A DUE
(Urtovox/Audioglobe)

Beatrice Antolini è Beatrice Antolini. Tautologia doverosa per un ambito, quello della musica italiana, dove i riferimenti sono una prassi obbligata e talvolta estenuante per attribuire giudizi di merito e di valore. In questo mondo asfittico, che per molti versi sta scomparendo, l’artista di Macerata propone la sua personalissima via di fuga: asciuga le emozioni spese nell’esordio di un paio d’anni fa, Big Saloon, e si ripresenta con una serie di canzoni incisive, chiaroscurali, ossessive e stringate, che vanno dai sussurri poco rassicuranti di Morbidalga alle esplosioni scomposte di Funky Show.
A due, concepito, scritto e suonato in semisolitudine, lambisce tanto il folk quanto il rock’n’roll, abbraccia la poesia soffusa e l’urlo, non si fa problemi ad accettare, in uno spazio sonoro limitato a voce, chitarra e qualche altro alambicco, la pulsazione di pianoforti e percussioni momentanee, oltre a qualche stridore lontano, notturno. Risultato: una serie di brani a impressione, in cui le melodie si perdono e riaffiorano, anni Cinquanta e futuro si mescolano in maniera fluida, perché ben condotta da un soggetto che non vuole ricalcare nulla, solo esprimersi. Come un altro outsider italiano, Marco Fasolo dei Jennifer Gentle (non a caso presente per i missaggi finali), la Antolini ha tutte le carte in regola per abbandonare sentimenti di rivalsa o appartenenza nei confronti di qualsiasi scena. Forte delle sue radici teatrali, può permettersi ballate (Clear My Eyes), soffusioni (Modern Lover) e una pischedelia un po’ minacciosa (Taiga) senza vacillare. L’uso dell’inglese è una scelta naturale e condivisibile, che non sminuisce la forza lirica dei testi; i difetti – una eccessiva frammentazione delle forme, su cui si potrebbe ancora lavorare con profitto – sono dettagli di un album comunque smagliante. In un universo di chanteuses, insomma, Beatrice Antolini rappresenta una delle poche rocker italiane davvero convincenti. Segno, se non di rinascita del panorama nostrano, almeno della sua attuale imprevedibilità.

 

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...