black-sabbath-13-1370285735
Black Sabbath

13

Mercury/Universal
7.5

Un’attesa spasmodica, concertata a regola d’arte con il ritorno a tutto tondo – lui oggi dice “il recupero umano e artistico” – di Ozzy Osbourne, un tour come preludio e quindi un album presentato come il primo in studio della formazione quasi originaria dei Black Sabbath dal 1978, anno dell’opacissimo Never Say Die. Quasi originaria, perché alla fine Bill Ward non c’è, sostituito alla batteria da Brad Wilk, mentre Toni Iommi, Geezer Butler e Ozzy si sono disciplinatamente messi a lavorare assieme a Rick Rubin, produttore stellare, al suo meglio oramai nel reparto resurrezioni. Il risultato è 13, otto pezzi (che diventano undici nella versione deluxe del disco) granitici, inscalfibili, minacciosi fin dai primi accordi dell’elettrica di Iommi, lo stesso richiamo blues e satanico che aprì la strada a Black Sabbath, nel 1970, appaiato in contemporanea da Paranoid e l’anno dopo da Master Of Reality, in una trilogia oscura come poche altre, nella storia maggiore di quel metal che il gruppo di Birmingham ha sostanzialmente avviato, quarantatré anni fa.
Oggi, di tanta oscurità rimane sostanzialmente, se non il ricordo, la capacità di suonare ancora credibili, nonostante il tempo passato e le tante (troppe) facce che il gruppo inglese ha indossato in una decadenza lunghissima, durata per gli interi Ottanta e per gran parte del decennio successivo. “Questa è la fine dell’inizio, o l’inizio della fine?”, si domanda Osbourne in End Of The Beginning, e una risposta potrebbe essere che la fine c’è già stata e adesso siamo tutti più liberi: liberi anche di ascoltare assolo prevedibili, forse, ma sorprendentemente emozionanti, come quelli che scandiscono Age Of Reason, incorniciano una voce che riesce a essere miracolosamente apocalittica e unica, governano le tempeste di God Is Dead? o Dear Father senza grandi rimpianti. Il resto, in questi pezzi così monolitici e vasti, è classic rock: arriva da lontano, e non può che risuonare potente e magnetico. Grazie, Rubin: missione compiuta.

Pubblicato sul Mucchio 707

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...