THE CRYING LIGHT
Rough Trade/Self

Dopo un ep che non ha spostato la questione (ovvero, a quale mondo espressivo realmente appartenga), apparizioni applauditissime, un cammeo nei nuovi fiori di Battiato e con Marianne Faithfull, Antony arriva con i suoi Johnsons a un album di svolta. Non tanto perché The Crying Light appartenga a una cifra estetica diversa dal precedente, I Am A Bird Now (era il 2005 quando usciva, inquietando e incantando molti). Più che altro, l’artista americano spazza il campo dai dubbi sulla sua appartenenza alla musica contemporanea. Le tracce del cd, immerse nel rapporto con la natura, ma ancora di più con un femminile e un maschile che confluiscono continuamente l’uno nell’altro, non sono pop, e neppure rock. Nemmeno soul, nonostante le affinità nell’uso della voce con quell’ambito siano notevoli. Le melodie sfuggenti, le rarefazioni inattese e la ricerca (esasperata, quasi) della bellezza assoluta – o del suo contrario – si riannodano in parte alla musica astratta del primo Novecento e in parte all’Espressionismo della stessa epoca. Dvorák mescolato al melodramma, in sostanza (e mi si passi il paragone), al di là della consapevolezza del suo artefice, che incanala la sua estraneità alle mode imperanti in un espressionismo che segue solo la sua inquietudine. Un intimismo che può esplodere in urla di dolore, che si nutre di chiaroscuri e di qualche luce accesa, che gira intorno all’orchestra, più che agli strumenti elettrificati.
Kiss My Name, Another World (la più drammatica del lotto), Everglade (e il suo tono bucolico): momenti più intensi di un lavoro in cui Antony e compagni svelano, una volta per tutte, un volto in cui animismo, letteratura e istinto convivono perfettamente. Sgombrare il campo da eventuali equivoci, ha significato anche dare un passo autorevole a un musica che prima fluttuava e ora è salda, pur nelle sue infinite variazioni e curiosità. Difficile andare oltre un cd del genere: al di là, potrebbe esserci soltanto stucchevolezza, a meno di non seguire nuovamente l’istinto, per perdersi ancora.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...