STRANGE WEATHER, ISN’T IT?
Warp/Self

Sono sempre rimasti fedeli al proprio credo ritmico, i !!! (da pronunciarsi, lo ricordiamo, chk-chk-chk), ma al tempo stesso si sono evoluti. Rispetto all’opera seconda Louden Up Now, con la quale era arrivata la fama mondiale, il successivo Myth Takes vedeva la formazione alle prese con composizioni più strutturate e in qualche modo più vicine a una forma-canzone “tradizionale”, pur non mancando delle travolgenti improvvisazioni che avevano fatto di Me And Giuliani Down By The School Yard (A True Story) un vero e proprio inno per gli indie-kids improvvisamente catapultati nel torrido mondo del punk-funk.
Tre anni e mezzo più tardi, Strange Weather, Isn’t It? rappresenta un ulteriore passo in avanti nella continuità, perché se è vero che lo stile dell’ensemble – il cui organico nel frattempo ha subito profondi mutamenti – rimane inconfondibile, altrettanto lo è che in esso sono riscontrabili alcuni cambiamenti, al punto che è possibile considerare questo disco il più accessibile e insieme il più estremo della sua produzione. Non mancano in esso melodie più che mai a presa rapida (The Most Certain Sure, tanto per limitarci a un esempio), ma allo stesso tempo vengono esasperate le componenti sia black che sintetiche, con passaggi strumentali e vocali di matrice Seventies tremendamente sexy e un lavoro sulla grana e le manipolazioni dei suoni e sugli effetti più vicino all’elettronica e al dub che al rock. Tutto ciò senza rinunciare minimamente alla propria tra volgente fisicità, ma incanalandola con maggiore rigore. E, ad aprire nuove prospettive, una Jump Back più berlinese che mai (l’album è stato in parte registrato nella capitale tedesca) e non così distante dai Depeche Mode più cupi e una Steady As The Sidewalk Cracks dai sapidi echi africaneggianti. Si balla e si suda come sempre, ma spesso si è tentati di fermarsi un attimo per prestare una cura maggiore ai dettagli. Il che non è necessariamente un male.

tratto dal Mucchio n°674

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...