MR. IMPOSSIBLE
Ribbon/Self

Con il precedente “Repo”, i Black Dice avevano forse deluso un po’ di gente nel rivelarsi – in quel caso – inconcludenti. Impietoso
infatti il confronto con quanto partorito fra il 2002 e il 2005, ovvero la “trilogia DFA” (Beaches & Canyons, Creature Comforts e Broken Ear Record) che delineò inaspettatamente nuovi scenari per tutta una generazione di indie-noisers a venire. Pazienza! Ce ne faremo una ragione… Così, col nuovo “Mr. Impossible”, il trio di Brooklyn sembra invece voler continuare un discorso iniziato tempo fa e mai battuto realmente, nel mettere in rilievo, stavolta, la propria inclinazione seminascosta per i ritmi dance, presenti (almeno in modo evidente) sin dai tempi di “Load Blown”. D’altronde, quando si ha a che fare a lungo con l’elettronica, il confrontarsi con le possibilità del ballo, della “modern dance”, è forse un passaggio obbligato.
Sono quindi le bizzarrie psichedeliche e free-noise a subirne le
conseguenze. Basti pensare all’anima bicefala di “Pinball Wizard”, in cui però l’attitudine alla creazione di paesaggi informi non è abbandonata del tutto (non lo è mai in realtà), con tanto di voci campionate, pur lasciando spazio nella seconda parte a una strana drum’n’bass per suoni giocattolo. “Rodriguez” fa del ballo una specie di movimento automatico per cerebrolesi, mentre “Pigs” non si distanzia poi molto dal big beat “classico”. Ma la techno fa capolino con ancora più insistenza in “Outer Body Drifter”, e solo “Shithouse Drifter” recupera parte delle divagazioni “entomologiche” e corpuscolari dei lavori precedenti. Carnitas sembra accennare addirittura alle retromanie “hypnagogic”, senza mai risolverle realmente.
Tuttavia l’impressione che si ha dell’album non è quella di un compito mal riuscito, perché è pur sempre il taglio caratteristico
dei Black Dice, quasi privo di referenti ed epigoni, a informare
questo “Mr. Impossible”. Qualcuno, forse, rimarrà nuovamente
deluso: difficile capire se trattasi di parentesi o mutazione. E lo
è ancor più il fare previsioni, in entrambi i casi.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....