I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza di Aphex Twin univa quella dell’hip hop e un gusto barocco per dolci melodie, per quanto sempre sull’orlo di andare in frantumi. Difformi, aritmici, i brani impressionistici di Arca erano l’emblema della sensibilità decostruzionista della club music sperimentale di oggi.

Björk si innamorò dei suoi beat e dell’estetica goth queer della coppia Arca-Jesse Kanda, lo chiamò a produrre buona parte di Vulnicura e assieme partorirono uno dei break up records più devastanti di sempre. L’esperienza con Björk deve per forza di cose aver smosso qualcosa in Alejandro Ghersi. Sarebbe stata proprio lei, racconta Arca, ad avergli consigliato di provare a cantare sui suoi pezzi. Dal vivo Ghersi cantava già in spagnolo durante il tour di Xen, ma in Mutant episodi iconici come Sinner, live vere e proprie performance canore, comparivano strumentali.

In Arca, accade tutto il contrario. La voce di Ghersi volteggia indisturbata in quasi tutte le tracce, mostrando una duttilità imprevedibile, un range che ce lo riconsegna interprete ibrido a metà strada tra Klaus Nomi a Scott Walker. L’elettronica esplosiva per cui lo conosciamo è rilegata a pochi momenti (Castration, Child, il massacro bondage di Whip), ma sono i due commuoventi singoli Piel e Anoche, in apertura, a determinare il mood dell’album.

Arca è un tour de force di malinconia e s offerenza, in cui i vocalizzi di Ghersi, quasi sempre improvvisati e registrati al volo (sentirete lo schioccare della sua saliva in più punti), giocano a riempire i silenzi come fantasmi in uno spazio abbandonato. Nei brani più “vuoti”, come Miel e Coraje, la sua presenza è quasi imbarazzante, una sorta di cruda esposizione dei suoi picchi di vulnerabilità.

La nuova formula regala una sola sintesi pop (Desafío), lasciando il resto del disco in bilico tra ambient e musica sacra. Proprio ora che pensavamo di averlo capito, Ghersi torna a lasciarci a bocca aperta.

Commenti

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...