FUR AND GOLD
Capitol/Emi

Natasha Khan, titolare del progetto Bat For Lashes, via di mezzo tra pseudonimo, band ed ensemble a geometria variabile, non può di certo lamentarsi. Adottata dalla variopinta e un poco freak famiglia allargata di Devendra Banhart, Cocorosie e compagnia neo-folk, gente con cui ha condiviso palchi per buona parte del 2006, sponsorizzata da un entusiasta Thom Yorke, conquistato da Horse And I, il primo brano in scaletta di questo disco, la ventottenne di origine pakistana e domiciliata a Brighton è destinata a finire sotto i riflettori ed essere gettata in pasto alla vorace macchina dello showbiz britannico. Se diciamo che non può lamentarsi, lo facciamo a ragion veduta: a salvarla dall’implacabile tritacarne saranno, possiamo già fare scommesse, una personalità che ci sembra piuttosto solida e una geografia musicale che aggira l’ostacolo di paragoni a prima vista inevitabili – Björk, Kate Bush (con la quale condivide però una visione multidisciplinare della propria arte, occupandosi di grafica, coreografie e quant’altro) o Sinead O’Connor – innestando su scarne canzoni dalle melodie eteree e arcane (eerie direbbero Oltremanica, togliendo quella patina di retorica al corrispettivo italiano) scarne strutture elettroniche, piano, handclaps, archi sfregati e pizzicati. E un clavicembalo che introduce, senza affondare nelle paludi del kitsch, in un immaginario fiabesco che mescola ancestrali richiami al folklore britannico ed europeo e moderne favole degli anni 80 come E.T. di Spielberg. Come avrete capito la carne al fuoco è parecchia, ma le varie modalità di cottura, sempre riconducibili a un unico tocco, ci sembrano tutte particolarmente apprezzabili: in Whats A Girl To Do il parlato e la batteria spectoriana in apertura costituiscono un esplicito omaggio al decennio di Gainsbourg e delle sue muse pop, Sad Eyes è una ballata rarefatta e fluttuante per voce e piano, Tahiti una giga circolare che si dissolve in angelici cori, Trophy un incalzante duetto con la chitarra e la voce di Josh T. Pearson dei Lift To Experience.

(Recensione tratta dal Mucchio n.636-637 – luglio/agosto 2007)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...