NEON BIBLE
Sonovox/Universal

Li aspettavamo al varco, gli Arcade Fire, visto l’interesse suscitato dall’esordio “Funeral”. Non abbiamo mai considerato quel disco, come si è invece fatto altrove (per dire, le sperticate lodi di David Bowie, non l’ultimo degli indie kids), un capolavoro. Di sicuro si trattava di uno degli esordi più coraggiosi degli ultimi anni, il primo (secondo a dire il vero, visto che era stato preceduto da un ep) apparire di un punto di vista originale già in grado di sembrare allora, se non proprio autorevole, quantomeno estremamente vitale e arditi. “Neon Bible” è più ponderato del suo predecessore, ma anche più focalizzato, nel senso che corregge alcune sbavature e evita gli affastellamenti, mostra una efficacia più diretta, una maggiore sicurezza. Meno carne al fuoco, meglio cotta. E tuttavia non meno suggestiva, poiché la strana alchimia capace di far scivolare gli uni negli altri archetipi folk, un immaginario gotico puritano più introverso che esplicitato, una lieve spolverata di aromi vittoriani e una certa magniloquenza orchestrale, tenuta a freno da una sincera e tormentata vena espressiva, è immutatamente efficace. Ora come allora, nelle canzoni la cupezza sembra avere un ruolo importante, ma non frena mai l’esplosione dei colori, e questa attitudine è perfettamente illustrata da “No Cars Go”, psychocavalcata epica con archi, ottoni e chitarre che si rilanciano a vicenda, una folle corsa in discesa che acquista velocità e amministra con buon senso i crescendo e le fanfare, come se i Flaming Lips di “The Soft Bulletin” si fossero messi a suonare sul palco dei Godspeed You! Black Emperor. Non è l’unica visione di una certa entità: dobbiamo almeno citare “My Body Is A Cage”, epilogo chiesastico da far invidia agli Spiritualized, e una magnifica “Ocean Of Noise” che si muove incerta tra torch song orchestrale e chitarre twanging e che sfocia in un tripudio di distorsioni, archi e cascate di piano. Sono cresciuti i canadesi. Forse non sono ancora grandissimi. Ma grandi sì, su questo non c’è alcun dubbio.

(Recensione tratta dal Mucchio 632 – Marzo 2007, in cui trovate anche l’intervista al gruppo)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...