PLACES LIKE THIS
Moshi Moshi-V2/Edel

L’aria rock australiana ha sempre avuto una strana propensione sghemba: dalle band dei Sessanta al punk, fino ad oggi, l’aussie sound spesso ha mostrato le sue bizzarrie con notevole generosità, così come le sue parti più fiammeggianti. In questo gli Architecture in Helsinki risultano perfettamente calati nel territorio, anche se poi si ritrovano sparsi in diverse parti del mondo: una centrifuga che mette il r’n’r a confronto con ritmi vagamente sudamericani, macumbe e richiami sghembi che arrivano direttamente dal pop contemporaneo di Franz Ferdinand e affini. Se i due lavori precedenti avevano semplicemente mostrato di cosa fossero capaci Cameron Bird e soci, Places Like This porta il tutto, se non alla perfezione, almeno a un livello di piacevolezza davvero spiccato.
Si parte con il fischio di “Red Turned White”, un relé elettronico a cui si appaiono ritmiche ossessive e una voce alla Talking Heads, tastiere della nonna, sincopi assortite e senso dell’umorismo in primo piano: la formula che arriva a pezzi come “Heart It Race”, “Feather In A Baseball Cap”, Debbie prevede profumi disco, songwriting alienato, effervescenze da zoo musicale. La melodia diventa ritornello asimmetrico, i testi sono saturi d’ironia e disagio, legano influenze variopinte (a New York, Bird vive nel quartiere portoricano) ed è evidente l’energia che presiede ad ogni brano. Un’energia che sta anche nella velocità di realizzazione, fra uno studio a Brooklyn e uno a Melbourne, dove il disco è stato rifinito a dovere. Un caos pianificato, questo potrebbe essere il sottotitolo della carrellata di Place Like This, che si chiude con la folgore di “Same Old Innocence”, probabile inno autunnale, con tutte le carte in regola per riempire le discoteche alternative. Se manca qualcosa, è ancora quel pizzico di originalità che allontani del tutto i fragori e le di-
storsioni della band dalla scia del rock lunatico di tanti altri. Forse cerchiamo il pelo nell’uovo, ma pensiamo anche, al terzo cd, di poter pretendere da questi talentuosi giovanotti qualcosa di più.

(Recensione tratta dal Mucchio n.638 – settembre 2007)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...