THE CRYING LIGHT
Rough Trade/Self

Dopo un ep che non ha spostato la questione (ovvero, a quale mondo espressivo realmente appartenga), apparizioni applauditissime, un cammeo nei nuovi fiori di Battiato e con Marianne Faithfull, Antony arriva con i suoi Johnsons a un album di svolta. Non tanto perché The Crying Light appartenga a una cifra estetica diversa dal precedente, I Am A Bird Now (era il 2005 quando usciva, inquietando e incantando molti). Più che altro, l’artista americano spazza il campo dai dubbi sulla sua appartenenza alla musica contemporanea. Le tracce del cd, immerse nel rapporto con la natura, ma ancora di più con un femminile e un maschile che confluiscono continuamente l’uno nell’altro, non sono pop, e neppure rock. Nemmeno soul, nonostante le affinità nell’uso della voce con quell’ambito siano notevoli. Le melodie sfuggenti, le rarefazioni inattese e la ricerca (esasperata, quasi) della bellezza assoluta – o del suo contrario – si riannodano in parte alla musica astratta del primo Novecento e in parte all’Espressionismo della stessa epoca. Dvorák mescolato al melodramma, in sostanza (e mi si passi il paragone), al di là della consapevolezza del suo artefice, che incanala la sua estraneità alle mode imperanti in un espressionismo che segue solo la sua inquietudine. Un intimismo che può esplodere in urla di dolore, che si nutre di chiaroscuri e di qualche luce accesa, che gira intorno all’orchestra, più che agli strumenti elettrificati.
Kiss My Name, Another World (la più drammatica del lotto), Everglade (e il suo tono bucolico): momenti più intensi di un lavoro in cui Antony e compagni svelano, una volta per tutte, un volto in cui animismo, letteratura e istinto convivono perfettamente. Sgombrare il campo da eventuali equivoci, ha significato anche dare un passo autorevole a un musica che prima fluttuava e ora è salda, pur nelle sue infinite variazioni e curiosità. Difficile andare oltre un cd del genere: al di là, potrebbe esserci soltanto stucchevolezza, a meno di non seguire nuovamente l’istinto, per perdersi ancora.

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...