MR. IMPOSSIBLE
Ribbon/Self

Con il precedente “Repo”, i Black Dice avevano forse deluso un po’ di gente nel rivelarsi – in quel caso – inconcludenti. Impietoso
infatti il confronto con quanto partorito fra il 2002 e il 2005, ovvero la “trilogia DFA” (Beaches & Canyons, Creature Comforts e Broken Ear Record) che delineò inaspettatamente nuovi scenari per tutta una generazione di indie-noisers a venire. Pazienza! Ce ne faremo una ragione… Così, col nuovo “Mr. Impossible”, il trio di Brooklyn sembra invece voler continuare un discorso iniziato tempo fa e mai battuto realmente, nel mettere in rilievo, stavolta, la propria inclinazione seminascosta per i ritmi dance, presenti (almeno in modo evidente) sin dai tempi di “Load Blown”. D’altronde, quando si ha a che fare a lungo con l’elettronica, il confrontarsi con le possibilità del ballo, della “modern dance”, è forse un passaggio obbligato.
Sono quindi le bizzarrie psichedeliche e free-noise a subirne le
conseguenze. Basti pensare all’anima bicefala di “Pinball Wizard”, in cui però l’attitudine alla creazione di paesaggi informi non è abbandonata del tutto (non lo è mai in realtà), con tanto di voci campionate, pur lasciando spazio nella seconda parte a una strana drum’n’bass per suoni giocattolo. “Rodriguez” fa del ballo una specie di movimento automatico per cerebrolesi, mentre “Pigs” non si distanzia poi molto dal big beat “classico”. Ma la techno fa capolino con ancora più insistenza in “Outer Body Drifter”, e solo “Shithouse Drifter” recupera parte delle divagazioni “entomologiche” e corpuscolari dei lavori precedenti. Carnitas sembra accennare addirittura alle retromanie “hypnagogic”, senza mai risolverle realmente.
Tuttavia l’impressione che si ha dell’album non è quella di un compito mal riuscito, perché è pur sempre il taglio caratteristico
dei Black Dice, quasi privo di referenti ed epigoni, a informare
questo “Mr. Impossible”. Qualcuno, forse, rimarrà nuovamente
deluso: difficile capire se trattasi di parentesi o mutazione. E lo
è ancor più il fare previsioni, in entrambi i casi.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...