81asAaBOvLL._SL1500_
Algiers

Algiers

Matador/Self
7

Messa giù così suonerà brutale, ma questo avrebbe potuto, anzi dovuto, essere il disco più “negro” capitatoci per le mani nell’ultima stagione. Con le cattive nuove che arrivano dai Southern States, i recenti ritorni in pista di D’Angelo e di Kendrick Lamar, e l’incazzatura generale in vistosa risalita, non poteva esistere momento migliore per lanciare un progetto che affrontasse la questione di petto, andando a sciogliere certi rimossi sulla condizione degli afroamericani negli Stati Uniti a mezzo secolo dalla Marcia di Selma. Ecco, se gli Algiers non sono proprio quel progetto, fanno il possibile per sembrarlo: la loro proposta è un incontro calcolato al millimetro tra le distopie industriali di certo post-punk politicizzato e il soul più militante, gli echi modernisti dell’hip hop e il gospel come canto delle radici. Su tale gioco d’incastri, sapientemente preparato dai due “visi pallidi” Lee Tesche e Ryan Mahan, si staglia la voce inequivocabilmente black di Franklin James Fisher, che nei testi più riusciti (essenzialmente Blood e What Remains) sa fare il calco delle cadenze millenarie del gospel e rivolgerle all’attualità – allo stesso modo in cui certe canzoni di Bob Dylan che, partendo dall’Antico Testamento, puntavano il dito contro l’oggi.

Tutto al posto giusto dunque, almeno sulla carta. Perché quando si arriva all’ascolto la sensazione di una rivoluzione costruita in laboratorio e per giunta assemblata a distanza – i tre vivono in continenti diversi – comincia a farsi gravosa. Dovessimo dire cos’è di preciso che manca ad Algiers punteremmo su un po’ di movimento: paradossale, per un album che in scaletta conta una maggioranza di episodi uptempo, ma proprio il mancato impatto di brani del calibro di Black Eunuch e Irony Utility Pretext fa capire che ci troviamo davanti a proiettili di gomma. Li aspettiamo al palcoscenico per la prova della verità: come disse un uomo saggio, se non avviene dal vivo allora non è una Rivoluzione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....