QUARZO
Santeria-Wallace/Audioglobe

Ancor più che minimale, la musica dei Bachi da Pietra ci è sempre parsa essenziale, nel senso che in essa tutto ciò che è prescindibile è stato accantonato, ogni filo di grasso è scomparso, lasciando solo muscoli, nervi e ossa; o, fuor di metafora, voce, chitarra e batteria. Arrivati al quarto disco – non considerand  il recente live “Insect Tracks” – Giovanni Succi (Madrigali Magri) e Bruno Dorella (Wolfango, OvO, Ronin) si sono però resi conto che, a lungo andare, il loro blues scarnificato e nerissimo rischiava di sfociare nell’autoreferenzialità e, di riflesso, nell’impossibilità di comunicare quel disagio che evidentemente li anima. Un problema al quale “Quarzo” tenta di dare una parziale ma significativa risposta, dal momento che al suo interno il duo sembra non voler più scartare a priori la strada dell’accessibilità e della varietà stilistica. Ora, non che queste canzoni possano in alcun modo avvicinarsi all’aggettivo “solare”; e però è un fatto che la presenza in alcune tracce del pianoforte, così come la finora inedita chiarezza della voce riscontrabile in Dragamine, siano chiari segnali in tale direzione, così come è da salutare positivamente il ricorso ai collage e alle manipolazioni elettroniche in “Zuppa di pietre” o le cadenze che in altri contesti si potrebbero definire trip-hop di “Orologeria”. Questione di dettagli, forse, ché l’insieme fa sempre di una cupezza ispida e a tratti parecchio disturbante (lo sferragliante incedere waitsiano di ”Notte delle blatte”, “Pietra della gogna”, “Non è vero quel che dicono”) i propri punti di forza. La voce di Succi avvolge coi suoi sussurri allo stesso modo in cui la sua chitarra crea scenari di un’intimità minacciosa e piena di spigoli, ben sostenuta dal battito secco dei tamburi di Dorella, in un nuovo viaggio nelle profondità più recondite dell’animo umano appena illuminato dai fiochi raggi di luce di cui sopra. Lo dicono loro stessi in una “Pietra per pane” sorretta sottopelle da un pulsare simil-techno: “La superficie? Chiedere altrove”.

tratto dal Mucchio n° 676

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...