fiori
Alessandro Fiori

Plancton

Woodworm/Ibexhouse/Audioglobe
8.5

Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico Aaron Swartz, suicida nel 2013, e posto in apertura dell’album elettronico/acquatico di Alessandro Fiori. È il buio degli abissi, quelli interiori che spaventano di più, a legare i dieci episodi di Plancton in uno stagno magnetico, nel quale è catartico lasciarsi affondare. L’ex Mariposa è uno dei nostri più brillanti autori di canzoni, come dimostrato dai precedenti Attento a me stesso e Questo dolce museo (senza contare Cascata, compendio di inediti e cover in vinile). Si può dunque parlare di una terza prova da solista, coraggiosa nell’allontanarsi dal songwriting bizzarro ma perlopiù leggiadro di ieri. Oggi produzione artistica, sample, synth, rumori e suoni d’ambiente sono congegnati insieme a FRNKBRT e Tasto Esc, amalgamandosi perfettamente a chitarre e violini.

Mai avremmo immaginato di ascoltare strumentali come la title track o Sereno, che rimandano inevitabilmente ai Massive Attack di Mezzanine, ai Radiohead di Kid A. Nonostante la foggia sia all’avanguardia, non si perde il gusto per la scrittura, in un discorso di scardinamento del cantautorato affine, anzi speculare, a quello attuato lo scorso anno da IOSONOUNCANE. A volte torna quell’eccentricità poco avvezza a prendersi sul serio, che sia con la divertentissima Mangia! oppure con i riferimenti fiorentini dell’ode – per mezzo di harmonium e pietre – al disegno a mano in luogo dello scatto digitale di Piazzale Michelangelo e dell’invettiva ritmata di Galluzzo. Più spesso si resta meravigliosamente attoniti: Margine (sul filo sottile che separa gioia e dolore), Ho paura (surreale racconto delle sensazioni esperite da un morto dentro alla bara), Ivo e Maria (storia hanekiana di Alzheimer, dalle sonorità dolcemente inquietanti), Madonna con bambino rubato (preghiera alternativa per una migliore umanità) sono piccoli, grandi capolavori di sensibilità creativa. All’interno di un disco importante.

 

 

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...