FLUORESCENT BLACK
Big Dada/Family Affair

Personalmente, non è che gli Anti Pop Consortium ci mancassero così tanto. La nostra personale opinione era che, all’epoca della loro apparizione e della loro breve parabola, fossero stati più fortunati che bravi e più furbi che talentuosi: avevano individuato una nicchia impresenziata, quella di un hip hop che fosse weird, e ci si erano tuffati dentro, guadagnando l’attenzione dalla solita categoria che vorrebbe tanto dimostrare di essere amica della tronfia arroganza di strada da b-boy (in quanto ne è fisiologicamente sfornita), nerd di periferia vari e loro giornalisti di riferimento. Ecco che quindi i vari Tragic Epilogue, Shopping Carts Crashing e Arrhythmia, giocati tutti a cavallo tra il 2000 e il 2002, non ci avevano mai convinti davvero, e men che meno ci riuscirono le successive sortite solistiche dei quattro elementi del gruppo, a partire da quelle di Beans.
A distanza di quasi dieci anni dai loro esordi, sono successe due cose: l’hip hop di ricerca in generale è un po’ peggiorato, mentre gli Anti Pop sono molto migliorati. Fluorescent Black infatti è una reunion riuscitissima, non il disperato tentativo di quattro spiantati con un (ipotetico) grande futuro dietro le spalle di spremere qualche soldo in più alla solita, e già munta, categoria di nerd&giornalisti (che poi: i giornalisti non pagano i dischi e, oddio, i nerd nel 2009 li scaricano). Beans, M. Sayyid, Earl Blaize e High Priest hanno usato questi anni per capire, alla fine e finalmente, che non c’è bisogno di essere programmaticamente sempre sgradevoli e sghembi, che è stupido seminare la propria formula solo di spigoli abolendo le curvature, che è possibile essere diversi dal mainstream senza rinunciare all’ascoltabilità. Fluorescent Black, sia nella musica che nei testi, è infatti un disco di spazi, di atmosfere perfino, di discorsi fluenti e non solo di rabbiose schegge balbettanti. Attenzione: non è che abbiano abdicato a se stessi mettendosi a fare le cose á la Kanye West. Il loro marchio c’è ancora, eccome. Semplicemente, sono migliorati, sono maturati. Molto.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...