QUARZO
Santeria-Wallace/Audioglobe

Ancor più che minimale, la musica dei Bachi da Pietra ci è sempre parsa essenziale, nel senso che in essa tutto ciò che è prescindibile è stato accantonato, ogni filo di grasso è scomparso, lasciando solo muscoli, nervi e ossa; o, fuor di metafora, voce, chitarra e batteria. Arrivati al quarto disco – non considerand  il recente live “Insect Tracks” – Giovanni Succi (Madrigali Magri) e Bruno Dorella (Wolfango, OvO, Ronin) si sono però resi conto che, a lungo andare, il loro blues scarnificato e nerissimo rischiava di sfociare nell’autoreferenzialità e, di riflesso, nell’impossibilità di comunicare quel disagio che evidentemente li anima. Un problema al quale “Quarzo” tenta di dare una parziale ma significativa risposta, dal momento che al suo interno il duo sembra non voler più scartare a priori la strada dell’accessibilità e della varietà stilistica. Ora, non che queste canzoni possano in alcun modo avvicinarsi all’aggettivo “solare”; e però è un fatto che la presenza in alcune tracce del pianoforte, così come la finora inedita chiarezza della voce riscontrabile in Dragamine, siano chiari segnali in tale direzione, così come è da salutare positivamente il ricorso ai collage e alle manipolazioni elettroniche in “Zuppa di pietre” o le cadenze che in altri contesti si potrebbero definire trip-hop di “Orologeria”. Questione di dettagli, forse, ché l’insieme fa sempre di una cupezza ispida e a tratti parecchio disturbante (lo sferragliante incedere waitsiano di ”Notte delle blatte”, “Pietra della gogna”, “Non è vero quel che dicono”) i propri punti di forza. La voce di Succi avvolge coi suoi sussurri allo stesso modo in cui la sua chitarra crea scenari di un’intimità minacciosa e piena di spigoli, ben sostenuta dal battito secco dei tamburi di Dorella, in un nuovo viaggio nelle profondità più recondite dell’animo umano appena illuminato dai fiochi raggi di luce di cui sopra. Lo dicono loro stessi in una “Pietra per pane” sorretta sottopelle da un pulsare simil-techno: “La superficie? Chiedere altrove”.

tratto dal Mucchio n° 676

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...