MODERN GUILT
Xl/Self

L’alchimia di Beck è un ricordo? A sentire fino in fondo “Modern Guilt” non sembrerebbe. Nelle dieci nuove canzoni, che disegnano uno dei più rapidi – poco più di trenta minuti – e psichedelici fra i dischi pubblicati oggi, la genialità di chi le ha pensate balza nuovamente fuori. Prende forma fra il pop anni Sessanta, una congerie di ritmi che spaziano dal rock steady al dub, e la passione per melodie in minore, certo non memorabili come quelle di “Loser” (indimenticabile one shot, direbbero i registi e i dj di grido), ma di sicuro intense e coinvolgenti. Non credete allora a chi, affrettatamente e con la buona scusa di una sfilza di album non particolarmente ispirati (più che altro frettolosi, a esser sinceri, come in effetti “Guero” e “The Information” paiono essere oggi, con l’ineluttabile senno di poi), liquiderà il dischetto come una delle scontate prove semidepresse e retroattive del cantatore più estroso dei Novanta. Qui c’è molto più nervosismo creativo del solito, unito a uno scenario scarno, in cui si può sbizzarrire l’indole rock del musicista americano e il minimalismo elettronico di Danger Mouse (all’anagrafe, Brian Joseph Burton), suo alter ego, affiancato da amici scelti con cura e senso estetico (Cat Power, Jason Falkner, Greg Kurstin…)
Classiche, nella forma (l’avvio di Orphans, la struggente “Chemtrails”, molto alla Zombies, l’eponima “Modern Guilt”), e un po’ alienate, nella sostanza (“Replica”, “Soul Of A Man”, l’ossessione vecchio stampo di “Profanity Prayers”), le componenti del cd hanno il pregio di svicolare i paragoni con un passato tramontato per sempre. Le stesse cose, insomma, non ritornano, almeno nel nostro vecchio mondo, e le emozioni di un altro decennio sono lontane. Rimane però un senso dell’avventura che ha ritrovato la sua essenza. Meno tropicalismi, meno saliscendi folk, meno depressioni cosmiche; più ironia e sarcasmo, più movimento. Un modo per accettare il periodo in cui viviamo, evitando rimpianti e continuando però nella propria strada. Bentornato, Mr. Hansen.

 

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...