POCKET SYMPHONY
Virgin/Emi

Il miglior disco degli Air dai tempi di “Moon Safari”? Ci sbilanciamo e lo affermiamo senza troppe riserve. Perché il duo francese ha fatto di  tutto per liberarsi di quello stupefacente esordio e delle successive aspettative createsi, in modo anche coraggioso e nonostante tutto fallimentare (“10000 Hz Legend”), giocando con il passato in modo sfacciato, ovvero facendo un monumento ai loro ascolti più vintage (l’eccellente “The Virgin Suicides”), o ridisegnandosi con nuove ipotesi di ambientazione sonora, più concise, in un “Talkie Walkie” che li rivedeva risalire da un livello discreto a uno più che buono; ma forse scappare del tutto non serviva, meglio riappropriarsi del proprio passato e immaginarlo altrove, operazione che finalmente qui ci sembra riesca a compiersi del tutto.
“Pocket Symphony”, oltre a confermare il ritorno della forma migliore, riesce in qualche modo a recuperare, dal passato dei Nostri, quel mood retrofuturista che un poco si era perso nelle prove successive e a ricollocarlo in un modernissimo ambiente sonoro dagli ampi spazi, più spoglio, dove il contributo di Nigel Godrich è sempre più determinante. Pianoforti, chitarre acustiche e strumenti esotici (il koto, arpa orizzontale giapponese) si (ri)prendono spazio rendendo il paesaggio più inquieto, laddove il disco precedente preferiva una maggiore uniformità di suoni e colori. E poi, naturalmente, gli incontri con Jarvis Cocker e Neil Hannon sono determinanti. Superlativa la prova del primo in “One Hell Of A Party”, voce decadente che scivola come catrame su un mare di carillon elettronici, appena inferiore quella del secondo in “Somewhere Between Waking And Sleeping”, elegante miniatura acustica affidata a piano, chitarra e archi, la voce fluttuante e riverberata. Ci sono poi giri di basso appiccicosissimi (“Na-palm Love”), voci maschili e femminili che si rincorrono su tappeti di pianoforte e ritmi complessi e stratificati (“Once Upon A Time”), psichedelia da camera (“Mayfair Song”). Se “Moon Safari” era uno stato d’animo, ora lo abbiamo ritrovato.

(Recensione tratta dal Mucchio 632 – Marzo 2007, in cui trovate anche un’intervista alla band)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...