Big-Ups-Eighteen-Hours-Of-Static1
Big Ups

Eighteen Hours Of Static

Tough Love/Goodfellas
7

È il 2010 quando quattro ragazzi di Brooklyn all’ultimo anno di NYU si incontrano e decidono di mettere su una band. L’idea è quella di fare del punk da suonare in qualche fumoso club newyorkese. Il risultato è che adesso, quattro anni dopo, i Big Ups hanno sfornato un album che concentra la nostalgia di una decade – i Novanta – in mezz’ora tirata di noise. In Eighteen Hours Of Static c’è del punk. C’è del grunge. C’è questa formula vincente che fa pensare ai Big Ups come ai Drenge d’Oltreoceano, seppur molto più spettinati, sudati, riottosi. E c’è l’impressione che se il messaggio iniziale era “Suoniamo perché vogliamo farvi vedere che siamo incazzati”, adesso si è trasformato in “Suoniamo perché siamo incazzati”. Chi ha provato a inquadrarli in un genere si è trovato a palleggiare con termini come alt rock, post-hardcore, hardcore punk, grunge, per poi finire con l’alzare bandiera bianca.  Nei testi troviamo rabbia: si parla di abusi, di intossicazione da tecnologia (TMI), del potere distruttivo della religione (in Atheist Self Help), del tempo che passa troppo velocemente (Goes Black). Il pensiero va a Fugazi, Shellac, Jesus Lizard, Pixies e, a sorpresa, Rage Against The Machine. Il messaggio è uno solo: who cares? E alla fine, dopo mezz’ora di onesta protesta arruffata, ci ritroviamo a pensare che, effettivamente, we do care.

Commenti

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...