Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini, che è più correttamente la seconda parte – il vol. 2 per l’appunto – de L’amore e la violenza, l’articolo più colorato e synthpop del trio toscano, uscito nel 2017 e trainato da un tour divertentissimo, proprio durante il quale è stata asseconda l’ispirazione che ha fruttato la maggior parte dei brani in questione. Stesso artwork, con Francesca Pizzo dei Melampus/Cristallo fotografata assieme ad Anna Terio, e prima traccia speculare a quella del precedente volume: dopo Love, tocca infatti a Violenza, cavalcata gobliniana/carpenteriana, da B movie horror, con accenni funk-dance che non dispiacerebbero a quel mattacchione di Bruno Belissimo. C’è di nuovo un altro strumentale in scaletta, si intitola La musica elettronica, la stessa “musica elettronica nuova del sabato sera” evocata l’anno scorso in Basso e batteria: eppure questi sintetizzatori, più che far ballare, fanno venire i brividi, collegandosi alle soundtrack di genere DOC.

L’amore e la violenza vol. 2 conferma, com’era logico attendersi, binari stilistici Seventies/Eighties, sonorità analogiche, melodie spregiudicate e attitudine palesemente ludica, ritmiche Daft Punk e chitarre Strokes. Perché si tratta sempre di “canzoni d’amore in tempo di guerra”, per dirla con Bianconi, oggi che la guerra è ovunque, declinata in varie forme di pensieri, parole e opere. “In questo tempo di autobombe e pane”, cantano all’unisono Francesco e Rachele nella super radiofonica Jesse James e Billy Kid: passo westernato, gancio di orecchiabilità che sloga subito la mascella. “Chiama Hitler / Chiama Donald Trump”, suggerisce L’amore è negativo, canzone di guerra e pace, di vita contro la vita, dai baluginii psych-soul. Riecco, poi, i personaggi femminili: in Veronica, n. 2, a tratti deliziosamente autoironica (“E le canzoni me le scrive il cane / Nel bene e nel male”), che potrebbe essere di ritorno dal Sussidiario illustrato della giovinezza così come, a giudicare l’outro “Oh baby baby baby come on”, da un festino dei Pulp, oppure nell’incalzante Perdere Giovanna, che immagina “come sarà pronunciato domani il verbo amare” con flash da Auschwitz post-Messiaen. Femminili sono persino gli spettri di Lei malgrado te (groove glitterato che unisce italo-disco e l’electro-funk housey dei primi Hercules And Love Affair) e A proposito di lei (ballata sanremese, quando l’aggettivo aveva un’accezione ancora musicale, per una Bastreghi sulla pista Pravo-Vanoni).

È FestivalBaustelle, né più né meno. Baby, con l’elegante voce vocoderata di un Bianconi a mo’ di Nick Cave strobo, riprende il discorso della summenzionata Basso e batteria: “Portami a ballare la musica elettronica migliore”, mentre imperversano risate di fanciulle da commedia sexy. Tazebao si riallaccia allo sloganistico usso di immagini di Eurofestival: Rachele mattatrice di linguaggio 2.0 (“Forever io e te”) e disillusione (“La merda è una certezza”). Se Caraibi è l’estate tropicale che (ri)cita Salgari e ammicca agli Smiths, Il Minotauro di Borges omaggia lo scrittore argentino, contiene un sample della Madame di Renato Zero e chiude con trascendente, ipnotica coda in circolo vizioso. Si finisce per cantarle tutte. Diabolici, umani, Baustelle.

 

Pubblicato sul Mucchio Selvaggio Magazine n. 764

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....