Amen
Atlantic/Warner

Un nuovo disco dei Baustelle? una boccata d’aria, in un ambiente che sta diventando sempre più putrido, non solo per colpa degli artisti che ne fanno parte: se oggi qualcuno parla di pop italiano, il pensiero corre verso Gigi D’Alessio e amiche, le copie spente di cantautori ben più coraggiosi, oppure la selezione claudicante dell’ultimo Sanremo. Invece, Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini con Amen spazzano via qualsiasi cliché del genere: un disco (il quarto dalla loro nascita) che riprende e amplifica le ottime sensazioni dello scorso La malavita, del 2005. Sono quindici brani (due strumentali più bonus track) che trovano il gruppo in uno stato di forma ineccepibile: da un lato ci sono i testi di Francesco, del tutto fuori dalla maladolescenza del passato, calati nel decadente di oggi, descritto a sorpresa da un telefilm (Colombo) oppure intenti a ribaltare la convinzione diffusa che tutto ciò che muove l’uomo, oggi, sia l’economia di mercato (Il liberismo ha i giorni contati). Non aspettatevi però nulla di greve: le rime dei testi volano, gli intrecci fra gli strumenti fanno della malinconia un po’ vintage, stesa fra anni Sessanta e Settanta, fra colonne sonore italiche e swing d’Oltreoceano, un marchio di fabbrica dinamico del gruppo. A questo si aggiungono voci sempre sul filo della depressione lirica, di uno splendore plumbeo.
Orchestrazioni sapienti, che accolgono un mito della musica italiana, quell’Alessandro Alessandroni che ha fischiato capolavori del western di casa nostra, e poi una vastissima schiera di ospiti e di musicisti. Tutto condotto dalla mano di Carlo Umberto Rossi, verso un felice spessore che rende Amen un disco che potrebbe – e potrà, vedrete – coniugare famigerati riconoscimenti critici e buoni risultati di classifica, che gli spetterebbero di diritto. Immaginiamo che ai Nostri interessi soprattutto scrivere canzoni in libertà e senza rinunce etiche, in un territorio che non dovrebbe essere tanto ostile alle cose migliori che produce. Chi scrive si augura che tutto ciò accada, con laico fervore. Così sia.

(Recensione tratta dal Mucchio n.643 – febbraio 2008)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...