BIG SEXY NOISE
Sartorial/Goodfellas

Nel corso di trent’anni e più di carriera, Lydia Lunch ha unito le forze con innumerevoli musicisti, nei contesti più disparati. Tra questi, anche gli inglesi James Johnston, Terry Edwards e Ian White, rispettivamente cantante/chitarrista/tastierista, sassofonista e batterista dei Gallon Drunk. Una collaborazione che ora viene ufficializzata da Big Sexy Noise, prima e speriamo non ultima testimonianza di un vero e proprio marriage made in hell. La vocalità lasciva e lievemente catramosa e la presenza luciferina della cantante newyorkese si combinano infatti alla perfezione con l’estetica del trio, che mastica blues e r’n’r e sputa inquietanti bordate di rumore e sonorità sporche, sature e incandescenti. Tra i nomi che vengono in mente durante l’ascolto ci sono i Grinderman, per la fisicità di certi – molti, invero – passaggi e per la teoria di interferenze e suoni difficilmente definibili che contribuisce a rendere l’insieme ancora più sinistro; e tuttavia, rispetto a Nick Cave e ai suoi compagni di merende, qui l’approccio sembra ancora più autoriale e, soprattutto, più sottile, come se il volume alto non fosse che uno stratagemma per distrarre l’ascoltatore e arrivare a minacciarlo alle spalle. Perché è difficile non venire percorsi da un sottile brivido di paura di fronte, per non fare che un esempio, alla jazzata Bad For Bobby, degna del peggior incubo lynchiano. Le chitarre e il basso emettono stridori sferraglianti, il sassofono urla straziante, la batteria avanza intimidatoria, e la padrona di casa sembra trovarsi perfettamente a proprio agio in cotale bailamme. Materiale da maneggiare con cautela, e da avvicinare solo se disposti a farsi triturare le orecchie dalla Lunch e dai suoi degni sodali. Ci vuole coraggio, ma una volta superato il primo impatto (e l’iniziale Gospel Singer è biglietto da visita dei più devastanti) non sarà difficile farsi conquistare dal fascino perverso di queste canzoni. Un viaggio nei recessi più neri del rock, tra macerie e zaffate di zolfo.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...