MIRRORED
Warp/Self

Li attendevamo impazienti i Battles, carichi di attese provocate da una raccolta di ep di impressionante forza espressiva, pure macchine ritmiche che generavano un’energia pulita, essenziale, di elegante e geometrica violenza, bianchissima nella sua secchezza metallica e nerissima nei suoi richiami tribali. Randellate metronomiche di scuola math rock e astratti spunti dance per uno schiacciasassi che doveva la sua riuscita tanto al drumming inumano di John Steiner (Helmet e Tomahawk) quanto alla chitarra escoriante di Ian Williams (Don Caballero, Storm & Stress), all’elettronica e alle tastiere del figlio d’arte Tyondai Braxton e alla seconda chitarra, David Konopka dei Lynx. Promessa mantenuta? Sì, eccome. Innanzitutto perché già in quelle tracce si intravedeva la volontà di giocare con materiale più rischioso (strutture più pop e l’utilizzo della voce, roba potenzialmente in grado di deturpare la nuda perfezione di partenza), e quindi il cercare nuovi equilibri era in qualche modo un’opzione implicita, non sembrandoci i Battles il genere di gruppo che si ferma a consolidare il risultato: così è stato.
Atlas, il primo singolo, è la perfetta sintesi di una duplice spinta: la batteria prende il passo di The Beautiful People di Marilyn Manson e lo immerge in una vasca d’acido portandolo al grado zero di pulsazione primitiva, la voce filtrata e disumanizzata si inventa una specie di giga circolare, scioglilingua che in un altro contesto sfiorerebbe il ridicolo. I due livelli, essenzialità e ridondanza, si incontrano più volte nel corso del disco, rimpallandosi spunti. In Race:In, sinfonia di ritmi che lascia fiorire vocalizzi alla Free Design, in TIJ, che si apre su un respiro mandato in loop tracciando traiettorie tra Africa e Sudame-
rica, tra jazz e afrofunk, nel crescendo quasi prog di Tonto. Gli altri brani oscillano tra i due estremi, senza mai perdere mordente. Forma e sostanza, fianco a fianco, in splendida simbiosi. Evento raro ma in questo caso, a nostro parere, incontestabile.

(Recensione tratta dal Mucchio n.634 – Maggio 2007)

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....