Atoms For Peace cop
Atoms For Pieces

Amok

XL/SELF
8.5

Una premessa doverosa: l’incontro fra Thom Yorke, Flea, Nigel Godrich, Joey Waronker e Mauro Refosco, di cui avete letto per bene i contorni nello scorso numero, non è un progetto estemporaneo, che si merita una mole eccessiva di attenzioni solo perché ci sono in ballo nomi importanti (il primo della lista in particolare). O meglio, può anche essere un percorso già finito, nello stesso momento in cui Amok viene pubblicato, ma comunque non si può togliere ad Atoms For Peace la qualifica di album intrigante, convincente e quasi avventuroso. Lontano, ma non agli antipodi, da The Eraser, vera commistione di elementi umani e sintetici, il disco va in una direzione più concreta. Nel 2006 Yorke aveva generato canzoni quasi in perfetta solitudine; il quintetto che ruota attorno ai pezzi, oggi, dà a ognuno una sua tridimensionalità importante. La fusione fra chitarra e voce di Reverse Running, il tramestio percussivo che si intreccia con le pulsazioni dell’elettronica, gli incroci di tempi e armonie. Da Before Your Very Eyes ad Amok. la scelta della sommessità dei modi si oppone alla ricchezza delle suggestioni. Suggestioni in cui l’umano si confronta con l’artificiale, in un equilibrio variabile e sottile, a volte vibrante e a volte volutamente irrisolto.

La voce è meno minacciosa di quanto fosse sette anni fa, il brusio è meno ossessivo, i richiami neri più forti, il gioco di relè più intenso: scrivevamo di suono a tre dimensioni, un gioco di specchi in cui il computer non primeggia ma collabora, aprendo zone d’ombra che i richiamano i Settanta tedeschi, i Joy Division, il Beck di Mutations. Non è facile staccarsi dal prevedibile richiamo dei Radiohead, nemmeno come semplici ascoltatori. Però quest’album, al quale cui auguriamo una grande longevità, fa il paio con la splendida colonna sonora di The Master di Paul Thomas Anderson, firmata da Jonny Greenwood: dalla band di Oxford derivano storie quasi sempre convincenti, e quasi mai puramente derivative. Non riusciamo proprio a dispiacercene.

Pubblicato sul Mucchio 704

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...