In D
Infiné/Self

Che Arandel non voglia far scoprire la sua vera identità è una cosa che ci importa il giusto, cioè poco: abbiamo iniziato coi tizi mascherati (dai Daft Punk ai Bloody Beetroots), finiremo inevitabilmente con una serie di cloni di Burial, ovvero gente che non vuole declinare nome e cognome né farsi fotografare né esibirsi dal vivo. In realtà Arandel dal vivo si esibisce pure, ma fino a ora l’ha sempre fatto dietro un telo che ne nasconde la fisionomia. Lo fa comunque anche mettendo in campo idee mica male, in questi tempi standardizzati, e questo invece già merita una sottolineatura ben maggiore del “voi non saprete mai che faccia ho”: al Carrière De Normandoux Festival, in Francia, ha tirato ad esempio fuori un dj set fatto solo di tracce vocali, nel senso di voce e basta, non nel senso di strumentali-con-cantato.
Che questo misterioso producer francese abbia velleità alto-intellettuali è testimoniato già dal titolo di quest’album, chiara strizzata d’occhio a “In C “di Terry Riley, ma anche dalle sue dichiarazioni programmatiche molto herbertiane per cui asserisce che mai e poi mai userà suoni che non siano creati da lui (pre-set vade retro! O poi anche, citandolo direttamente: “L’uso del MIDI rende tutto troppo facile”). Siamo sempre stati in parte scettici verso questi dogma preliminari, troviamo che abbiano senso solo se fanno bene alla musica mentre non sono in alcun modo un valore in sì. Ad Arandel fanno bene. Eccome. In giro si è detto e scritto meraviglie dell’album di Pantha Du Prince su Rough Trade: house sentimentale, cassa in quattro con cuore e delicatezza, eccetera; bene, “In D” segue lo stesso percorso ma lo fa molto ma molto meglio, sviluppando più idee, più originalità, più dinamica, più aeree sospensioni, più sorprese improvvise. Risultato: uno degli album dell’anno. Certo, colto e altezzoso, pur usando abbastanza spesso la cassa in quattro, ammantato di una altera eleganza e quasi di un complesso di superiorità. Non è umile, Arandel. Ma può decisamente permetterlo.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...