PLACES LIKE THIS
Moshi Moshi-V2/Edel

L’aria rock australiana ha sempre avuto una strana propensione sghemba: dalle band dei Sessanta al punk, fino ad oggi, l’aussie sound spesso ha mostrato le sue bizzarrie con notevole generosità, così come le sue parti più fiammeggianti. In questo gli Architecture in Helsinki risultano perfettamente calati nel territorio, anche se poi si ritrovano sparsi in diverse parti del mondo: una centrifuga che mette il r’n’r a confronto con ritmi vagamente sudamericani, macumbe e richiami sghembi che arrivano direttamente dal pop contemporaneo di Franz Ferdinand e affini. Se i due lavori precedenti avevano semplicemente mostrato di cosa fossero capaci Cameron Bird e soci, Places Like This porta il tutto, se non alla perfezione, almeno a un livello di piacevolezza davvero spiccato.
Si parte con il fischio di “Red Turned White”, un relé elettronico a cui si appaiono ritmiche ossessive e una voce alla Talking Heads, tastiere della nonna, sincopi assortite e senso dell’umorismo in primo piano: la formula che arriva a pezzi come “Heart It Race”, “Feather In A Baseball Cap”, Debbie prevede profumi disco, songwriting alienato, effervescenze da zoo musicale. La melodia diventa ritornello asimmetrico, i testi sono saturi d’ironia e disagio, legano influenze variopinte (a New York, Bird vive nel quartiere portoricano) ed è evidente l’energia che presiede ad ogni brano. Un’energia che sta anche nella velocità di realizzazione, fra uno studio a Brooklyn e uno a Melbourne, dove il disco è stato rifinito a dovere. Un caos pianificato, questo potrebbe essere il sottotitolo della carrellata di Place Like This, che si chiude con la folgore di “Same Old Innocence”, probabile inno autunnale, con tutte le carte in regola per riempire le discoteche alternative. Se manca qualcosa, è ancora quel pizzico di originalità che allontani del tutto i fragori e le di-
storsioni della band dalla scia del rock lunatico di tanti altri. Forse cerchiamo il pelo nell’uovo, ma pensiamo anche, al terzo cd, di poter pretendere da questi talentuosi giovanotti qualcosa di più.

(Recensione tratta dal Mucchio n.638 – settembre 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...