A DUE
(Urtovox/Audioglobe)

Beatrice Antolini è Beatrice Antolini. Tautologia doverosa per un ambito, quello della musica italiana, dove i riferimenti sono una prassi obbligata e talvolta estenuante per attribuire giudizi di merito e di valore. In questo mondo asfittico, che per molti versi sta scomparendo, l’artista di Macerata propone la sua personalissima via di fuga: asciuga le emozioni spese nell’esordio di un paio d’anni fa, Big Saloon, e si ripresenta con una serie di canzoni incisive, chiaroscurali, ossessive e stringate, che vanno dai sussurri poco rassicuranti di Morbidalga alle esplosioni scomposte di Funky Show.
A due, concepito, scritto e suonato in semisolitudine, lambisce tanto il folk quanto il rock’n’roll, abbraccia la poesia soffusa e l’urlo, non si fa problemi ad accettare, in uno spazio sonoro limitato a voce, chitarra e qualche altro alambicco, la pulsazione di pianoforti e percussioni momentanee, oltre a qualche stridore lontano, notturno. Risultato: una serie di brani a impressione, in cui le melodie si perdono e riaffiorano, anni Cinquanta e futuro si mescolano in maniera fluida, perché ben condotta da un soggetto che non vuole ricalcare nulla, solo esprimersi. Come un altro outsider italiano, Marco Fasolo dei Jennifer Gentle (non a caso presente per i missaggi finali), la Antolini ha tutte le carte in regola per abbandonare sentimenti di rivalsa o appartenenza nei confronti di qualsiasi scena. Forte delle sue radici teatrali, può permettersi ballate (Clear My Eyes), soffusioni (Modern Lover) e una pischedelia un po’ minacciosa (Taiga) senza vacillare. L’uso dell’inglese è una scelta naturale e condivisibile, che non sminuisce la forza lirica dei testi; i difetti – una eccessiva frammentazione delle forme, su cui si potrebbe ancora lavorare con profitto – sono dettagli di un album comunque smagliante. In un universo di chanteuses, insomma, Beatrice Antolini rappresenta una delle poche rocker italiane davvero convincenti. Segno, se non di rinascita del panorama nostrano, almeno della sua attuale imprevedibilità.

 

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...