I Moralisti
EMI

Questo secondo disco rappresenta un passaggio cruciale per gli Amor Fou, non solo perché gli si chiede di confermare quanto di buono mostrato e fatto intuire dal predecessore “La stagione del cannibale” (2007), ma anche in virtù della sua uscita per una major, la EMI, subentrata all’ultimo secondo a La Tempesta, che avrebbe in origine dovuto pubblicarlo. La bella notizia è che la band milanese, la cui line-up si è per metà rinnovata – al fianco di Alessandro Raina (voce, chitarra) e Leziero Rescigno (batteria) ora vi sono Giuliano Dottori e Paolo Perego alla sei-corde e al basso -, si presenta all’appuntamento con un’opera ambiziosa sulla carta quanto ben riuscita nei fatti. Convinto che ora più che mai il cantautorato debba uscire dai confini del proprio intimismo per affrontare il mondo e la società di oggi, il quartetto si propone, attraverso una raccolta di piccole storie quotidiane, di raccontare l’Italia degli ultimi decenni: un paese confuso, dolente, piegato da quella politica che invece dovrebbe sostenerlo, con i sentimenti a rappresentarne la maggiore spinta propulsiva.
Ecco allora che, tra personaggi veri (il tristemente celebre “Renatino” in “De Predis”) e verosimili (il sacerdote che soffoca la propria attrazione per un giovane in “Un ragazzo come tanti”, l’omosessuale suicida “Anita”), i brani sono altrettante fotografie che, messe una a fianco all’altra, creano un’immagine più ampia, impietosa nel suo romantico realismo. Guardando tanto al miglior rock moderno e al pop classico quanto alla canzone d’autore italiana sia del passato sia attuale, l’ensemble ha realizzato un album di ampio respiro, dalle trame sonore ricercate ma all’occorrenza anche molto fisiche (e comunque scevre di componenti elettroniche, a differenza di quanto avveniva in precedenza), ricco di melodie spumeggianti e ritornelli memorabili. Un lavoro di grande spessore e di qualità cristallina, del quale sfidiamo chiunque a non riconoscere il valore e l’importanza.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...