am
Arctic Monkeys

AM

Domino/Self
7.5

È incredibile pensare alla velocità con cui sono scorsi gli ultimi dieci anni nel campo di ciò che una volta si qualificava come indie rock. L’esordio forte e avventato di Alex Turner e dei suoi Arctic Monkeys risale al 2006 e sembra quasi ieri, nonostante siano passati anche altri tre dischi della band. Non si tratta tanto – o non solamente – di una percezione soggettiva del tempo: dal primo passo di Whatever People Say I Am, That’s What I’m Not a questo lapidario AM ci sono stati pochi scossoni memorabili (quelli che un po’ rallentano la percezione di cui sopra) e le vicende del complesso di Sheffield, per esempio il progetto di Turner con Miles Kane, i Last Shadow Puppets, hanno riempito gli anni senza cambiare di molto le loro coordinate.
Figli loro malgrado degli Strokes (di cui erano cover band per necessità) e della Rete, vista come un luogo in cui combattere bene le proprie battaglie, questi ex-ragazzini non hanno perso il gusto per l’irruenza; alle spalle, nel 2011, un disco che forse è ad oggi il loro migliore, Suck It And See, e adesso una nuova serie di canzoni che hanno il sapore glorioso del punk beat (…), quell’impossibile, per alcuni, incontro fra i Beatles e i Clash che in qualche modo avevano anticipato già i Jam, in presa diretta. Dietro a brani diretti, ma non troppo, cesellati con cura e con meccanismi quasi di empatia con l’ascoltatore, ci sono la lezione degli Who, quella degli ultimi vent’anni di pop inglese e c’è soprattutto la personalità di Turner. “Bisogna ricordarsi solo l’essenziale, per suonare bene”, ha detto spiegando gli orizzonti del cd, e l’essenza è il nucleo principale di questo tragitto sonoro: l’altra faccia dello specchio rappresentato dai Franz Ferdinand, che invece si sono persi nei loro meandri. Gli AM invece stanno ancora nuotando, con sfrontata sicurezza e con un piglio diretto, preciso, che non lascia magari troppo spazio alla fantasia, ma che scuote anche chi è convinto di non poter provare più emozioni da un disco, nel’anno di disgrazia 2013.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...