GLOSS DROP
Warp/Self

Una super-band nata per sfizio e dedita a trasversali sperimentazioni può finire per attestarsi una delle formazioni più interessanti degli anni Zero. Primi, programmatici ep a parte, merito di un esordio sulla lunga distanza – Mirrored – che nel 2007 accendeva più di una lampadina frantumando il concetto di rock fra post, math, prog e quant’altro. Adesso i Battles ricominciano per certi versi da zero: a farla da padrona non è però una matematica fredda e intellettualoide, bensì una naturale predisposizione verso architetture sonore dall’imprinting futurista. Geometricamente parlando, il quadrilatero è divenuto triangolo con l’abbandono di Tyondai Braxton, che con il suo canto in morphing aveva trainato il tormentone Atlas nei circuiti indie e non solo. I superstiti Ian Williams (Don Caballero), Dave Konopka (Lynx) e John Stanier (Helmet, Tomahawk) ovviano alla mancanza di un vocalist di ruolo con il coinvolgimento di ospiti mirati: Matias Aguayo in una Ice Cream che veste gli Animal Collective di acciaio rifrangente, Gary Numan nella cupa My Machines, Kazu Makino dei Blonde Redhead a miagolare in una Sweetie & Shag a scatti sbarazzini e Yamantaka Eye dei Boredoms nella conclusiva, meditabonda Sundome. Sono però le rimanenti otto tracce a decretare che Gloss Drop non soffre il confronto con il predecessore, risultando al contempo maggiormente immediato, vario e rifinito. Trattasi di strumentali delineati al millimetro con righello e compasso, capaci di inglobare tribalismi esotici rielaborati con gli occhi della mente (Africastle), dilatate trasfigurazioni di rara bellezza (Futura, con ritmiche in ipnotica, utopistica autorigenerazione, corde tesissime a sovrapporsi in riff groovosi e una coltre sintetica che cala con imponenza), cristallini ping pong in note (Inchworm) o nevrotiche, immaginarie cronache metropolitane (Wall Street). Come in uno specchio che riflette le sfaccettature dell’esterno e implode in schegge acuminate.

tratto dal Mucchio n°683

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...