a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

Rough Trade/Self
8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati Antony & The Johnsons che tutti conosciamo, in cui tematiche perlopiù bucoliche, come le definiva, si dividevano tra estetica post-goth e fascinazione per il “meraviglioso”, l’artista inglese ha disseminato in numerose dichiarazioni e progetti collaterali le sue preoccupazioni per lo status quo politico e ambientale. Incastonato nel disco live Cut The World, il pezzo Future Feminism funzionava come un vero e proprio manifesto a favore dell’ambientalismo e una condanna delle istituzioni di matrice patriarcale, simbolicamente sgozzate nel video della title track. “Finché non passeremo a sistemi di governo di natura femminista non avremo alcuna chance su questo pianeta”, diceva. Nello spettacolo e documentario Turning, diretto da Charles Atlas, iniziava a liberarsi di ogni percezione unilaterale della sua transessualità, assegnando al corpo femminile di altre performer la responsabilità di incarnare e dislocare la sua voce.
Parlando di riscaldamento globale in conversazione con una di loro, Kembra Pfhaler, sul numero 1 della fanzine “Girls Against God”, ha affermato: “In quanto artista, sono portato a rappresentare le sottocorrenti della coscienza umana, e il dolore fa parte del processo. Sentirsi senza speranza fa parte del processo”. Hopelessness è il primo lavoro a consegnarci un risultato di quel processo. Non è un caso che il songwriter abbia deciso di liberarsi di “Antony” a favore dello “spirit name” femminile Anohni, che usa da quindici anni in famiglia e con gli amici per evitare di ancorare il suo nome a un unico genere: nelle intenzioni e nella presentazione, Hopelessness segna il passaggio a una nuova fase all’insegna della trasparenza. E alla trasparenza punta la musica, eliminando interamente la componente pastorale (e orchestrale) dei Johnsons a favore di un’elettronica dei giorni nostri, tra EDM e soluzioni più melodiche.

Anhoni ha descritto il disco come una sorta di cavallo di Troia: la musica evoca l’escapismo del dancefloor, le parole sconvolgono e impediscono di non sentirsi parte della conversazione. Ad aiutare ci sono Daniel Lopatin (Oneohtrix Point Never) e il produttore scozzese Hudson Mohawke. Il sodalizio funziona: nessuno dei due tenta di sovrastare la personalità e le parole di Anohni, lasciando ampio spazio al dinamismo e all’intrinseca malinconia del suo canto, un po’ alla maniera degli arrangiamenti di Mark Bell per Björk in Homogenic (su tutte, Marrow e I Don’t Love You Anymore). Il gemellaggio con Lopatin sembra particolarmente azzeccato: lui stesso approdato a soluzioni più pop nell’ultimo Garden Of Delete dello scorso anno, fornisce degli arrangiamenti estroversi ma con quel tocco di minimalismo che sembra accentuare più che stemperare l’esecuzione di Anohni (immaginate un pezzo di Lopatin come Animals interpretato da quest’ultima: non farebbe una piega). I sintetizzatori crollano senza sosta in Drone Bomb Me, in cui Anohni canta dalla prospettiva di una ragazza afghana la cui famiglia è stata sterminata da drone americani, e in 4 Degrees esplodono come fuochi d’artificio in una specie di parata sull’ipocrisia nei confronti del problema del riscaldamento globale (“I wanna burn the sky / I wanna see the animals die in the trees”, intona implacabile). Questo effetto straniante è ovunque, portato agli estremi nella delicata Execution, un’ipnotica ballata… sulla pena di morte. Al centro dell’album una doppietta oscura, Obama e Violent Men: all’amarezza dei testi questa volta corrisponde l’incupirsi (e incresparsi) delle trame sonore. Rispettivamente un mantra infernale in difesa dei whistleblowers processati durante la presidenza Obama e un vertiginoso lamento della Terra contro il militarismo, i due brani mostrano un aspetto del disco che suona più che necessario: la rabbia. Tenendo conto dell’appeal a metà strada tra l’underground e gli anfiteatri di Anohni, Hopelessness aggiunge un nuovo capitolo alla storia della politica in musica.

Commenti

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...