I Moralisti
EMI

Questo secondo disco rappresenta un passaggio cruciale per gli Amor Fou, non solo perché gli si chiede di confermare quanto di buono mostrato e fatto intuire dal predecessore “La stagione del cannibale” (2007), ma anche in virtù della sua uscita per una major, la EMI, subentrata all’ultimo secondo a La Tempesta, che avrebbe in origine dovuto pubblicarlo. La bella notizia è che la band milanese, la cui line-up si è per metà rinnovata – al fianco di Alessandro Raina (voce, chitarra) e Leziero Rescigno (batteria) ora vi sono Giuliano Dottori e Paolo Perego alla sei-corde e al basso -, si presenta all’appuntamento con un’opera ambiziosa sulla carta quanto ben riuscita nei fatti. Convinto che ora più che mai il cantautorato debba uscire dai confini del proprio intimismo per affrontare il mondo e la società di oggi, il quartetto si propone, attraverso una raccolta di piccole storie quotidiane, di raccontare l’Italia degli ultimi decenni: un paese confuso, dolente, piegato da quella politica che invece dovrebbe sostenerlo, con i sentimenti a rappresentarne la maggiore spinta propulsiva.
Ecco allora che, tra personaggi veri (il tristemente celebre “Renatino” in “De Predis”) e verosimili (il sacerdote che soffoca la propria attrazione per un giovane in “Un ragazzo come tanti”, l’omosessuale suicida “Anita”), i brani sono altrettante fotografie che, messe una a fianco all’altra, creano un’immagine più ampia, impietosa nel suo romantico realismo. Guardando tanto al miglior rock moderno e al pop classico quanto alla canzone d’autore italiana sia del passato sia attuale, l’ensemble ha realizzato un album di ampio respiro, dalle trame sonore ricercate ma all’occorrenza anche molto fisiche (e comunque scevre di componenti elettroniche, a differenza di quanto avveniva in precedenza), ricco di melodie spumeggianti e ritornelli memorabili. Un lavoro di grande spessore e di qualità cristallina, del quale sfidiamo chiunque a non riconoscere il valore e l’importanza.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...