CHAMBER MUSIC
Ponderosa/Universal

Concepito nella notte di Bamako, tra le quattro pareti dello studio di Salif Keita, da due musicisti alla ricerca di uno spazio di interazione impensabile negli altri progetti in cui, da apprezzati virtuosi dei rispettivi strumenti, vengono abitualmente coinvolti, Chamber Music è una collaborazione che onora il titolo ma allo stesso tempo lo trascende. La musica prodotta dalla kora di Ballaké Sissoko (ha suonato con il collega Toumani Diabaté, con Ludovico Einaudi e Taj Mahal, per dire) e dal violoncello del francese Vincent Segal (un curriculum chilometrico e variegato, l’ultimo cliente Sting, per l’incisione del recente If On A Winter’s Night) non lascia davvero appigli stilistici ai quali fare riferimento: è una musica raccolta, gentile, che occupa comodamente lo spazio che ha scelto di abitare. Nell’interscambio tra i due strumenti, dove il violoncello si avventura spesso, scambiandosi di posto con l’arpa tradizionale maliana, in poco ortodosse – magnifiche però, entusiasmanti – figure di sostegno ritmico, si creano connessioni geografiche più inconsce che dichiarate, tanto immaginarie quanto concrete. Questi brani toccano molteplici luoghi, tutti riconducibili, però, a un mood notturno capace di creare una impressionante unitarietà. Noi ci abbiamo sentito cose diversissime, dal gentile folk celtico che, con tocco á la Nick Drake, si manifesta in Oscarine, alla serenità infantile di una “Ma-Ma” FC che, con le sue linee melodiche rotolanti su arpeggi circolari e percussioni di fortuna, crea una nitida connessione con gli spartiti della Penguin Café Orchestra, alla compostezza sacrale e cameristica della title track, alla solenne Houdestì, evocazione ancestrale dell’Africa subsahariana. C’è anche qualche ospite, come Fassery Diabaté al balafon o Awa Sangho alla voce (Regret): interventi impeccabili i loro, ma è evidente che Chamber Music sia una faccenda a due, il dialogo ispiratissimo tra due menti affini, magistralmente condotto.

tratto dal Mucchio n°668

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...