MODERN GUILT
Xl/Self

L’alchimia di Beck è un ricordo? A sentire fino in fondo “Modern Guilt” non sembrerebbe. Nelle dieci nuove canzoni, che disegnano uno dei più rapidi – poco più di trenta minuti – e psichedelici fra i dischi pubblicati oggi, la genialità di chi le ha pensate balza nuovamente fuori. Prende forma fra il pop anni Sessanta, una congerie di ritmi che spaziano dal rock steady al dub, e la passione per melodie in minore, certo non memorabili come quelle di “Loser” (indimenticabile one shot, direbbero i registi e i dj di grido), ma di sicuro intense e coinvolgenti. Non credete allora a chi, affrettatamente e con la buona scusa di una sfilza di album non particolarmente ispirati (più che altro frettolosi, a esser sinceri, come in effetti “Guero” e “The Information” paiono essere oggi, con l’ineluttabile senno di poi), liquiderà il dischetto come una delle scontate prove semidepresse e retroattive del cantatore più estroso dei Novanta. Qui c’è molto più nervosismo creativo del solito, unito a uno scenario scarno, in cui si può sbizzarrire l’indole rock del musicista americano e il minimalismo elettronico di Danger Mouse (all’anagrafe, Brian Joseph Burton), suo alter ego, affiancato da amici scelti con cura e senso estetico (Cat Power, Jason Falkner, Greg Kurstin…)
Classiche, nella forma (l’avvio di Orphans, la struggente “Chemtrails”, molto alla Zombies, l’eponima “Modern Guilt”), e un po’ alienate, nella sostanza (“Replica”, “Soul Of A Man”, l’ossessione vecchio stampo di “Profanity Prayers”), le componenti del cd hanno il pregio di svicolare i paragoni con un passato tramontato per sempre. Le stesse cose, insomma, non ritornano, almeno nel nostro vecchio mondo, e le emozioni di un altro decennio sono lontane. Rimane però un senso dell’avventura che ha ritrovato la sua essenza. Meno tropicalismi, meno saliscendi folk, meno depressioni cosmiche; più ironia e sarcasmo, più movimento. Un modo per accettare il periodo in cui viviamo, evitando rimpianti e continuando però nella propria strada. Bentornato, Mr. Hansen.

 

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...