GLOSS DROP
Warp/Self

Una super-band nata per sfizio e dedita a trasversali sperimentazioni può finire per attestarsi una delle formazioni più interessanti degli anni Zero. Primi, programmatici ep a parte, merito di un esordio sulla lunga distanza – Mirrored – che nel 2007 accendeva più di una lampadina frantumando il concetto di rock fra post, math, prog e quant’altro. Adesso i Battles ricominciano per certi versi da zero: a farla da padrona non è però una matematica fredda e intellettualoide, bensì una naturale predisposizione verso architetture sonore dall’imprinting futurista. Geometricamente parlando, il quadrilatero è divenuto triangolo con l’abbandono di Tyondai Braxton, che con il suo canto in morphing aveva trainato il tormentone Atlas nei circuiti indie e non solo. I superstiti Ian Williams (Don Caballero), Dave Konopka (Lynx) e John Stanier (Helmet, Tomahawk) ovviano alla mancanza di un vocalist di ruolo con il coinvolgimento di ospiti mirati: Matias Aguayo in una Ice Cream che veste gli Animal Collective di acciaio rifrangente, Gary Numan nella cupa My Machines, Kazu Makino dei Blonde Redhead a miagolare in una Sweetie & Shag a scatti sbarazzini e Yamantaka Eye dei Boredoms nella conclusiva, meditabonda Sundome. Sono però le rimanenti otto tracce a decretare che Gloss Drop non soffre il confronto con il predecessore, risultando al contempo maggiormente immediato, vario e rifinito. Trattasi di strumentali delineati al millimetro con righello e compasso, capaci di inglobare tribalismi esotici rielaborati con gli occhi della mente (Africastle), dilatate trasfigurazioni di rara bellezza (Futura, con ritmiche in ipnotica, utopistica autorigenerazione, corde tesissime a sovrapporsi in riff groovosi e una coltre sintetica che cala con imponenza), cristallini ping pong in note (Inchworm) o nevrotiche, immaginarie cronache metropolitane (Wall Street). Come in uno specchio che riflette le sfaccettature dell’esterno e implode in schegge acuminate.

tratto dal Mucchio n°683

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...