PADANIA
Artist First

Bisognerebbe fare tabula rasa, per affrontare correttamente un album così. Dimenticarsi del precedente “I milanesi ammazzano il sabato”, degli ultimi quattro anni su e giù per il mondo, del Sanremo con “Il Paese è reale”, della scelta di indipendenza assoluta che segna proprio l’arrivo di “Padania”: insomma, un vortice che potrebbe soffocarne le vie più originali. Lo stesso titolo appare fuorviante: muove il ricordo verso la politica di oggi, anche se proprio Manuel Agnelli afferma che si tratta di “uno stato mentale”, qualcosa legato a un orizzonte culturale antico, non solo geografico. Il materiale di cui è composto il disco, insomma, è talmente solido da non avere punti critici: il nitore della produzione, a cui ha ben contribuito Tommaso Colliva, la voce di Agnelli, accostabile, e scusate il tiro verso l’alto, a quella di Demetrio Stratos, il violino di Rodrigo d’Erasmo che non è mai stato così dissonante, le linee spezzate e non ricucite delle melodie. “Ha ancora senso battersi contro un demone / quando la dittatura è dentro di te?”, recita un frammento della title track, e il dissidio con sé medesimi è una parte rilevante dei testi: il nulla che batte alla porta, il blu che là fuori diventa nero. Un’opera densa di letteratura, dichiarata o nascosta: al sottoscritto sono venuti in mente libri come “Furore” o “Le particelle elementari”, ma si tratta di suggestioni personalissime: ciò che conta è la capacità, di ogni canzone, di avviare procedimenti empatici, di impadronirsi dell’ascoltatore con musiche (intrecciate, nette, distorte, psichedeliche, blues: in una parola, libere) a cui non si può sfuggire.
Abbiamo citato Demetrio Stratos e arriveremmo pure a citare gli Area, non perché si possano appaiare per forza strade così lontane: la tensione con cui si delinea “Padania” è però messa a punto talmente bene che la sua complessità ci costringe a considerare gli Afterhours i più bravi fuori quota della musica italiana di oggi. Gioia, rivoluzione e rock’n’roll, insomma, tutte in un unico fiato sonoro. Viva.

Tratto dal Mucchio n°693

 

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...