Unknown
Battles

La Di Da Di

Warp/Self
8

La di da di / We like to party” sciorinava trent’anni fa Ricky D. accompagnato da Doug E. Fresh in quella che sarebbe diventata una delle canzoni rap più campionata al mondo e La Di Da Di è il titolo del nuovo album dei Battles. Si può davvero parlare di festa in questo caso o, guidati dalla copertina, stiamo per essere invitati a un più placido brunch tra amici? A distanza di quattro anni da Gloss Drop ma a quattro mesi soltanto da HIVE1 di Tyondai Braxton, innovare la propria ricetta non sembra più essere un bisogno né una necessaria dimostrazione di forza. Libero da ingombranti assenze e riscritture riparatrici, il trio newyorkese può permettersi di lasciarsi andare e fare ciò che gli riesce meglio: comporre partiture colte ma terribilmente godibili in cui le differenti chiavi di lettura evitano di pestarsi i piedi a vicenda. Laddove la tecnica si conferma eccelsa, sopraggiunge la maturità artistica ad alleggerire il tutto.

Possiamo amare le accelerate nervose di The Yabba e sorridere al contempo delle citazioni sparse nei numerosi inserti prog rock. Possiamo cogitare per ore sul significato dei singoli titoli o mollare la presa e immergersi nelle atmosfere molli e inquiete di Cacio e pepe. La band ha mandato l’invito, ma cosa gustare e in che modo è una questione da risolvere da noi. Dot Com è il brano che più di tutti riassume il postulato: i ritmi sono lucidamente inafferrabili, i suoni crudi ed essenziali, nella somma ciascuno mantiene la sua identità. Quando gli stessi iniziano a cedere il passo l’un l’altro, pare quasi di avere scoperto la formula che li ha amalgamati; all’improvviso il pezzo si interrompe ed è un colpo al cuore. Nel troppo pensare si è goduto a metà. Rimandiamo indietro, riascoltiamo col cervello una volta tanto scollegato. Ecco. Ascoltate a mente spenta. Solo così potrete co- gliere certe sfumare, incluso lo humour sfigato che il gruppo ha sempre avuto e che pochi hanno evidenziato. La Di Da Di si chiude con una rilettura di Camptown Races. Non sentiamo dire “Doo dah” ma il brano si intitola Luu Le.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...