FUR AND GOLD
Capitol/Emi

Natasha Khan, titolare del progetto Bat For Lashes, via di mezzo tra pseudonimo, band ed ensemble a geometria variabile, non può di certo lamentarsi. Adottata dalla variopinta e un poco freak famiglia allargata di Devendra Banhart, Cocorosie e compagnia neo-folk, gente con cui ha condiviso palchi per buona parte del 2006, sponsorizzata da un entusiasta Thom Yorke, conquistato da Horse And I, il primo brano in scaletta di questo disco, la ventottenne di origine pakistana e domiciliata a Brighton è destinata a finire sotto i riflettori ed essere gettata in pasto alla vorace macchina dello showbiz britannico. Se diciamo che non può lamentarsi, lo facciamo a ragion veduta: a salvarla dall’implacabile tritacarne saranno, possiamo già fare scommesse, una personalità che ci sembra piuttosto solida e una geografia musicale che aggira l’ostacolo di paragoni a prima vista inevitabili – Björk, Kate Bush (con la quale condivide però una visione multidisciplinare della propria arte, occupandosi di grafica, coreografie e quant’altro) o Sinead O’Connor – innestando su scarne canzoni dalle melodie eteree e arcane (eerie direbbero Oltremanica, togliendo quella patina di retorica al corrispettivo italiano) scarne strutture elettroniche, piano, handclaps, archi sfregati e pizzicati. E un clavicembalo che introduce, senza affondare nelle paludi del kitsch, in un immaginario fiabesco che mescola ancestrali richiami al folklore britannico ed europeo e moderne favole degli anni 80 come E.T. di Spielberg. Come avrete capito la carne al fuoco è parecchia, ma le varie modalità di cottura, sempre riconducibili a un unico tocco, ci sembrano tutte particolarmente apprezzabili: in Whats A Girl To Do il parlato e la batteria spectoriana in apertura costituiscono un esplicito omaggio al decennio di Gainsbourg e delle sue muse pop, Sad Eyes è una ballata rarefatta e fluttuante per voce e piano, Tahiti una giga circolare che si dissolve in angelici cori, Trophy un incalzante duetto con la chitarra e la voce di Josh T. Pearson dei Lift To Experience.

(Recensione tratta dal Mucchio n.636-637 – luglio/agosto 2007)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...