am
Arctic Monkeys

AM

Domino/Self
7.5

È incredibile pensare alla velocità con cui sono scorsi gli ultimi dieci anni nel campo di ciò che una volta si qualificava come indie rock. L’esordio forte e avventato di Alex Turner e dei suoi Arctic Monkeys risale al 2006 e sembra quasi ieri, nonostante siano passati anche altri tre dischi della band. Non si tratta tanto – o non solamente – di una percezione soggettiva del tempo: dal primo passo di Whatever People Say I Am, That’s What I’m Not a questo lapidario AM ci sono stati pochi scossoni memorabili (quelli che un po’ rallentano la percezione di cui sopra) e le vicende del complesso di Sheffield, per esempio il progetto di Turner con Miles Kane, i Last Shadow Puppets, hanno riempito gli anni senza cambiare di molto le loro coordinate.
Figli loro malgrado degli Strokes (di cui erano cover band per necessità) e della Rete, vista come un luogo in cui combattere bene le proprie battaglie, questi ex-ragazzini non hanno perso il gusto per l’irruenza; alle spalle, nel 2011, un disco che forse è ad oggi il loro migliore, Suck It And See, e adesso una nuova serie di canzoni che hanno il sapore glorioso del punk beat (…), quell’impossibile, per alcuni, incontro fra i Beatles e i Clash che in qualche modo avevano anticipato già i Jam, in presa diretta. Dietro a brani diretti, ma non troppo, cesellati con cura e con meccanismi quasi di empatia con l’ascoltatore, ci sono la lezione degli Who, quella degli ultimi vent’anni di pop inglese e c’è soprattutto la personalità di Turner. “Bisogna ricordarsi solo l’essenziale, per suonare bene”, ha detto spiegando gli orizzonti del cd, e l’essenza è il nucleo principale di questo tragitto sonoro: l’altra faccia dello specchio rappresentato dai Franz Ferdinand, che invece si sono persi nei loro meandri. Gli AM invece stanno ancora nuotando, con sfrontata sicurezza e con un piglio diretto, preciso, che non lascia magari troppo spazio alla fantasia, ma che scuote anche chi è convinto di non poter provare più emozioni da un disco, nel’anno di disgrazia 2013.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...