Unknown
Battles

La Di Da Di

Warp/Self
8

La di da di / We like to party” sciorinava trent’anni fa Ricky D. accompagnato da Doug E. Fresh in quella che sarebbe diventata una delle canzoni rap più campionata al mondo e La Di Da Di è il titolo del nuovo album dei Battles. Si può davvero parlare di festa in questo caso o, guidati dalla copertina, stiamo per essere invitati a un più placido brunch tra amici? A distanza di quattro anni da Gloss Drop ma a quattro mesi soltanto da HIVE1 di Tyondai Braxton, innovare la propria ricetta non sembra più essere un bisogno né una necessaria dimostrazione di forza. Libero da ingombranti assenze e riscritture riparatrici, il trio newyorkese può permettersi di lasciarsi andare e fare ciò che gli riesce meglio: comporre partiture colte ma terribilmente godibili in cui le differenti chiavi di lettura evitano di pestarsi i piedi a vicenda. Laddove la tecnica si conferma eccelsa, sopraggiunge la maturità artistica ad alleggerire il tutto.

Possiamo amare le accelerate nervose di The Yabba e sorridere al contempo delle citazioni sparse nei numerosi inserti prog rock. Possiamo cogitare per ore sul significato dei singoli titoli o mollare la presa e immergersi nelle atmosfere molli e inquiete di Cacio e pepe. La band ha mandato l’invito, ma cosa gustare e in che modo è una questione da risolvere da noi. Dot Com è il brano che più di tutti riassume il postulato: i ritmi sono lucidamente inafferrabili, i suoni crudi ed essenziali, nella somma ciascuno mantiene la sua identità. Quando gli stessi iniziano a cedere il passo l’un l’altro, pare quasi di avere scoperto la formula che li ha amalgamati; all’improvviso il pezzo si interrompe ed è un colpo al cuore. Nel troppo pensare si è goduto a metà. Rimandiamo indietro, riascoltiamo col cervello una volta tanto scollegato. Ecco. Ascoltate a mente spenta. Solo così potrete co- gliere certe sfumare, incluso lo humour sfigato che il gruppo ha sempre avuto e che pochi hanno evidenziato. La Di Da Di si chiude con una rilettura di Camptown Races. Non sentiamo dire “Doo dah” ma il brano si intitola Luu Le.

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....