I Moralisti
EMI

Questo secondo disco rappresenta un passaggio cruciale per gli Amor Fou, non solo perché gli si chiede di confermare quanto di buono mostrato e fatto intuire dal predecessore “La stagione del cannibale” (2007), ma anche in virtù della sua uscita per una major, la EMI, subentrata all’ultimo secondo a La Tempesta, che avrebbe in origine dovuto pubblicarlo. La bella notizia è che la band milanese, la cui line-up si è per metà rinnovata – al fianco di Alessandro Raina (voce, chitarra) e Leziero Rescigno (batteria) ora vi sono Giuliano Dottori e Paolo Perego alla sei-corde e al basso -, si presenta all’appuntamento con un’opera ambiziosa sulla carta quanto ben riuscita nei fatti. Convinto che ora più che mai il cantautorato debba uscire dai confini del proprio intimismo per affrontare il mondo e la società di oggi, il quartetto si propone, attraverso una raccolta di piccole storie quotidiane, di raccontare l’Italia degli ultimi decenni: un paese confuso, dolente, piegato da quella politica che invece dovrebbe sostenerlo, con i sentimenti a rappresentarne la maggiore spinta propulsiva.
Ecco allora che, tra personaggi veri (il tristemente celebre “Renatino” in “De Predis”) e verosimili (il sacerdote che soffoca la propria attrazione per un giovane in “Un ragazzo come tanti”, l’omosessuale suicida “Anita”), i brani sono altrettante fotografie che, messe una a fianco all’altra, creano un’immagine più ampia, impietosa nel suo romantico realismo. Guardando tanto al miglior rock moderno e al pop classico quanto alla canzone d’autore italiana sia del passato sia attuale, l’ensemble ha realizzato un album di ampio respiro, dalle trame sonore ricercate ma all’occorrenza anche molto fisiche (e comunque scevre di componenti elettroniche, a differenza di quanto avveniva in precedenza), ricco di melodie spumeggianti e ritornelli memorabili. Un lavoro di grande spessore e di qualità cristallina, del quale sfidiamo chiunque a non riconoscere il valore e l’importanza.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...