Amen
Atlantic/Warner

Un nuovo disco dei Baustelle? una boccata d’aria, in un ambiente che sta diventando sempre più putrido, non solo per colpa degli artisti che ne fanno parte: se oggi qualcuno parla di pop italiano, il pensiero corre verso Gigi D’Alessio e amiche, le copie spente di cantautori ben più coraggiosi, oppure la selezione claudicante dell’ultimo Sanremo. Invece, Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini con Amen spazzano via qualsiasi cliché del genere: un disco (il quarto dalla loro nascita) che riprende e amplifica le ottime sensazioni dello scorso La malavita, del 2005. Sono quindici brani (due strumentali più bonus track) che trovano il gruppo in uno stato di forma ineccepibile: da un lato ci sono i testi di Francesco, del tutto fuori dalla maladolescenza del passato, calati nel decadente di oggi, descritto a sorpresa da un telefilm (Colombo) oppure intenti a ribaltare la convinzione diffusa che tutto ciò che muove l’uomo, oggi, sia l’economia di mercato (Il liberismo ha i giorni contati). Non aspettatevi però nulla di greve: le rime dei testi volano, gli intrecci fra gli strumenti fanno della malinconia un po’ vintage, stesa fra anni Sessanta e Settanta, fra colonne sonore italiche e swing d’Oltreoceano, un marchio di fabbrica dinamico del gruppo. A questo si aggiungono voci sempre sul filo della depressione lirica, di uno splendore plumbeo.
Orchestrazioni sapienti, che accolgono un mito della musica italiana, quell’Alessandro Alessandroni che ha fischiato capolavori del western di casa nostra, e poi una vastissima schiera di ospiti e di musicisti. Tutto condotto dalla mano di Carlo Umberto Rossi, verso un felice spessore che rende Amen un disco che potrebbe – e potrà, vedrete – coniugare famigerati riconoscimenti critici e buoni risultati di classifica, che gli spetterebbero di diritto. Immaginiamo che ai Nostri interessi soprattutto scrivere canzoni in libertà e senza rinunce etiche, in un territorio che non dovrebbe essere tanto ostile alle cose migliori che produce. Chi scrive si augura che tutto ciò accada, con laico fervore. Così sia.

(Recensione tratta dal Mucchio n.643 – febbraio 2008)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...