Unknown
Battles

La Di Da Di

Warp/Self
8

La di da di / We like to party” sciorinava trent’anni fa Ricky D. accompagnato da Doug E. Fresh in quella che sarebbe diventata una delle canzoni rap più campionata al mondo e La Di Da Di è il titolo del nuovo album dei Battles. Si può davvero parlare di festa in questo caso o, guidati dalla copertina, stiamo per essere invitati a un più placido brunch tra amici? A distanza di quattro anni da Gloss Drop ma a quattro mesi soltanto da HIVE1 di Tyondai Braxton, innovare la propria ricetta non sembra più essere un bisogno né una necessaria dimostrazione di forza. Libero da ingombranti assenze e riscritture riparatrici, il trio newyorkese può permettersi di lasciarsi andare e fare ciò che gli riesce meglio: comporre partiture colte ma terribilmente godibili in cui le differenti chiavi di lettura evitano di pestarsi i piedi a vicenda. Laddove la tecnica si conferma eccelsa, sopraggiunge la maturità artistica ad alleggerire il tutto.

Possiamo amare le accelerate nervose di The Yabba e sorridere al contempo delle citazioni sparse nei numerosi inserti prog rock. Possiamo cogitare per ore sul significato dei singoli titoli o mollare la presa e immergersi nelle atmosfere molli e inquiete di Cacio e pepe. La band ha mandato l’invito, ma cosa gustare e in che modo è una questione da risolvere da noi. Dot Com è il brano che più di tutti riassume il postulato: i ritmi sono lucidamente inafferrabili, i suoni crudi ed essenziali, nella somma ciascuno mantiene la sua identità. Quando gli stessi iniziano a cedere il passo l’un l’altro, pare quasi di avere scoperto la formula che li ha amalgamati; all’improvviso il pezzo si interrompe ed è un colpo al cuore. Nel troppo pensare si è goduto a metà. Rimandiamo indietro, riascoltiamo col cervello una volta tanto scollegato. Ecco. Ascoltate a mente spenta. Solo così potrete co- gliere certe sfumare, incluso lo humour sfigato che il gruppo ha sempre avuto e che pochi hanno evidenziato. La Di Da Di si chiude con una rilettura di Camptown Races. Non sentiamo dire “Doo dah” ma il brano si intitola Luu Le.

Commenti

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...