PADANIA
Artist First

Bisognerebbe fare tabula rasa, per affrontare correttamente un album così. Dimenticarsi del precedente “I milanesi ammazzano il sabato”, degli ultimi quattro anni su e giù per il mondo, del Sanremo con “Il Paese è reale”, della scelta di indipendenza assoluta che segna proprio l’arrivo di “Padania”: insomma, un vortice che potrebbe soffocarne le vie più originali. Lo stesso titolo appare fuorviante: muove il ricordo verso la politica di oggi, anche se proprio Manuel Agnelli afferma che si tratta di “uno stato mentale”, qualcosa legato a un orizzonte culturale antico, non solo geografico. Il materiale di cui è composto il disco, insomma, è talmente solido da non avere punti critici: il nitore della produzione, a cui ha ben contribuito Tommaso Colliva, la voce di Agnelli, accostabile, e scusate il tiro verso l’alto, a quella di Demetrio Stratos, il violino di Rodrigo d’Erasmo che non è mai stato così dissonante, le linee spezzate e non ricucite delle melodie. “Ha ancora senso battersi contro un demone / quando la dittatura è dentro di te?”, recita un frammento della title track, e il dissidio con sé medesimi è una parte rilevante dei testi: il nulla che batte alla porta, il blu che là fuori diventa nero. Un’opera densa di letteratura, dichiarata o nascosta: al sottoscritto sono venuti in mente libri come “Furore” o “Le particelle elementari”, ma si tratta di suggestioni personalissime: ciò che conta è la capacità, di ogni canzone, di avviare procedimenti empatici, di impadronirsi dell’ascoltatore con musiche (intrecciate, nette, distorte, psichedeliche, blues: in una parola, libere) a cui non si può sfuggire.
Abbiamo citato Demetrio Stratos e arriveremmo pure a citare gli Area, non perché si possano appaiare per forza strade così lontane: la tensione con cui si delinea “Padania” è però messa a punto talmente bene che la sua complessità ci costringe a considerare gli Afterhours i più bravi fuori quota della musica italiana di oggi. Gioia, rivoluzione e rock’n’roll, insomma, tutte in un unico fiato sonoro. Viva.

Tratto dal Mucchio n°693

 

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...