81asAaBOvLL._SL1500_
Algiers

Algiers

Matador/Self
7

Messa giù così suonerà brutale, ma questo avrebbe potuto, anzi dovuto, essere il disco più “negro” capitatoci per le mani nell’ultima stagione. Con le cattive nuove che arrivano dai Southern States, i recenti ritorni in pista di D’Angelo e di Kendrick Lamar, e l’incazzatura generale in vistosa risalita, non poteva esistere momento migliore per lanciare un progetto che affrontasse la questione di petto, andando a sciogliere certi rimossi sulla condizione degli afroamericani negli Stati Uniti a mezzo secolo dalla Marcia di Selma. Ecco, se gli Algiers non sono proprio quel progetto, fanno il possibile per sembrarlo: la loro proposta è un incontro calcolato al millimetro tra le distopie industriali di certo post-punk politicizzato e il soul più militante, gli echi modernisti dell’hip hop e il gospel come canto delle radici. Su tale gioco d’incastri, sapientemente preparato dai due “visi pallidi” Lee Tesche e Ryan Mahan, si staglia la voce inequivocabilmente black di Franklin James Fisher, che nei testi più riusciti (essenzialmente Blood e What Remains) sa fare il calco delle cadenze millenarie del gospel e rivolgerle all’attualità – allo stesso modo in cui certe canzoni di Bob Dylan che, partendo dall’Antico Testamento, puntavano il dito contro l’oggi.

Tutto al posto giusto dunque, almeno sulla carta. Perché quando si arriva all’ascolto la sensazione di una rivoluzione costruita in laboratorio e per giunta assemblata a distanza – i tre vivono in continenti diversi – comincia a farsi gravosa. Dovessimo dire cos’è di preciso che manca ad Algiers punteremmo su un po’ di movimento: paradossale, per un album che in scaletta conta una maggioranza di episodi uptempo, ma proprio il mancato impatto di brani del calibro di Black Eunuch e Irony Utility Pretext fa capire che ci troviamo davanti a proiettili di gomma. Li aspettiamo al palcoscenico per la prova della verità: come disse un uomo saggio, se non avviene dal vivo allora non è una Rivoluzione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...