FLUORESCENT BLACK
Big Dada/Family Affair

Personalmente, non è che gli Anti Pop Consortium ci mancassero così tanto. La nostra personale opinione era che, all’epoca della loro apparizione e della loro breve parabola, fossero stati più fortunati che bravi e più furbi che talentuosi: avevano individuato una nicchia impresenziata, quella di un hip hop che fosse weird, e ci si erano tuffati dentro, guadagnando l’attenzione dalla solita categoria che vorrebbe tanto dimostrare di essere amica della tronfia arroganza di strada da b-boy (in quanto ne è fisiologicamente sfornita), nerd di periferia vari e loro giornalisti di riferimento. Ecco che quindi i vari Tragic Epilogue, Shopping Carts Crashing e Arrhythmia, giocati tutti a cavallo tra il 2000 e il 2002, non ci avevano mai convinti davvero, e men che meno ci riuscirono le successive sortite solistiche dei quattro elementi del gruppo, a partire da quelle di Beans.
A distanza di quasi dieci anni dai loro esordi, sono successe due cose: l’hip hop di ricerca in generale è un po’ peggiorato, mentre gli Anti Pop sono molto migliorati. Fluorescent Black infatti è una reunion riuscitissima, non il disperato tentativo di quattro spiantati con un (ipotetico) grande futuro dietro le spalle di spremere qualche soldo in più alla solita, e già munta, categoria di nerd&giornalisti (che poi: i giornalisti non pagano i dischi e, oddio, i nerd nel 2009 li scaricano). Beans, M. Sayyid, Earl Blaize e High Priest hanno usato questi anni per capire, alla fine e finalmente, che non c’è bisogno di essere programmaticamente sempre sgradevoli e sghembi, che è stupido seminare la propria formula solo di spigoli abolendo le curvature, che è possibile essere diversi dal mainstream senza rinunciare all’ascoltabilità. Fluorescent Black, sia nella musica che nei testi, è infatti un disco di spazi, di atmosfere perfino, di discorsi fluenti e non solo di rabbiose schegge balbettanti. Attenzione: non è che abbiano abdicato a se stessi mettendosi a fare le cose á la Kanye West. Il loro marchio c’è ancora, eccome. Semplicemente, sono migliorati, sono maturati. Molto.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...