WW007_busta_33
Bachi Da Pietra

Quintale

LA TEMPESTA/VENUS
8

A ogni giro, una progressione. E questa volta la progressione è più accentuata del solito. Non solo Giovanni Succi impugna per la prima volta un plettro anziché percuotere o pizzicare le corde e Bruno Dorella aggiunge al set percussivo un charleston, ma le canzoni, si legge sul comunicato che accompagna l’uscita, segnano in qualche modo un passaggio dalla poesia alla prosa. I testi sono in effetti più meno elusivi, sempre facilmente intelligibili laddove in passato erano stati a volte biascicati e sussurrati. Un codice più facilmente decifrabile, non c’è dubbio, con coordinate musicali che inaspriscono caratteri blues e rock spingendosi a lambire hard, hardcore e metal.

Quintale, disco pesante e pieno, punta a saturare lo spazio. Se qualcuno sta già pensando “ecco, ci siamo giocati pure loro”, sappia che si tratta di un’impressione assolutamente fuorviante. Tralasciamo pure quel genere di fiducia che si è disposti a concedere a chi, coerente con una lunga storia artistica al di fuori delle convenienze, non ha mai smesso di cercare nuove sfide: questi Bachi da Pietra levigati e compatti sono convincenti come non mai, sempre privi di connotazioni superflue, con i pochi ingredienti aggiunti (il sax lancinante di Arrington De Dionyso in una manciata di pezzi, l’occasionale chitarra di Giulio Ragno Favero che produce il disco) perfettamente a piombo. Mirano costantemente al cuore del problema e non sbagliano: in Sangue, meditazione sulla miseria umana con tanto di growl (“sangue sempre per niente / sangue sempre venite gente”), nelle robuste Paolo il tarlo e Coleotteri, nel blues innodico Brutti versi, nelle più pacate Mari lontani e Dio del suono. E in una Fessura dalla colloquialità prossima all’hip hop, vena che offre interessanti spunti a future evoluzioni del gruppo e che ritroviamo in baratto@bachidapietra.com, presente solo nell’edizione digitale: una dichiarazione di onestà intellettuale nell’era della percepita gratuità della musica che andrebbe imparata a memoria.

Pubblicato sul Mucchio 702

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...