MIRRORED
Warp/Self

Li attendevamo impazienti i Battles, carichi di attese provocate da una raccolta di ep di impressionante forza espressiva, pure macchine ritmiche che generavano un’energia pulita, essenziale, di elegante e geometrica violenza, bianchissima nella sua secchezza metallica e nerissima nei suoi richiami tribali. Randellate metronomiche di scuola math rock e astratti spunti dance per uno schiacciasassi che doveva la sua riuscita tanto al drumming inumano di John Steiner (Helmet e Tomahawk) quanto alla chitarra escoriante di Ian Williams (Don Caballero, Storm & Stress), all’elettronica e alle tastiere del figlio d’arte Tyondai Braxton e alla seconda chitarra, David Konopka dei Lynx. Promessa mantenuta? Sì, eccome. Innanzitutto perché già in quelle tracce si intravedeva la volontà di giocare con materiale più rischioso (strutture più pop e l’utilizzo della voce, roba potenzialmente in grado di deturpare la nuda perfezione di partenza), e quindi il cercare nuovi equilibri era in qualche modo un’opzione implicita, non sembrandoci i Battles il genere di gruppo che si ferma a consolidare il risultato: così è stato.
Atlas, il primo singolo, è la perfetta sintesi di una duplice spinta: la batteria prende il passo di The Beautiful People di Marilyn Manson e lo immerge in una vasca d’acido portandolo al grado zero di pulsazione primitiva, la voce filtrata e disumanizzata si inventa una specie di giga circolare, scioglilingua che in un altro contesto sfiorerebbe il ridicolo. I due livelli, essenzialità e ridondanza, si incontrano più volte nel corso del disco, rimpallandosi spunti. In Race:In, sinfonia di ritmi che lascia fiorire vocalizzi alla Free Design, in TIJ, che si apre su un respiro mandato in loop tracciando traiettorie tra Africa e Sudame-
rica, tra jazz e afrofunk, nel crescendo quasi prog di Tonto. Gli altri brani oscillano tra i due estremi, senza mai perdere mordente. Forma e sostanza, fianco a fianco, in splendida simbiosi. Evento raro ma in questo caso, a nostro parere, incontestabile.

(Recensione tratta dal Mucchio n.634 – Maggio 2007)

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...