MR. IMPOSSIBLE
Ribbon/Self

Con il precedente “Repo”, i Black Dice avevano forse deluso un po’ di gente nel rivelarsi – in quel caso – inconcludenti. Impietoso
infatti il confronto con quanto partorito fra il 2002 e il 2005, ovvero la “trilogia DFA” (Beaches & Canyons, Creature Comforts e Broken Ear Record) che delineò inaspettatamente nuovi scenari per tutta una generazione di indie-noisers a venire. Pazienza! Ce ne faremo una ragione… Così, col nuovo “Mr. Impossible”, il trio di Brooklyn sembra invece voler continuare un discorso iniziato tempo fa e mai battuto realmente, nel mettere in rilievo, stavolta, la propria inclinazione seminascosta per i ritmi dance, presenti (almeno in modo evidente) sin dai tempi di “Load Blown”. D’altronde, quando si ha a che fare a lungo con l’elettronica, il confrontarsi con le possibilità del ballo, della “modern dance”, è forse un passaggio obbligato.
Sono quindi le bizzarrie psichedeliche e free-noise a subirne le
conseguenze. Basti pensare all’anima bicefala di “Pinball Wizard”, in cui però l’attitudine alla creazione di paesaggi informi non è abbandonata del tutto (non lo è mai in realtà), con tanto di voci campionate, pur lasciando spazio nella seconda parte a una strana drum’n’bass per suoni giocattolo. “Rodriguez” fa del ballo una specie di movimento automatico per cerebrolesi, mentre “Pigs” non si distanzia poi molto dal big beat “classico”. Ma la techno fa capolino con ancora più insistenza in “Outer Body Drifter”, e solo “Shithouse Drifter” recupera parte delle divagazioni “entomologiche” e corpuscolari dei lavori precedenti. Carnitas sembra accennare addirittura alle retromanie “hypnagogic”, senza mai risolverle realmente.
Tuttavia l’impressione che si ha dell’album non è quella di un compito mal riuscito, perché è pur sempre il taglio caratteristico
dei Black Dice, quasi privo di referenti ed epigoni, a informare
questo “Mr. Impossible”. Qualcuno, forse, rimarrà nuovamente
deluso: difficile capire se trattasi di parentesi o mutazione. E lo
è ancor più il fare previsioni, in entrambi i casi.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...