FUR AND GOLD
Capitol/Emi

Natasha Khan, titolare del progetto Bat For Lashes, via di mezzo tra pseudonimo, band ed ensemble a geometria variabile, non può di certo lamentarsi. Adottata dalla variopinta e un poco freak famiglia allargata di Devendra Banhart, Cocorosie e compagnia neo-folk, gente con cui ha condiviso palchi per buona parte del 2006, sponsorizzata da un entusiasta Thom Yorke, conquistato da Horse And I, il primo brano in scaletta di questo disco, la ventottenne di origine pakistana e domiciliata a Brighton è destinata a finire sotto i riflettori ed essere gettata in pasto alla vorace macchina dello showbiz britannico. Se diciamo che non può lamentarsi, lo facciamo a ragion veduta: a salvarla dall’implacabile tritacarne saranno, possiamo già fare scommesse, una personalità che ci sembra piuttosto solida e una geografia musicale che aggira l’ostacolo di paragoni a prima vista inevitabili – Björk, Kate Bush (con la quale condivide però una visione multidisciplinare della propria arte, occupandosi di grafica, coreografie e quant’altro) o Sinead O’Connor – innestando su scarne canzoni dalle melodie eteree e arcane (eerie direbbero Oltremanica, togliendo quella patina di retorica al corrispettivo italiano) scarne strutture elettroniche, piano, handclaps, archi sfregati e pizzicati. E un clavicembalo che introduce, senza affondare nelle paludi del kitsch, in un immaginario fiabesco che mescola ancestrali richiami al folklore britannico ed europeo e moderne favole degli anni 80 come E.T. di Spielberg. Come avrete capito la carne al fuoco è parecchia, ma le varie modalità di cottura, sempre riconducibili a un unico tocco, ci sembrano tutte particolarmente apprezzabili: in Whats A Girl To Do il parlato e la batteria spectoriana in apertura costituiscono un esplicito omaggio al decennio di Gainsbourg e delle sue muse pop, Sad Eyes è una ballata rarefatta e fluttuante per voce e piano, Tahiti una giga circolare che si dissolve in angelici cori, Trophy un incalzante duetto con la chitarra e la voce di Josh T. Pearson dei Lift To Experience.

(Recensione tratta dal Mucchio n.636-637 – luglio/agosto 2007)

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...