THIRD MOUTH
Thrill Jockey/Goodfellas

Pubblicato all’incirca un anno fa, “Dorwytch” fu il primo album di Alexander Tucker a uscire su Thrill Jockey e il primo disco dell’inglese a segnare in maniera così netta un avvicinamento – non sempre perfettamente focalizzato, a parere di chi scrive – a un folk più tradizionalmente inteso dopo una serie di suggestivi lavori oscillanti tra drone music, fitti pattern elettroacustici, voci eteree e una certa predilezione per i colori più scuri dello spettro delle frequenze e le tonalità minori (non è un caso che l’artista del Kent abbia collaborato in più di un’occasione con Stephen O’Malley dei Sunn O))).
“Third Mouth” è la naturale prosecuzione di quel percorso e questa volta ogni elemento sembra essere al suo posto, rodato e funzionale. Strutture solide e atmosfere fluttuanti, stati d’animo codificati in forma di suono e melodie si integrano senza soluzione di continuità, nel senso che non si viene mai a creare un vero e proprio stacco tra le intenzioni più sperimentali e bisogno di rendere fruibili in qualche misura i propri percorsi sonori. Avvicinando lo sguardo all’oggetto dell’analisi, possiamo tranquillamente dire che l’iniziale “A Dried Seahorse” è, finora, la creazione più suadente del cantante e chitarrista, adagiata su pigri arpeggi e di tanto in tanto lambita da screziature prog che ritornano nella successiva “The Glass Axe”, incarnate dallo scampanellare di quella che sembra una celesta, e nell’organo da chiesa in acido di “Sitting In A Bardo Pond”, medievale e lisergica al tempo stesso. Mentre “Window Sill”, con quell’andatura a scatti, vagamente robotica, sembra una cartolina mai spedita dai verdi giardini di “Another Green World”, con un Brian Eno evocato anche nella impersonale serenità del canto, e la lunga e conclusiva “Rh” lancia nella ionosfera un requiem di matrice new wave, scandito da ritmi sintetici e sintetizzatori ipermalinconici. Tutti tasselli di un mosaico esoterico destinato a fruitori di nuove forme folk, purché curiosi e privi di preconcetti.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...