FLUORESCENT BLACK
Big Dada/Family Affair

Personalmente, non è che gli Anti Pop Consortium ci mancassero così tanto. La nostra personale opinione era che, all’epoca della loro apparizione e della loro breve parabola, fossero stati più fortunati che bravi e più furbi che talentuosi: avevano individuato una nicchia impresenziata, quella di un hip hop che fosse weird, e ci si erano tuffati dentro, guadagnando l’attenzione dalla solita categoria che vorrebbe tanto dimostrare di essere amica della tronfia arroganza di strada da b-boy (in quanto ne è fisiologicamente sfornita), nerd di periferia vari e loro giornalisti di riferimento. Ecco che quindi i vari Tragic Epilogue, Shopping Carts Crashing e Arrhythmia, giocati tutti a cavallo tra il 2000 e il 2002, non ci avevano mai convinti davvero, e men che meno ci riuscirono le successive sortite solistiche dei quattro elementi del gruppo, a partire da quelle di Beans.
A distanza di quasi dieci anni dai loro esordi, sono successe due cose: l’hip hop di ricerca in generale è un po’ peggiorato, mentre gli Anti Pop sono molto migliorati. Fluorescent Black infatti è una reunion riuscitissima, non il disperato tentativo di quattro spiantati con un (ipotetico) grande futuro dietro le spalle di spremere qualche soldo in più alla solita, e già munta, categoria di nerd&giornalisti (che poi: i giornalisti non pagano i dischi e, oddio, i nerd nel 2009 li scaricano). Beans, M. Sayyid, Earl Blaize e High Priest hanno usato questi anni per capire, alla fine e finalmente, che non c’è bisogno di essere programmaticamente sempre sgradevoli e sghembi, che è stupido seminare la propria formula solo di spigoli abolendo le curvature, che è possibile essere diversi dal mainstream senza rinunciare all’ascoltabilità. Fluorescent Black, sia nella musica che nei testi, è infatti un disco di spazi, di atmosfere perfino, di discorsi fluenti e non solo di rabbiose schegge balbettanti. Attenzione: non è che abbiano abdicato a se stessi mettendosi a fare le cose á la Kanye West. Il loro marchio c’è ancora, eccome. Semplicemente, sono migliorati, sono maturati. Molto.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...