. Il genere, gli archetipi e le strutture di Marco Greganti. Spiegare la fisionomia di un genere cinematografico che nel corso della sua storia ha affidato alla memoria collettiva diverse pietre miliari, non è così facile. Una di queste pietre miliari, Halloween (1978), è appena tornata nelle sale in versione restaurata dal direttore della fotografia Dean Cundey. Lo stesso Halloween fra un anno tornerà a raccontare lo slasher nell’atteso rifacimento “ufficiale” con benedizione di John Carpenter. Ma oltre Halloween c’è di più.

Il libro di Greganti, accompagnato da apparato iconografico con immagini in b/n, è mosso da un’ambizione analitica e investigativa molto più che cinematografica. Per esempio, nei primi capitoli si vanno a cercare ragionevoli preamboli, progeniture e logici sviluppi in letteratura, nel folklore e nel mito. Con un pizzico di psicologia applicata alla narratologia. Come se quel coltello insanguinato che domina la copertina del volume non avesse ragione di sgocciolare sangue senza prima aver scomodato un substrato ancestrale più profondo.

All’interno del genere horror (ma non solo horror), lo slasher ha questa grana tipicamente umana, materiale e carnale (in senso di carne da fare a pezzi) che lo rende – rispetto alla spettrale deriva degli ultimi campioni orrorifici apparsi su piccolo e grande schermo – un intermediario più reale, quindi più terrificante e pauroso. Greganti affronta un’odissea nel terrore cercando di scrollarsi di dosso un autentico labirinto di opere, tipologie caratteriali, percorsi narrativi e pulsioni che provengono in egual misura dagli esseri umani che ne sono protagonisti e “dall’inevitabilità del Male”. Slasher, il libro, è un testimone piuttosto loquace con varietà di temi e argomenti. Ricco e audace nelle sue proposizioni, che talvolta non ci trova sempre d’accordo su tutto in merito a idee o inclusione di determinati film. Tuttavia fa parte dello schema di questa ricostruzione d’ambiente. Che alla fine si presenta come optional in esergo al genere stesso per ravvivare e controbilanciare un tema ancora attuale, sia per gli appassionati sia per coloro che, dall’altra parte dello schermo, continuano a giocare nel buio stuzzicando boogeyman e compagnia bella.

 

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
lincoln nel bardo
George Saunders

Lincoln nel bardo

9

Dicevamo – qualche tempo fa devo averlo scritto, dopo averlo letto da qualche altra parte – di...
geye
Peter Geye

Dentro l'inverno

5.5

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
mucchio_Belmondo_cover
Jean-Paul Belmondo

Mille vite, la mia

7

Tutti pronti a ricordare Godard, De Sica o Melville per elogiare la strabiliante e lunghissima carriera dell’attore...
9788806233884_0_0_0_80
Mohsin Hamid

Exit West

8.5

Ci sono le stelle nel cielo e sotto le stelle ci sono la terra, le città e...
9788804664529_0_0_1537_80
Teresa Ciabatti

La più amata

7.5

Questa è la storia di Teresa Ciabatti, scritta in prima persona, senzavvirgolette e un talento per la...
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
la-stanza-profonda-vanni-santoni
Vanni Santoni

La stanza profonda

7.5

Chiusi in scantinati e garage, per vent’anni hanno inventato mondi via via più sofisticati, mentre il mondo...
1hadelman
Nicola Manuppelli

Merenda da Hadelman

7

Si legge questo: “«Amo i cani. È la vita a essere dura». Più tardi imparai che questo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160
Lauren Groff

Fato e Furia

8

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
Cognetti
Paolo Cognetti

Le otto montagne

8

Facciamo finta che l’acqua sia il tempo che scorre. Se qui, nel punto del fiume dove siamo...
Tony & Susan
Austin Wright

Tony & Susan

6.5

Lampeggia nelle sale cinematografiche e nei velodromi dello streaming piratesco l’ultimo film di Tom Ford, lo stilista...