SWANLIGHTS
Rough Trade/Self

“Tutto è nuovo”, intona Antony a inizio del suo album, forse la sua prova più pittorica e umorale, pensata come se fosse un quadro, o meglio ancora una galleria. È pur vero che “Swanlights” non sposta ulteriormente il discorso rispetto a “The Crying Light”: ci sono apparizioni in sintonia, come quella di Björk in “Flétta”, una ulteriore attenzione all’incastro fra ritmi e melodie, ma la sostanza rimane quella della fluttuazione. Altrove l’artista spiega in maniera dettagliata come è arrivato a queste canzoni: se, appunto, “tutto è nuovo”, accade semplicemente perché la visione con cui si abbraccia la realtà è quella, differente, di un personaggio che continua a “cambiare idea”. In primis, idea sull’arte, vista un tempo come suggestione pura e ora come qualcosa di più disciplinato: c’è uno studio più attento e meno impressionisitico delle forme, questo sembra di capire ascoltando in profondità i brani che compongono un lavoro, come al solito, inafferrabile. Si può tentare, chiaramente, di decifrare le tracce autobiografiche di questo viaggio dalla sensibilità sempre fragilissima e sempre tenace, che mette assieme sole e ombra, per arrivare a credere, per esempio in “The Great White Ocean”, che Antony & The Johnsons abbiano scelto una via più solare di vivere la loro vita artistica. In realtà, le canzoni sono legate fra di loro da una variegatezza che cambia, improvvisamente, tanto la trama quanto la massa dei suoni. Giocando su una certa teatralità, come in “Ghost”, o su una eleganza quasi fin de siècle, l’artista scrive un poema da camera, che, ad esempio in “The Spirit Was Gone”, regala qualche lacrima e altrove si immerge in una pacata gratitudine (“Thank You For Your Love”). Troppo vulnerabile per appartenere alla nostra epoca, ma nello stesso tempo ben presente e penetrante, Antony sa, ancora, una volta, colpire al cuore. Capire come lo faccia, sospeso fra soul e tenue avanguardia, forse non è affar nostro: contano i risultati, e sono nuovamente impressionanti.

tratto dal Mucchio n° 675

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...