BIG SEXY NOISE
Sartorial/Goodfellas

Nel corso di trent’anni e più di carriera, Lydia Lunch ha unito le forze con innumerevoli musicisti, nei contesti più disparati. Tra questi, anche gli inglesi James Johnston, Terry Edwards e Ian White, rispettivamente cantante/chitarrista/tastierista, sassofonista e batterista dei Gallon Drunk. Una collaborazione che ora viene ufficializzata da Big Sexy Noise, prima e speriamo non ultima testimonianza di un vero e proprio marriage made in hell. La vocalità lasciva e lievemente catramosa e la presenza luciferina della cantante newyorkese si combinano infatti alla perfezione con l’estetica del trio, che mastica blues e r’n’r e sputa inquietanti bordate di rumore e sonorità sporche, sature e incandescenti. Tra i nomi che vengono in mente durante l’ascolto ci sono i Grinderman, per la fisicità di certi – molti, invero – passaggi e per la teoria di interferenze e suoni difficilmente definibili che contribuisce a rendere l’insieme ancora più sinistro; e tuttavia, rispetto a Nick Cave e ai suoi compagni di merende, qui l’approccio sembra ancora più autoriale e, soprattutto, più sottile, come se il volume alto non fosse che uno stratagemma per distrarre l’ascoltatore e arrivare a minacciarlo alle spalle. Perché è difficile non venire percorsi da un sottile brivido di paura di fronte, per non fare che un esempio, alla jazzata Bad For Bobby, degna del peggior incubo lynchiano. Le chitarre e il basso emettono stridori sferraglianti, il sassofono urla straziante, la batteria avanza intimidatoria, e la padrona di casa sembra trovarsi perfettamente a proprio agio in cotale bailamme. Materiale da maneggiare con cautela, e da avvicinare solo se disposti a farsi triturare le orecchie dalla Lunch e dai suoi degni sodali. Ci vuole coraggio, ma una volta superato il primo impatto (e l’iniziale Gospel Singer è biglietto da visita dei più devastanti) non sarà difficile farsi conquistare dal fascino perverso di queste canzoni. Un viaggio nei recessi più neri del rock, tra macerie e zaffate di zolfo.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...