Nel momento in cui scriviamo queste righe, salta fuori la notizia che We Got It From Here… Thank You 4 Your Service è finito al primo posto nelle classifiche di vendita americane. Ora: è vero che non si vende più un disco quindi può capitare un po’ a tutti di finire in alto nei dati di vendita settimanali, però è anche vero che A Tribe Called Quest non solo non fanno un disco da diciotto anni (e di reunion live ne hanno fatta mezza ormai qualche anno fa, senza nemmeno troppi squilli di tromba) ma soprattutto loro sono i Buoni. E i Buoni, di solito, non vincono mai. Loro sono i Buoni perché il loro è il rap perfetto: elegantissimo nei suoni, intelligente ma non saccente nei testi che sono pieni di storytelling dove i lati oscuri (violenza, ostentazione, eccetera) non vengono evitati ma vengono invece affrontati con arguzia, onestà e buon senso. Più ancora dei De La Soul, già dei grandissimi di loro, gli ATCQ sono proprio il gruppo hip hop che non può non piacere a chiunque ami la musica, e intendiamo la musica tutta. Se le vibrazioni jazzy sono entrate nell’hip hop degli anni ‘90, rendendolo qualcosa di magico, lo dobbiamo soprattutto a loro con album come Low End Theory (OK, il premio va ex aequo anche a Premier e a Guru, tra quanto fatto per Gant Starr e Jazzmatazz).

I Buoni non vincono mai. Figuriamoci dei Buoni che, mettiamola giù con cinismo, devono piangere un lutto terribile (Phife Dawg, il socio di Q-Tip al microfono, è morto durante la lavorazione del disco, perdendo la sua lotta contro i danni del diabete), che è una cosa che aiuta sempre a finire nei favori del pubblico, ma i diritti interessati in generale non hanno mai sgomitato (giusto Q-Tip un decennio fa nelle sue uscite da solista un po’ megalomani, ma nemmeno più di tanto, e comunque se lo poteva permettere) e in questo album se ne sono fregati, ma proprio altamente fregati di inseguire il suono del momento. Che è il dramma della musica rap da anni a questa parte: l’ossessione per il suono radiofonico, per quello che funziona nel qui&ora, con una conseguente omologazione e banalizzazione della veste sonora d’accompagnamento.

Oh, i signori qui presenti arrivavano da diciotto anni di silenzio discografico: chiunque avrebbe avuto paura di suonare datato, superato, poco attuale, e avrebbe tentato faticosamente di far vedere che, yeah!, lui era al passo con i tempi. We Got It From Here… non sta al passo con i tempi: li supera. Li sorvola, fregandosene. Perché è classe che non ha data di scadenza. Ha il tipicissimo suono ATCQ, ma lo innerva anche di striature nuove (tipo quelle regalate da Jack White nei vari interventi chitarristici disseminati qua e là: una collaborazione apparentemente improbabile, in realtà perfetta); ha il dono della chiarezza e della efficace semplicità, ma si concede lo stesso tantissimi gustosi coriandoli sonori molto bizzarri e psichedelici; ha il dono di sovvertire i luoghi comuni, perché suona grasso (“phat”, come direbbero gli americani) pur avendo linee ritmiche leggere e non usando frequenze basse troppo ridondanti e ostentate, quindi al primo ascolto fai davvero fatica a capire come sia possibile. Le liriche sono di una intensità notevole, con momenti dolorosi ma senza mai rinunciare alla scorrevolezza di fondo che è un marchio di fabbrica.

Insomma, non c’è una cosa brutta o bruttina qui in mezzo. Mentre di meraviglie ce ne sono tante. Lo diciamo da critici musicali, da amanti del rap, da semplici ascoltatori. Mo’ che salta fuori pure che il disco sta vendendo alla grande, più di qualsiasi altra cosa a un paio di settimane dalla sua uscita, veramente ti chiedi come sia possibili che i pianeti si allineino in modo così totale. Che poi, già di tuo ti stavi chiedendo com’era possibile che quella che ti immaginavi una reunion bella, positiva, interessante ma comunque un po’ forzata, datata e formulaica avesse fruttato un capolavoro simile, così artisticamente vivo. Che dire? Ogni tanto succede. Chissà ora quanto altro tempo dovremo aspettare.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...