A DUE
(Urtovox/Audioglobe)

Beatrice Antolini è Beatrice Antolini. Tautologia doverosa per un ambito, quello della musica italiana, dove i riferimenti sono una prassi obbligata e talvolta estenuante per attribuire giudizi di merito e di valore. In questo mondo asfittico, che per molti versi sta scomparendo, l’artista di Macerata propone la sua personalissima via di fuga: asciuga le emozioni spese nell’esordio di un paio d’anni fa, Big Saloon, e si ripresenta con una serie di canzoni incisive, chiaroscurali, ossessive e stringate, che vanno dai sussurri poco rassicuranti di Morbidalga alle esplosioni scomposte di Funky Show.
A due, concepito, scritto e suonato in semisolitudine, lambisce tanto il folk quanto il rock’n’roll, abbraccia la poesia soffusa e l’urlo, non si fa problemi ad accettare, in uno spazio sonoro limitato a voce, chitarra e qualche altro alambicco, la pulsazione di pianoforti e percussioni momentanee, oltre a qualche stridore lontano, notturno. Risultato: una serie di brani a impressione, in cui le melodie si perdono e riaffiorano, anni Cinquanta e futuro si mescolano in maniera fluida, perché ben condotta da un soggetto che non vuole ricalcare nulla, solo esprimersi. Come un altro outsider italiano, Marco Fasolo dei Jennifer Gentle (non a caso presente per i missaggi finali), la Antolini ha tutte le carte in regola per abbandonare sentimenti di rivalsa o appartenenza nei confronti di qualsiasi scena. Forte delle sue radici teatrali, può permettersi ballate (Clear My Eyes), soffusioni (Modern Lover) e una pischedelia un po’ minacciosa (Taiga) senza vacillare. L’uso dell’inglese è una scelta naturale e condivisibile, che non sminuisce la forza lirica dei testi; i difetti – una eccessiva frammentazione delle forme, su cui si potrebbe ancora lavorare con profitto – sono dettagli di un album comunque smagliante. In un universo di chanteuses, insomma, Beatrice Antolini rappresenta una delle poche rocker italiane davvero convincenti. Segno, se non di rinascita del panorama nostrano, almeno della sua attuale imprevedibilità.

 

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...