PADANIA
Artist First

Bisognerebbe fare tabula rasa, per affrontare correttamente un album così. Dimenticarsi del precedente “I milanesi ammazzano il sabato”, degli ultimi quattro anni su e giù per il mondo, del Sanremo con “Il Paese è reale”, della scelta di indipendenza assoluta che segna proprio l’arrivo di “Padania”: insomma, un vortice che potrebbe soffocarne le vie più originali. Lo stesso titolo appare fuorviante: muove il ricordo verso la politica di oggi, anche se proprio Manuel Agnelli afferma che si tratta di “uno stato mentale”, qualcosa legato a un orizzonte culturale antico, non solo geografico. Il materiale di cui è composto il disco, insomma, è talmente solido da non avere punti critici: il nitore della produzione, a cui ha ben contribuito Tommaso Colliva, la voce di Agnelli, accostabile, e scusate il tiro verso l’alto, a quella di Demetrio Stratos, il violino di Rodrigo d’Erasmo che non è mai stato così dissonante, le linee spezzate e non ricucite delle melodie. “Ha ancora senso battersi contro un demone / quando la dittatura è dentro di te?”, recita un frammento della title track, e il dissidio con sé medesimi è una parte rilevante dei testi: il nulla che batte alla porta, il blu che là fuori diventa nero. Un’opera densa di letteratura, dichiarata o nascosta: al sottoscritto sono venuti in mente libri come “Furore” o “Le particelle elementari”, ma si tratta di suggestioni personalissime: ciò che conta è la capacità, di ogni canzone, di avviare procedimenti empatici, di impadronirsi dell’ascoltatore con musiche (intrecciate, nette, distorte, psichedeliche, blues: in una parola, libere) a cui non si può sfuggire.
Abbiamo citato Demetrio Stratos e arriveremmo pure a citare gli Area, non perché si possano appaiare per forza strade così lontane: la tensione con cui si delinea “Padania” è però messa a punto talmente bene che la sua complessità ci costringe a considerare gli Afterhours i più bravi fuori quota della musica italiana di oggi. Gioia, rivoluzione e rock’n’roll, insomma, tutte in un unico fiato sonoro. Viva.

Tratto dal Mucchio n°693

 

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....