In D
Infiné/Self

Che Arandel non voglia far scoprire la sua vera identità è una cosa che ci importa il giusto, cioè poco: abbiamo iniziato coi tizi mascherati (dai Daft Punk ai Bloody Beetroots), finiremo inevitabilmente con una serie di cloni di Burial, ovvero gente che non vuole declinare nome e cognome né farsi fotografare né esibirsi dal vivo. In realtà Arandel dal vivo si esibisce pure, ma fino a ora l’ha sempre fatto dietro un telo che ne nasconde la fisionomia. Lo fa comunque anche mettendo in campo idee mica male, in questi tempi standardizzati, e questo invece già merita una sottolineatura ben maggiore del “voi non saprete mai che faccia ho”: al Carrière De Normandoux Festival, in Francia, ha tirato ad esempio fuori un dj set fatto solo di tracce vocali, nel senso di voce e basta, non nel senso di strumentali-con-cantato.
Che questo misterioso producer francese abbia velleità alto-intellettuali è testimoniato già dal titolo di quest’album, chiara strizzata d’occhio a “In C “di Terry Riley, ma anche dalle sue dichiarazioni programmatiche molto herbertiane per cui asserisce che mai e poi mai userà suoni che non siano creati da lui (pre-set vade retro! O poi anche, citandolo direttamente: “L’uso del MIDI rende tutto troppo facile”). Siamo sempre stati in parte scettici verso questi dogma preliminari, troviamo che abbiano senso solo se fanno bene alla musica mentre non sono in alcun modo un valore in sì. Ad Arandel fanno bene. Eccome. In giro si è detto e scritto meraviglie dell’album di Pantha Du Prince su Rough Trade: house sentimentale, cassa in quattro con cuore e delicatezza, eccetera; bene, “In D” segue lo stesso percorso ma lo fa molto ma molto meglio, sviluppando più idee, più originalità, più dinamica, più aeree sospensioni, più sorprese improvvise. Risultato: uno degli album dell’anno. Certo, colto e altezzoso, pur usando abbastanza spesso la cassa in quattro, ammantato di una altera eleganza e quasi di un complesso di superiorità. Non è umile, Arandel. Ma può decisamente permetterlo.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...