BIG SEXY NOISE
Sartorial/Goodfellas

Nel corso di trent’anni e più di carriera, Lydia Lunch ha unito le forze con innumerevoli musicisti, nei contesti più disparati. Tra questi, anche gli inglesi James Johnston, Terry Edwards e Ian White, rispettivamente cantante/chitarrista/tastierista, sassofonista e batterista dei Gallon Drunk. Una collaborazione che ora viene ufficializzata da Big Sexy Noise, prima e speriamo non ultima testimonianza di un vero e proprio marriage made in hell. La vocalità lasciva e lievemente catramosa e la presenza luciferina della cantante newyorkese si combinano infatti alla perfezione con l’estetica del trio, che mastica blues e r’n’r e sputa inquietanti bordate di rumore e sonorità sporche, sature e incandescenti. Tra i nomi che vengono in mente durante l’ascolto ci sono i Grinderman, per la fisicità di certi – molti, invero – passaggi e per la teoria di interferenze e suoni difficilmente definibili che contribuisce a rendere l’insieme ancora più sinistro; e tuttavia, rispetto a Nick Cave e ai suoi compagni di merende, qui l’approccio sembra ancora più autoriale e, soprattutto, più sottile, come se il volume alto non fosse che uno stratagemma per distrarre l’ascoltatore e arrivare a minacciarlo alle spalle. Perché è difficile non venire percorsi da un sottile brivido di paura di fronte, per non fare che un esempio, alla jazzata Bad For Bobby, degna del peggior incubo lynchiano. Le chitarre e il basso emettono stridori sferraglianti, il sassofono urla straziante, la batteria avanza intimidatoria, e la padrona di casa sembra trovarsi perfettamente a proprio agio in cotale bailamme. Materiale da maneggiare con cautela, e da avvicinare solo se disposti a farsi triturare le orecchie dalla Lunch e dai suoi degni sodali. Ci vuole coraggio, ma una volta superato il primo impatto (e l’iniziale Gospel Singer è biglietto da visita dei più devastanti) non sarà difficile farsi conquistare dal fascino perverso di queste canzoni. Un viaggio nei recessi più neri del rock, tra macerie e zaffate di zolfo.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...