THIRD MOUTH
Thrill Jockey/Goodfellas

Pubblicato all’incirca un anno fa, “Dorwytch” fu il primo album di Alexander Tucker a uscire su Thrill Jockey e il primo disco dell’inglese a segnare in maniera così netta un avvicinamento – non sempre perfettamente focalizzato, a parere di chi scrive – a un folk più tradizionalmente inteso dopo una serie di suggestivi lavori oscillanti tra drone music, fitti pattern elettroacustici, voci eteree e una certa predilezione per i colori più scuri dello spettro delle frequenze e le tonalità minori (non è un caso che l’artista del Kent abbia collaborato in più di un’occasione con Stephen O’Malley dei Sunn O))).
“Third Mouth” è la naturale prosecuzione di quel percorso e questa volta ogni elemento sembra essere al suo posto, rodato e funzionale. Strutture solide e atmosfere fluttuanti, stati d’animo codificati in forma di suono e melodie si integrano senza soluzione di continuità, nel senso che non si viene mai a creare un vero e proprio stacco tra le intenzioni più sperimentali e bisogno di rendere fruibili in qualche misura i propri percorsi sonori. Avvicinando lo sguardo all’oggetto dell’analisi, possiamo tranquillamente dire che l’iniziale “A Dried Seahorse” è, finora, la creazione più suadente del cantante e chitarrista, adagiata su pigri arpeggi e di tanto in tanto lambita da screziature prog che ritornano nella successiva “The Glass Axe”, incarnate dallo scampanellare di quella che sembra una celesta, e nell’organo da chiesa in acido di “Sitting In A Bardo Pond”, medievale e lisergica al tempo stesso. Mentre “Window Sill”, con quell’andatura a scatti, vagamente robotica, sembra una cartolina mai spedita dai verdi giardini di “Another Green World”, con un Brian Eno evocato anche nella impersonale serenità del canto, e la lunga e conclusiva “Rh” lancia nella ionosfera un requiem di matrice new wave, scandito da ritmi sintetici e sintetizzatori ipermalinconici. Tutti tasselli di un mosaico esoterico destinato a fruitori di nuove forme folk, purché curiosi e privi di preconcetti.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...