XXI-secolo-Paolo-Zardi
Paolo Zardi

XXI secolo

Neo edizioni / pp. 160 / € 11
5.5

«Anche se non ancora a metà, il ventunesimo era già candidato a diventare il secolo più merdoso della storia» sentenzia, con una rara espressione fuori le righe, il narratore molto onnisciente e molto poco dichiarativo di questo romanzo. Una città fisicamente e culturalmente spossata, distrutta dagli attacchi di persone-per-bene convertite dalla crisi alla delinquenza, è il luogo in cui si svolge la vicenda, la storia di un uomo – marito, padre, ex ceto medio – costretto a scombinare la propria vita dopo che la moglie – madre, casalinga, adultera – viene colpita improvvisamente da un ictus.

Ma più che un passo a due, “XXI secolo” assomiglia alla fase più nera di un qualunque rapporto amoroso: un tiepido inconsistente assolo. Intorno al letto della moglie, ridotta a stato comatoso, il marito si aggira inquieto, tentando di cavare la verità da un corpo che sembra morto, di portare allo scoperto i silenzi di una moglie che era «espansa, diversificata, completata» rispetto a come l’aveva conosciuta fino a quel momento. Nessun altro può contribuire significativamente al viaggio dell’uomo: i figli hanno solo occhi grandi, che fanno presagire grandi traumi, i vecchi presentano deficit psicofisici conseguenti ad anni di privazioni, tutti sono decisamente fumosi e dolenti, più simili a fantasmi che a veri personaggi.

E forse l’autore vede proprio così il futuro, cioè il XXI secolo vicino alla sua metà: uomini dominati da istinti primordiali – «bestie, niente di più» –, recessione economica, spettacolarizzazione del privato che diventa cronaca infame dei telegiornali, coppie che scoppiano per uso indebito del cellulare dell’altro. C’è pure il parente finto intellettuale con Il Fatto Quotidiano sotto braccio, la bici e al collo una sciarpa fatta da una cooperativa di donne tibetane: ultima dimostrazione, spaventosamente reale, che ci convince di ciò di cui sospettavamo fin dall’inizio. Sembrava il futuro, e invece, per la carenza di immaginazione viva con cui viene descritto, assomiglia solo alla peggiore faccia del presente.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...