Atoms For Peace cop
Atoms For Pieces

Amok

XL/SELF
8.5

Una premessa doverosa: l’incontro fra Thom Yorke, Flea, Nigel Godrich, Joey Waronker e Mauro Refosco, di cui avete letto per bene i contorni nello scorso numero, non è un progetto estemporaneo, che si merita una mole eccessiva di attenzioni solo perché ci sono in ballo nomi importanti (il primo della lista in particolare). O meglio, può anche essere un percorso già finito, nello stesso momento in cui Amok viene pubblicato, ma comunque non si può togliere ad Atoms For Peace la qualifica di album intrigante, convincente e quasi avventuroso. Lontano, ma non agli antipodi, da The Eraser, vera commistione di elementi umani e sintetici, il disco va in una direzione più concreta. Nel 2006 Yorke aveva generato canzoni quasi in perfetta solitudine; il quintetto che ruota attorno ai pezzi, oggi, dà a ognuno una sua tridimensionalità importante. La fusione fra chitarra e voce di Reverse Running, il tramestio percussivo che si intreccia con le pulsazioni dell’elettronica, gli incroci di tempi e armonie. Da Before Your Very Eyes ad Amok. la scelta della sommessità dei modi si oppone alla ricchezza delle suggestioni. Suggestioni in cui l’umano si confronta con l’artificiale, in un equilibrio variabile e sottile, a volte vibrante e a volte volutamente irrisolto.

La voce è meno minacciosa di quanto fosse sette anni fa, il brusio è meno ossessivo, i richiami neri più forti, il gioco di relè più intenso: scrivevamo di suono a tre dimensioni, un gioco di specchi in cui il computer non primeggia ma collabora, aprendo zone d’ombra che i richiamano i Settanta tedeschi, i Joy Division, il Beck di Mutations. Non è facile staccarsi dal prevedibile richiamo dei Radiohead, nemmeno come semplici ascoltatori. Però quest’album, al quale cui auguriamo una grande longevità, fa il paio con la splendida colonna sonora di The Master di Paul Thomas Anderson, firmata da Jonny Greenwood: dalla band di Oxford derivano storie quasi sempre convincenti, e quasi mai puramente derivative. Non riusciamo proprio a dispiacercene.

Pubblicato sul Mucchio 704

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...