Big-Ups-Eighteen-Hours-Of-Static1
Big Ups

Eighteen Hours Of Static

Tough Love/Goodfellas
7

È il 2010 quando quattro ragazzi di Brooklyn all’ultimo anno di NYU si incontrano e decidono di mettere su una band. L’idea è quella di fare del punk da suonare in qualche fumoso club newyorkese. Il risultato è che adesso, quattro anni dopo, i Big Ups hanno sfornato un album che concentra la nostalgia di una decade – i Novanta – in mezz’ora tirata di noise. In Eighteen Hours Of Static c’è del punk. C’è del grunge. C’è questa formula vincente che fa pensare ai Big Ups come ai Drenge d’Oltreoceano, seppur molto più spettinati, sudati, riottosi. E c’è l’impressione che se il messaggio iniziale era “Suoniamo perché vogliamo farvi vedere che siamo incazzati”, adesso si è trasformato in “Suoniamo perché siamo incazzati”. Chi ha provato a inquadrarli in un genere si è trovato a palleggiare con termini come alt rock, post-hardcore, hardcore punk, grunge, per poi finire con l’alzare bandiera bianca.  Nei testi troviamo rabbia: si parla di abusi, di intossicazione da tecnologia (TMI), del potere distruttivo della religione (in Atheist Self Help), del tempo che passa troppo velocemente (Goes Black). Il pensiero va a Fugazi, Shellac, Jesus Lizard, Pixies e, a sorpresa, Rage Against The Machine. Il messaggio è uno solo: who cares? E alla fine, dopo mezz’ora di onesta protesta arruffata, ci ritroviamo a pensare che, effettivamente, we do care.

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....