THIRD MOUTH
Thrill Jockey/Goodfellas

Pubblicato all’incirca un anno fa, “Dorwytch” fu il primo album di Alexander Tucker a uscire su Thrill Jockey e il primo disco dell’inglese a segnare in maniera così netta un avvicinamento – non sempre perfettamente focalizzato, a parere di chi scrive – a un folk più tradizionalmente inteso dopo una serie di suggestivi lavori oscillanti tra drone music, fitti pattern elettroacustici, voci eteree e una certa predilezione per i colori più scuri dello spettro delle frequenze e le tonalità minori (non è un caso che l’artista del Kent abbia collaborato in più di un’occasione con Stephen O’Malley dei Sunn O))).
“Third Mouth” è la naturale prosecuzione di quel percorso e questa volta ogni elemento sembra essere al suo posto, rodato e funzionale. Strutture solide e atmosfere fluttuanti, stati d’animo codificati in forma di suono e melodie si integrano senza soluzione di continuità, nel senso che non si viene mai a creare un vero e proprio stacco tra le intenzioni più sperimentali e bisogno di rendere fruibili in qualche misura i propri percorsi sonori. Avvicinando lo sguardo all’oggetto dell’analisi, possiamo tranquillamente dire che l’iniziale “A Dried Seahorse” è, finora, la creazione più suadente del cantante e chitarrista, adagiata su pigri arpeggi e di tanto in tanto lambita da screziature prog che ritornano nella successiva “The Glass Axe”, incarnate dallo scampanellare di quella che sembra una celesta, e nell’organo da chiesa in acido di “Sitting In A Bardo Pond”, medievale e lisergica al tempo stesso. Mentre “Window Sill”, con quell’andatura a scatti, vagamente robotica, sembra una cartolina mai spedita dai verdi giardini di “Another Green World”, con un Brian Eno evocato anche nella impersonale serenità del canto, e la lunga e conclusiva “Rh” lancia nella ionosfera un requiem di matrice new wave, scandito da ritmi sintetici e sintetizzatori ipermalinconici. Tutti tasselli di un mosaico esoterico destinato a fruitori di nuove forme folk, purché curiosi e privi di preconcetti.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...