PLACES LIKE THIS
Moshi Moshi-V2/Edel

L’aria rock australiana ha sempre avuto una strana propensione sghemba: dalle band dei Sessanta al punk, fino ad oggi, l’aussie sound spesso ha mostrato le sue bizzarrie con notevole generosità, così come le sue parti più fiammeggianti. In questo gli Architecture in Helsinki risultano perfettamente calati nel territorio, anche se poi si ritrovano sparsi in diverse parti del mondo: una centrifuga che mette il r’n’r a confronto con ritmi vagamente sudamericani, macumbe e richiami sghembi che arrivano direttamente dal pop contemporaneo di Franz Ferdinand e affini. Se i due lavori precedenti avevano semplicemente mostrato di cosa fossero capaci Cameron Bird e soci, Places Like This porta il tutto, se non alla perfezione, almeno a un livello di piacevolezza davvero spiccato.
Si parte con il fischio di “Red Turned White”, un relé elettronico a cui si appaiono ritmiche ossessive e una voce alla Talking Heads, tastiere della nonna, sincopi assortite e senso dell’umorismo in primo piano: la formula che arriva a pezzi come “Heart It Race”, “Feather In A Baseball Cap”, Debbie prevede profumi disco, songwriting alienato, effervescenze da zoo musicale. La melodia diventa ritornello asimmetrico, i testi sono saturi d’ironia e disagio, legano influenze variopinte (a New York, Bird vive nel quartiere portoricano) ed è evidente l’energia che presiede ad ogni brano. Un’energia che sta anche nella velocità di realizzazione, fra uno studio a Brooklyn e uno a Melbourne, dove il disco è stato rifinito a dovere. Un caos pianificato, questo potrebbe essere il sottotitolo della carrellata di Place Like This, che si chiude con la folgore di “Same Old Innocence”, probabile inno autunnale, con tutte le carte in regola per riempire le discoteche alternative. Se manca qualcosa, è ancora quel pizzico di originalità che allontani del tutto i fragori e le di-
storsioni della band dalla scia del rock lunatico di tanti altri. Forse cerchiamo il pelo nell’uovo, ma pensiamo anche, al terzo cd, di poter pretendere da questi talentuosi giovanotti qualcosa di più.

(Recensione tratta dal Mucchio n.638 – settembre 2007)

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...