THIRD MOUTH
Thrill Jockey/Goodfellas

Pubblicato all’incirca un anno fa, “Dorwytch” fu il primo album di Alexander Tucker a uscire su Thrill Jockey e il primo disco dell’inglese a segnare in maniera così netta un avvicinamento – non sempre perfettamente focalizzato, a parere di chi scrive – a un folk più tradizionalmente inteso dopo una serie di suggestivi lavori oscillanti tra drone music, fitti pattern elettroacustici, voci eteree e una certa predilezione per i colori più scuri dello spettro delle frequenze e le tonalità minori (non è un caso che l’artista del Kent abbia collaborato in più di un’occasione con Stephen O’Malley dei Sunn O))).
“Third Mouth” è la naturale prosecuzione di quel percorso e questa volta ogni elemento sembra essere al suo posto, rodato e funzionale. Strutture solide e atmosfere fluttuanti, stati d’animo codificati in forma di suono e melodie si integrano senza soluzione di continuità, nel senso che non si viene mai a creare un vero e proprio stacco tra le intenzioni più sperimentali e bisogno di rendere fruibili in qualche misura i propri percorsi sonori. Avvicinando lo sguardo all’oggetto dell’analisi, possiamo tranquillamente dire che l’iniziale “A Dried Seahorse” è, finora, la creazione più suadente del cantante e chitarrista, adagiata su pigri arpeggi e di tanto in tanto lambita da screziature prog che ritornano nella successiva “The Glass Axe”, incarnate dallo scampanellare di quella che sembra una celesta, e nell’organo da chiesa in acido di “Sitting In A Bardo Pond”, medievale e lisergica al tempo stesso. Mentre “Window Sill”, con quell’andatura a scatti, vagamente robotica, sembra una cartolina mai spedita dai verdi giardini di “Another Green World”, con un Brian Eno evocato anche nella impersonale serenità del canto, e la lunga e conclusiva “Rh” lancia nella ionosfera un requiem di matrice new wave, scandito da ritmi sintetici e sintetizzatori ipermalinconici. Tutti tasselli di un mosaico esoterico destinato a fruitori di nuove forme folk, purché curiosi e privi di preconcetti.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...