A DUE
(Urtovox/Audioglobe)

Beatrice Antolini è Beatrice Antolini. Tautologia doverosa per un ambito, quello della musica italiana, dove i riferimenti sono una prassi obbligata e talvolta estenuante per attribuire giudizi di merito e di valore. In questo mondo asfittico, che per molti versi sta scomparendo, l’artista di Macerata propone la sua personalissima via di fuga: asciuga le emozioni spese nell’esordio di un paio d’anni fa, Big Saloon, e si ripresenta con una serie di canzoni incisive, chiaroscurali, ossessive e stringate, che vanno dai sussurri poco rassicuranti di Morbidalga alle esplosioni scomposte di Funky Show.
A due, concepito, scritto e suonato in semisolitudine, lambisce tanto il folk quanto il rock’n’roll, abbraccia la poesia soffusa e l’urlo, non si fa problemi ad accettare, in uno spazio sonoro limitato a voce, chitarra e qualche altro alambicco, la pulsazione di pianoforti e percussioni momentanee, oltre a qualche stridore lontano, notturno. Risultato: una serie di brani a impressione, in cui le melodie si perdono e riaffiorano, anni Cinquanta e futuro si mescolano in maniera fluida, perché ben condotta da un soggetto che non vuole ricalcare nulla, solo esprimersi. Come un altro outsider italiano, Marco Fasolo dei Jennifer Gentle (non a caso presente per i missaggi finali), la Antolini ha tutte le carte in regola per abbandonare sentimenti di rivalsa o appartenenza nei confronti di qualsiasi scena. Forte delle sue radici teatrali, può permettersi ballate (Clear My Eyes), soffusioni (Modern Lover) e una pischedelia un po’ minacciosa (Taiga) senza vacillare. L’uso dell’inglese è una scelta naturale e condivisibile, che non sminuisce la forza lirica dei testi; i difetti – una eccessiva frammentazione delle forme, su cui si potrebbe ancora lavorare con profitto – sono dettagli di un album comunque smagliante. In un universo di chanteuses, insomma, Beatrice Antolini rappresenta una delle poche rocker italiane davvero convincenti. Segno, se non di rinascita del panorama nostrano, almeno della sua attuale imprevedibilità.

 

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...