CHAMBER MUSIC
Ponderosa/Universal

Concepito nella notte di Bamako, tra le quattro pareti dello studio di Salif Keita, da due musicisti alla ricerca di uno spazio di interazione impensabile negli altri progetti in cui, da apprezzati virtuosi dei rispettivi strumenti, vengono abitualmente coinvolti, Chamber Music è una collaborazione che onora il titolo ma allo stesso tempo lo trascende. La musica prodotta dalla kora di Ballaké Sissoko (ha suonato con il collega Toumani Diabaté, con Ludovico Einaudi e Taj Mahal, per dire) e dal violoncello del francese Vincent Segal (un curriculum chilometrico e variegato, l’ultimo cliente Sting, per l’incisione del recente If On A Winter’s Night) non lascia davvero appigli stilistici ai quali fare riferimento: è una musica raccolta, gentile, che occupa comodamente lo spazio che ha scelto di abitare. Nell’interscambio tra i due strumenti, dove il violoncello si avventura spesso, scambiandosi di posto con l’arpa tradizionale maliana, in poco ortodosse – magnifiche però, entusiasmanti – figure di sostegno ritmico, si creano connessioni geografiche più inconsce che dichiarate, tanto immaginarie quanto concrete. Questi brani toccano molteplici luoghi, tutti riconducibili, però, a un mood notturno capace di creare una impressionante unitarietà. Noi ci abbiamo sentito cose diversissime, dal gentile folk celtico che, con tocco á la Nick Drake, si manifesta in Oscarine, alla serenità infantile di una “Ma-Ma” FC che, con le sue linee melodiche rotolanti su arpeggi circolari e percussioni di fortuna, crea una nitida connessione con gli spartiti della Penguin Café Orchestra, alla compostezza sacrale e cameristica della title track, alla solenne Houdestì, evocazione ancestrale dell’Africa subsahariana. C’è anche qualche ospite, come Fassery Diabaté al balafon o Awa Sangho alla voce (Regret): interventi impeccabili i loro, ma è evidente che Chamber Music sia una faccenda a due, il dialogo ispiratissimo tra due menti affini, magistralmente condotto.

tratto dal Mucchio n°668

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...