GLOSS DROP
Warp/Self

Una super-band nata per sfizio e dedita a trasversali sperimentazioni può finire per attestarsi una delle formazioni più interessanti degli anni Zero. Primi, programmatici ep a parte, merito di un esordio sulla lunga distanza – Mirrored – che nel 2007 accendeva più di una lampadina frantumando il concetto di rock fra post, math, prog e quant’altro. Adesso i Battles ricominciano per certi versi da zero: a farla da padrona non è però una matematica fredda e intellettualoide, bensì una naturale predisposizione verso architetture sonore dall’imprinting futurista. Geometricamente parlando, il quadrilatero è divenuto triangolo con l’abbandono di Tyondai Braxton, che con il suo canto in morphing aveva trainato il tormentone Atlas nei circuiti indie e non solo. I superstiti Ian Williams (Don Caballero), Dave Konopka (Lynx) e John Stanier (Helmet, Tomahawk) ovviano alla mancanza di un vocalist di ruolo con il coinvolgimento di ospiti mirati: Matias Aguayo in una Ice Cream che veste gli Animal Collective di acciaio rifrangente, Gary Numan nella cupa My Machines, Kazu Makino dei Blonde Redhead a miagolare in una Sweetie & Shag a scatti sbarazzini e Yamantaka Eye dei Boredoms nella conclusiva, meditabonda Sundome. Sono però le rimanenti otto tracce a decretare che Gloss Drop non soffre il confronto con il predecessore, risultando al contempo maggiormente immediato, vario e rifinito. Trattasi di strumentali delineati al millimetro con righello e compasso, capaci di inglobare tribalismi esotici rielaborati con gli occhi della mente (Africastle), dilatate trasfigurazioni di rara bellezza (Futura, con ritmiche in ipnotica, utopistica autorigenerazione, corde tesissime a sovrapporsi in riff groovosi e una coltre sintetica che cala con imponenza), cristallini ping pong in note (Inchworm) o nevrotiche, immaginarie cronache metropolitane (Wall Street). Come in uno specchio che riflette le sfaccettature dell’esterno e implode in schegge acuminate.

tratto dal Mucchio n°683

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...