ATTENTO A ME STESSO
Urtovox/Audioglobe

Alessandro Fiori fugge ogni catalogazione, come confermato dal titolo del suo debutto solistico, da leggersi sia nel senso di un tentativo di auto-danneggiamento sia nell’atto di resistenza manifestato col prendersi cura della propria persona. Il frontman dei Mariposa, che con l’album omonimo dello scorso anno si erano non a caso focalizzati su brani più accessibili seppur ben poco convenzionali, si è diviso per l’occasione fra pianoforte e violino e ha chiamato a raccolta un manipolo di prestigiosi collaboratori: Alessandro “Asso” Stefana a occuparsi di registrazione, chitarre e basso, Marco Parente che torna a sedersi alla batteria – alla quale si alterna anche Zeno De Rossi – come ai tempi dei primi C.S.I., Danilo Gallo al contrabbasso e il compagno della band madre Enrico Gabrielli a fiati e vibrafono. Mixato da Giacomo Fiorenza, il disco arriva così a sublimare un percorso che finora si era diramato in numerosi progetti paralleli: Amore, Betti Barsantini e Assodifiori, rispettivamente in compagnia dei medesimi Parente e Stefana. Il cantautore toscano trae ispirazione da Enzo Jannacci, Piero Ciampi, Lucio Dalla e Ivan Graziani, ma riesce a calarsi perfettamente nei giorni correnti grazie a un personalissimo tocco di surreale poesia, che si sposa alla perfezione con tracce perlopiù morbide nelle atmosfere e sufficientemente stravaganti nei dettagli. L’amore per la pittura è palesato poi con una strutturazione atipica, articolata in tre pannelli concettuali: si passa dalla filastrocca di prologo Idrocarburi all’irresistibile Catino blu, dalle nostalgie introverse di Lungomare e Fuori piove agli spumeggianti affreschi aretini dispensati in La vasca, dalle esilaranti riflessioni musicali di 2 cowboy per un parcheggio agli amori alcolici di Senza le dita, dalle insofferenze urbane di Labbra fredde ai rimandi mentali a Pasolini in Trenino a cherosene. Undici belle canzoni, artigianali nelle loro melodie color pastello, vestite di tutto punto nelle loro curatissime sonorità. Undici belle canzoni per un personaggio che, all’interno dell’attuale panorama italiano, è ormai impossibile sottovalutare.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...