PADANIA
Artist First

Bisognerebbe fare tabula rasa, per affrontare correttamente un album così. Dimenticarsi del precedente “I milanesi ammazzano il sabato”, degli ultimi quattro anni su e giù per il mondo, del Sanremo con “Il Paese è reale”, della scelta di indipendenza assoluta che segna proprio l’arrivo di “Padania”: insomma, un vortice che potrebbe soffocarne le vie più originali. Lo stesso titolo appare fuorviante: muove il ricordo verso la politica di oggi, anche se proprio Manuel Agnelli afferma che si tratta di “uno stato mentale”, qualcosa legato a un orizzonte culturale antico, non solo geografico. Il materiale di cui è composto il disco, insomma, è talmente solido da non avere punti critici: il nitore della produzione, a cui ha ben contribuito Tommaso Colliva, la voce di Agnelli, accostabile, e scusate il tiro verso l’alto, a quella di Demetrio Stratos, il violino di Rodrigo d’Erasmo che non è mai stato così dissonante, le linee spezzate e non ricucite delle melodie. “Ha ancora senso battersi contro un demone / quando la dittatura è dentro di te?”, recita un frammento della title track, e il dissidio con sé medesimi è una parte rilevante dei testi: il nulla che batte alla porta, il blu che là fuori diventa nero. Un’opera densa di letteratura, dichiarata o nascosta: al sottoscritto sono venuti in mente libri come “Furore” o “Le particelle elementari”, ma si tratta di suggestioni personalissime: ciò che conta è la capacità, di ogni canzone, di avviare procedimenti empatici, di impadronirsi dell’ascoltatore con musiche (intrecciate, nette, distorte, psichedeliche, blues: in una parola, libere) a cui non si può sfuggire.
Abbiamo citato Demetrio Stratos e arriveremmo pure a citare gli Area, non perché si possano appaiare per forza strade così lontane: la tensione con cui si delinea “Padania” è però messa a punto talmente bene che la sua complessità ci costringe a considerare gli Afterhours i più bravi fuori quota della musica italiana di oggi. Gioia, rivoluzione e rock’n’roll, insomma, tutte in un unico fiato sonoro. Viva.

Tratto dal Mucchio n°693

 

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...