FUR AND GOLD
Capitol/Emi

Natasha Khan, titolare del progetto Bat For Lashes, via di mezzo tra pseudonimo, band ed ensemble a geometria variabile, non può di certo lamentarsi. Adottata dalla variopinta e un poco freak famiglia allargata di Devendra Banhart, Cocorosie e compagnia neo-folk, gente con cui ha condiviso palchi per buona parte del 2006, sponsorizzata da un entusiasta Thom Yorke, conquistato da Horse And I, il primo brano in scaletta di questo disco, la ventottenne di origine pakistana e domiciliata a Brighton è destinata a finire sotto i riflettori ed essere gettata in pasto alla vorace macchina dello showbiz britannico. Se diciamo che non può lamentarsi, lo facciamo a ragion veduta: a salvarla dall’implacabile tritacarne saranno, possiamo già fare scommesse, una personalità che ci sembra piuttosto solida e una geografia musicale che aggira l’ostacolo di paragoni a prima vista inevitabili – Björk, Kate Bush (con la quale condivide però una visione multidisciplinare della propria arte, occupandosi di grafica, coreografie e quant’altro) o Sinead O’Connor – innestando su scarne canzoni dalle melodie eteree e arcane (eerie direbbero Oltremanica, togliendo quella patina di retorica al corrispettivo italiano) scarne strutture elettroniche, piano, handclaps, archi sfregati e pizzicati. E un clavicembalo che introduce, senza affondare nelle paludi del kitsch, in un immaginario fiabesco che mescola ancestrali richiami al folklore britannico ed europeo e moderne favole degli anni 80 come E.T. di Spielberg. Come avrete capito la carne al fuoco è parecchia, ma le varie modalità di cottura, sempre riconducibili a un unico tocco, ci sembrano tutte particolarmente apprezzabili: in Whats A Girl To Do il parlato e la batteria spectoriana in apertura costituiscono un esplicito omaggio al decennio di Gainsbourg e delle sue muse pop, Sad Eyes è una ballata rarefatta e fluttuante per voce e piano, Tahiti una giga circolare che si dissolve in angelici cori, Trophy un incalzante duetto con la chitarra e la voce di Josh T. Pearson dei Lift To Experience.

(Recensione tratta dal Mucchio n.636-637 – luglio/agosto 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...