fiori
Alessandro Fiori

Plancton

Woodworm/Ibexhouse/Audioglobe
8.5

Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico Aaron Swartz, suicida nel 2013, e posto in apertura dell’album elettronico/acquatico di Alessandro Fiori. È il buio degli abissi, quelli interiori che spaventano di più, a legare i dieci episodi di Plancton in uno stagno magnetico, nel quale è catartico lasciarsi affondare. L’ex Mariposa è uno dei nostri più brillanti autori di canzoni, come dimostrato dai precedenti Attento a me stesso e Questo dolce museo (senza contare Cascata, compendio di inediti e cover in vinile). Si può dunque parlare di una terza prova da solista, coraggiosa nell’allontanarsi dal songwriting bizzarro ma perlopiù leggiadro di ieri. Oggi produzione artistica, sample, synth, rumori e suoni d’ambiente sono congegnati insieme a FRNKBRT e Tasto Esc, amalgamandosi perfettamente a chitarre e violini.

Mai avremmo immaginato di ascoltare strumentali come la title track o Sereno, che rimandano inevitabilmente ai Massive Attack di Mezzanine, ai Radiohead di Kid A. Nonostante la foggia sia all’avanguardia, non si perde il gusto per la scrittura, in un discorso di scardinamento del cantautorato affine, anzi speculare, a quello attuato lo scorso anno da IOSONOUNCANE. A volte torna quell’eccentricità poco avvezza a prendersi sul serio, che sia con la divertentissima Mangia! oppure con i riferimenti fiorentini dell’ode – per mezzo di harmonium e pietre – al disegno a mano in luogo dello scatto digitale di Piazzale Michelangelo e dell’invettiva ritmata di Galluzzo. Più spesso si resta meravigliosamente attoniti: Margine (sul filo sottile che separa gioia e dolore), Ho paura (surreale racconto delle sensazioni esperite da un morto dentro alla bara), Ivo e Maria (storia hanekiana di Alzheimer, dalle sonorità dolcemente inquietanti), Madonna con bambino rubato (preghiera alternativa per una migliore umanità) sono piccoli, grandi capolavori di sensibilità creativa. All’interno di un disco importante.

 

 

Commenti

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...