BACK TO BLACK
Universal

Già con Frank si era capito di avere a che fare con un talento fuori dal comune. Esordio confezionato a diciannove anni; una cosa che a livello di hype si è rivelata alla fine quasi controproducente, perché la Winehouse è diventata semplicemente “un’altra Joss Stone” (ambedue inglesi, ambedue giovinette, ambedue con un’impostazione vocale da grandi del soul di decenni fa). Riduttivo, troppo riduttivo. Con questo seguito, si dovrebbero adesso ristabilire un po’ di verità: tipo che Amy è ciò che Joss avrebbe dovuto essere, ma (per ora) non è ancora stata, né forse sarà mai. Non vogliamo sprecare però tempo nell’imbastire una gara, cadendo nel classico giochetto della rivalità femminile da inscenare. Il punto da evidenziare è che Back To Black è un album davvero magistrale. E sì che noi siamo fra quelli che guardano con un po’ di sospetto chi nel 2006 decide di riappropriarsi dello stile Motown, dell’R&B anni 60, del soul classico; questo perché di solito sono operazioni anche belle, sì, ma prima di tutto furbe. La Winehouse, invece, è talmente sciolta e a suo agio in queste undici tracce che non può essere furba. Vi è immersa con una naturalezza che non ha bisogno di particolari virtuosismi né di effetti speciali, ma che di per sé respira intensità e profondità. E classe: molta, moltissima. Nei testi usa anche sarcasmo e autoironia, segno che non sta svolgendo il temino o cantando cose d’altri, ma parla proprio in prima persona. La produzione, affidata a Salaam Remi (Nas, Fugees, Jurassic 5, ma anche nella notte dei tempi Here Comes The Hotstepper di Ini Kamoze) e Mark Ronson (ottima hip-hop head newyorkese) è fantastica: perché a un’impostazione appunto Motown, nelle strutture e negli arrangiamenti, applicano equalizzazioni tipiche dell’hip-hop contemporaneo, amalgamando questi due approcci sonori con spontaneità più unica che rara: chapeau. Non bastasse tutto ciò, su dieci canzoni otto sono molto buone e due – Love Is A Losing Game e Wake Up Alone – assolutamente meravigliose. Oggettivamente, gran disco.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....