BACK TO BLACK
Universal

Già con Frank si era capito di avere a che fare con un talento fuori dal comune. Esordio confezionato a diciannove anni; una cosa che a livello di hype si è rivelata alla fine quasi controproducente, perché la Winehouse è diventata semplicemente “un’altra Joss Stone” (ambedue inglesi, ambedue giovinette, ambedue con un’impostazione vocale da grandi del soul di decenni fa). Riduttivo, troppo riduttivo. Con questo seguito, si dovrebbero adesso ristabilire un po’ di verità: tipo che Amy è ciò che Joss avrebbe dovuto essere, ma (per ora) non è ancora stata, né forse sarà mai. Non vogliamo sprecare però tempo nell’imbastire una gara, cadendo nel classico giochetto della rivalità femminile da inscenare. Il punto da evidenziare è che Back To Black è un album davvero magistrale. E sì che noi siamo fra quelli che guardano con un po’ di sospetto chi nel 2006 decide di riappropriarsi dello stile Motown, dell’R&B anni 60, del soul classico; questo perché di solito sono operazioni anche belle, sì, ma prima di tutto furbe. La Winehouse, invece, è talmente sciolta e a suo agio in queste undici tracce che non può essere furba. Vi è immersa con una naturalezza che non ha bisogno di particolari virtuosismi né di effetti speciali, ma che di per sé respira intensità e profondità. E classe: molta, moltissima. Nei testi usa anche sarcasmo e autoironia, segno che non sta svolgendo il temino o cantando cose d’altri, ma parla proprio in prima persona. La produzione, affidata a Salaam Remi (Nas, Fugees, Jurassic 5, ma anche nella notte dei tempi Here Comes The Hotstepper di Ini Kamoze) e Mark Ronson (ottima hip-hop head newyorkese) è fantastica: perché a un’impostazione appunto Motown, nelle strutture e negli arrangiamenti, applicano equalizzazioni tipiche dell’hip-hop contemporaneo, amalgamando questi due approcci sonori con spontaneità più unica che rara: chapeau. Non bastasse tutto ciò, su dieci canzoni otto sono molto buone e due – Love Is A Losing Game e Wake Up Alone – assolutamente meravigliose. Oggettivamente, gran disco.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...