am
Arctic Monkeys

AM

Domino/Self
7.5

È incredibile pensare alla velocità con cui sono scorsi gli ultimi dieci anni nel campo di ciò che una volta si qualificava come indie rock. L’esordio forte e avventato di Alex Turner e dei suoi Arctic Monkeys risale al 2006 e sembra quasi ieri, nonostante siano passati anche altri tre dischi della band. Non si tratta tanto – o non solamente – di una percezione soggettiva del tempo: dal primo passo di Whatever People Say I Am, That’s What I’m Not a questo lapidario AM ci sono stati pochi scossoni memorabili (quelli che un po’ rallentano la percezione di cui sopra) e le vicende del complesso di Sheffield, per esempio il progetto di Turner con Miles Kane, i Last Shadow Puppets, hanno riempito gli anni senza cambiare di molto le loro coordinate.
Figli loro malgrado degli Strokes (di cui erano cover band per necessità) e della Rete, vista come un luogo in cui combattere bene le proprie battaglie, questi ex-ragazzini non hanno perso il gusto per l’irruenza; alle spalle, nel 2011, un disco che forse è ad oggi il loro migliore, Suck It And See, e adesso una nuova serie di canzoni che hanno il sapore glorioso del punk beat (…), quell’impossibile, per alcuni, incontro fra i Beatles e i Clash che in qualche modo avevano anticipato già i Jam, in presa diretta. Dietro a brani diretti, ma non troppo, cesellati con cura e con meccanismi quasi di empatia con l’ascoltatore, ci sono la lezione degli Who, quella degli ultimi vent’anni di pop inglese e c’è soprattutto la personalità di Turner. “Bisogna ricordarsi solo l’essenziale, per suonare bene”, ha detto spiegando gli orizzonti del cd, e l’essenza è il nucleo principale di questo tragitto sonoro: l’altra faccia dello specchio rappresentato dai Franz Ferdinand, che invece si sono persi nei loro meandri. Gli AM invece stanno ancora nuotando, con sfrontata sicurezza e con un piglio diretto, preciso, che non lascia magari troppo spazio alla fantasia, ma che scuote anche chi è convinto di non poter provare più emozioni da un disco, nel’anno di disgrazia 2013.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...