81asAaBOvLL._SL1500_
Algiers

Algiers

Matador/Self
7

Messa giù così suonerà brutale, ma questo avrebbe potuto, anzi dovuto, essere il disco più “negro” capitatoci per le mani nell’ultima stagione. Con le cattive nuove che arrivano dai Southern States, i recenti ritorni in pista di D’Angelo e di Kendrick Lamar, e l’incazzatura generale in vistosa risalita, non poteva esistere momento migliore per lanciare un progetto che affrontasse la questione di petto, andando a sciogliere certi rimossi sulla condizione degli afroamericani negli Stati Uniti a mezzo secolo dalla Marcia di Selma. Ecco, se gli Algiers non sono proprio quel progetto, fanno il possibile per sembrarlo: la loro proposta è un incontro calcolato al millimetro tra le distopie industriali di certo post-punk politicizzato e il soul più militante, gli echi modernisti dell’hip hop e il gospel come canto delle radici. Su tale gioco d’incastri, sapientemente preparato dai due “visi pallidi” Lee Tesche e Ryan Mahan, si staglia la voce inequivocabilmente black di Franklin James Fisher, che nei testi più riusciti (essenzialmente Blood e What Remains) sa fare il calco delle cadenze millenarie del gospel e rivolgerle all’attualità – allo stesso modo in cui certe canzoni di Bob Dylan che, partendo dall’Antico Testamento, puntavano il dito contro l’oggi.

Tutto al posto giusto dunque, almeno sulla carta. Perché quando si arriva all’ascolto la sensazione di una rivoluzione costruita in laboratorio e per giunta assemblata a distanza – i tre vivono in continenti diversi – comincia a farsi gravosa. Dovessimo dire cos’è di preciso che manca ad Algiers punteremmo su un po’ di movimento: paradossale, per un album che in scaletta conta una maggioranza di episodi uptempo, ma proprio il mancato impatto di brani del calibro di Black Eunuch e Irony Utility Pretext fa capire che ci troviamo davanti a proiettili di gomma. Li aspettiamo al palcoscenico per la prova della verità: come disse un uomo saggio, se non avviene dal vivo allora non è una Rivoluzione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...