STRANGE WEATHER, ISN’T IT?
Warp/Self

Sono sempre rimasti fedeli al proprio credo ritmico, i !!! (da pronunciarsi, lo ricordiamo, chk-chk-chk), ma al tempo stesso si sono evoluti. Rispetto all’opera seconda Louden Up Now, con la quale era arrivata la fama mondiale, il successivo Myth Takes vedeva la formazione alle prese con composizioni più strutturate e in qualche modo più vicine a una forma-canzone “tradizionale”, pur non mancando delle travolgenti improvvisazioni che avevano fatto di Me And Giuliani Down By The School Yard (A True Story) un vero e proprio inno per gli indie-kids improvvisamente catapultati nel torrido mondo del punk-funk.
Tre anni e mezzo più tardi, Strange Weather, Isn’t It? rappresenta un ulteriore passo in avanti nella continuità, perché se è vero che lo stile dell’ensemble – il cui organico nel frattempo ha subito profondi mutamenti – rimane inconfondibile, altrettanto lo è che in esso sono riscontrabili alcuni cambiamenti, al punto che è possibile considerare questo disco il più accessibile e insieme il più estremo della sua produzione. Non mancano in esso melodie più che mai a presa rapida (The Most Certain Sure, tanto per limitarci a un esempio), ma allo stesso tempo vengono esasperate le componenti sia black che sintetiche, con passaggi strumentali e vocali di matrice Seventies tremendamente sexy e un lavoro sulla grana e le manipolazioni dei suoni e sugli effetti più vicino all’elettronica e al dub che al rock. Tutto ciò senza rinunciare minimamente alla propria tra volgente fisicità, ma incanalandola con maggiore rigore. E, ad aprire nuove prospettive, una Jump Back più berlinese che mai (l’album è stato in parte registrato nella capitale tedesca) e non così distante dai Depeche Mode più cupi e una Steady As The Sidewalk Cracks dai sapidi echi africaneggianti. Si balla e si suda come sempre, ma spesso si è tentati di fermarsi un attimo per prestare una cura maggiore ai dettagli. Il che non è necessariamente un male.

tratto dal Mucchio n°674

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...