PLACES LIKE THIS
Moshi Moshi-V2/Edel

L’aria rock australiana ha sempre avuto una strana propensione sghemba: dalle band dei Sessanta al punk, fino ad oggi, l’aussie sound spesso ha mostrato le sue bizzarrie con notevole generosità, così come le sue parti più fiammeggianti. In questo gli Architecture in Helsinki risultano perfettamente calati nel territorio, anche se poi si ritrovano sparsi in diverse parti del mondo: una centrifuga che mette il r’n’r a confronto con ritmi vagamente sudamericani, macumbe e richiami sghembi che arrivano direttamente dal pop contemporaneo di Franz Ferdinand e affini. Se i due lavori precedenti avevano semplicemente mostrato di cosa fossero capaci Cameron Bird e soci, Places Like This porta il tutto, se non alla perfezione, almeno a un livello di piacevolezza davvero spiccato.
Si parte con il fischio di “Red Turned White”, un relé elettronico a cui si appaiono ritmiche ossessive e una voce alla Talking Heads, tastiere della nonna, sincopi assortite e senso dell’umorismo in primo piano: la formula che arriva a pezzi come “Heart It Race”, “Feather In A Baseball Cap”, Debbie prevede profumi disco, songwriting alienato, effervescenze da zoo musicale. La melodia diventa ritornello asimmetrico, i testi sono saturi d’ironia e disagio, legano influenze variopinte (a New York, Bird vive nel quartiere portoricano) ed è evidente l’energia che presiede ad ogni brano. Un’energia che sta anche nella velocità di realizzazione, fra uno studio a Brooklyn e uno a Melbourne, dove il disco è stato rifinito a dovere. Un caos pianificato, questo potrebbe essere il sottotitolo della carrellata di Place Like This, che si chiude con la folgore di “Same Old Innocence”, probabile inno autunnale, con tutte le carte in regola per riempire le discoteche alternative. Se manca qualcosa, è ancora quel pizzico di originalità che allontani del tutto i fragori e le di-
storsioni della band dalla scia del rock lunatico di tanti altri. Forse cerchiamo il pelo nell’uovo, ma pensiamo anche, al terzo cd, di poter pretendere da questi talentuosi giovanotti qualcosa di più.

(Recensione tratta dal Mucchio n.638 – settembre 2007)

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...