81asAaBOvLL._SL1500_
Algiers

Algiers

Matador/Self
7

Messa giù così suonerà brutale, ma questo avrebbe potuto, anzi dovuto, essere il disco più “negro” capitatoci per le mani nell’ultima stagione. Con le cattive nuove che arrivano dai Southern States, i recenti ritorni in pista di D’Angelo e di Kendrick Lamar, e l’incazzatura generale in vistosa risalita, non poteva esistere momento migliore per lanciare un progetto che affrontasse la questione di petto, andando a sciogliere certi rimossi sulla condizione degli afroamericani negli Stati Uniti a mezzo secolo dalla Marcia di Selma. Ecco, se gli Algiers non sono proprio quel progetto, fanno il possibile per sembrarlo: la loro proposta è un incontro calcolato al millimetro tra le distopie industriali di certo post-punk politicizzato e il soul più militante, gli echi modernisti dell’hip hop e il gospel come canto delle radici. Su tale gioco d’incastri, sapientemente preparato dai due “visi pallidi” Lee Tesche e Ryan Mahan, si staglia la voce inequivocabilmente black di Franklin James Fisher, che nei testi più riusciti (essenzialmente Blood e What Remains) sa fare il calco delle cadenze millenarie del gospel e rivolgerle all’attualità – allo stesso modo in cui certe canzoni di Bob Dylan che, partendo dall’Antico Testamento, puntavano il dito contro l’oggi.

Tutto al posto giusto dunque, almeno sulla carta. Perché quando si arriva all’ascolto la sensazione di una rivoluzione costruita in laboratorio e per giunta assemblata a distanza – i tre vivono in continenti diversi – comincia a farsi gravosa. Dovessimo dire cos’è di preciso che manca ad Algiers punteremmo su un po’ di movimento: paradossale, per un album che in scaletta conta una maggioranza di episodi uptempo, ma proprio il mancato impatto di brani del calibro di Black Eunuch e Irony Utility Pretext fa capire che ci troviamo davanti a proiettili di gomma. Li aspettiamo al palcoscenico per la prova della verità: come disse un uomo saggio, se non avviene dal vivo allora non è una Rivoluzione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...