black-sabbath-13-1370285735
Black Sabbath

13

Mercury/Universal
7.5

Un’attesa spasmodica, concertata a regola d’arte con il ritorno a tutto tondo – lui oggi dice “il recupero umano e artistico” – di Ozzy Osbourne, un tour come preludio e quindi un album presentato come il primo in studio della formazione quasi originaria dei Black Sabbath dal 1978, anno dell’opacissimo Never Say Die. Quasi originaria, perché alla fine Bill Ward non c’è, sostituito alla batteria da Brad Wilk, mentre Toni Iommi, Geezer Butler e Ozzy si sono disciplinatamente messi a lavorare assieme a Rick Rubin, produttore stellare, al suo meglio oramai nel reparto resurrezioni. Il risultato è 13, otto pezzi (che diventano undici nella versione deluxe del disco) granitici, inscalfibili, minacciosi fin dai primi accordi dell’elettrica di Iommi, lo stesso richiamo blues e satanico che aprì la strada a Black Sabbath, nel 1970, appaiato in contemporanea da Paranoid e l’anno dopo da Master Of Reality, in una trilogia oscura come poche altre, nella storia maggiore di quel metal che il gruppo di Birmingham ha sostanzialmente avviato, quarantatré anni fa.
Oggi, di tanta oscurità rimane sostanzialmente, se non il ricordo, la capacità di suonare ancora credibili, nonostante il tempo passato e le tante (troppe) facce che il gruppo inglese ha indossato in una decadenza lunghissima, durata per gli interi Ottanta e per gran parte del decennio successivo. “Questa è la fine dell’inizio, o l’inizio della fine?”, si domanda Osbourne in End Of The Beginning, e una risposta potrebbe essere che la fine c’è già stata e adesso siamo tutti più liberi: liberi anche di ascoltare assolo prevedibili, forse, ma sorprendentemente emozionanti, come quelli che scandiscono Age Of Reason, incorniciano una voce che riesce a essere miracolosamente apocalittica e unica, governano le tempeste di God Is Dead? o Dear Father senza grandi rimpianti. Il resto, in questi pezzi così monolitici e vasti, è classic rock: arriva da lontano, e non può che risuonare potente e magnetico. Grazie, Rubin: missione compiuta.

Pubblicato sul Mucchio 707

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...