QUARZO
Santeria-Wallace/Audioglobe

Ancor più che minimale, la musica dei Bachi da Pietra ci è sempre parsa essenziale, nel senso che in essa tutto ciò che è prescindibile è stato accantonato, ogni filo di grasso è scomparso, lasciando solo muscoli, nervi e ossa; o, fuor di metafora, voce, chitarra e batteria. Arrivati al quarto disco – non considerand  il recente live “Insect Tracks” – Giovanni Succi (Madrigali Magri) e Bruno Dorella (Wolfango, OvO, Ronin) si sono però resi conto che, a lungo andare, il loro blues scarnificato e nerissimo rischiava di sfociare nell’autoreferenzialità e, di riflesso, nell’impossibilità di comunicare quel disagio che evidentemente li anima. Un problema al quale “Quarzo” tenta di dare una parziale ma significativa risposta, dal momento che al suo interno il duo sembra non voler più scartare a priori la strada dell’accessibilità e della varietà stilistica. Ora, non che queste canzoni possano in alcun modo avvicinarsi all’aggettivo “solare”; e però è un fatto che la presenza in alcune tracce del pianoforte, così come la finora inedita chiarezza della voce riscontrabile in Dragamine, siano chiari segnali in tale direzione, così come è da salutare positivamente il ricorso ai collage e alle manipolazioni elettroniche in “Zuppa di pietre” o le cadenze che in altri contesti si potrebbero definire trip-hop di “Orologeria”. Questione di dettagli, forse, ché l’insieme fa sempre di una cupezza ispida e a tratti parecchio disturbante (lo sferragliante incedere waitsiano di ”Notte delle blatte”, “Pietra della gogna”, “Non è vero quel che dicono”) i propri punti di forza. La voce di Succi avvolge coi suoi sussurri allo stesso modo in cui la sua chitarra crea scenari di un’intimità minacciosa e piena di spigoli, ben sostenuta dal battito secco dei tamburi di Dorella, in un nuovo viaggio nelle profondità più recondite dell’animo umano appena illuminato dai fiochi raggi di luce di cui sopra. Lo dicono loro stessi in una “Pietra per pane” sorretta sottopelle da un pulsare simil-techno: “La superficie? Chiedere altrove”.

tratto dal Mucchio n° 676

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....