A WEEKEND IN THE CITY
Wichita-V2/Edel

Che seguito dare a un debutto baciato da un successo in parte prevedibile, certo, ma nondimeno clamoroso? Domanda che si devono esser poste un po’ tutte le band della ormai penultima ondata britannica; e fino a questo momento la scelta più gettonata sembra essere quella del compromesso, del rinnovamento nella continuità. Ascoltare per conferme le ultime fatiche di Franz Ferdinand e Futureheads. Non dissimile la decisione presa dai Bloc Party, chiamati a bissare i fasti di quel Silent Alarm che era stato uno degli album più amati del 2005 da critica e pubblico d’Oltremanica. Con la differenza che, rispetto ai summenzionati colleghi, Kele Okereke e soci hanno deciso di puntare decisamente in alto, chiamando a produrre A Weekend In The City non più Paul Epworth bensì Jacknife Lee: uno che in curriculum ha sì i vari Editors e Kasabian, ma anche e soprattutto gli ultimi U2. Pertanto, pur non allontanandosi mai in maniera clamorosa dai sentieri già battuti, il disco può contare su un suono d’insieme più ricco e potente. Il che non è però necessariamente un pregio, ché se la cura vitaminica ha senz’altro giovato alla doppietta iniziale (Song For Clay (Disappear Here) e Hunting For Witches), andando avanti le cose non sempre vanno altrettanto bene. Come a dire che se il tentativo di dar vita a una sorta di “stadium post-punk” (per quanto inquietante possa suonare) è lodevole, i risultati non sono automaticamente all’altezza delle buone intenzioni. Pur non mancando di fiammate anche vigorose, quindi, il disco finisce per suonare a tratti macchinoso e involuto, e i tentativi di mandare il motore su di giri con crescendo e sobbalzi più o meno improvvisi sovente non danno i risultati sperati. Questione di equilibri, smarriti (il vocoder in Uniform grida vendetta) ma per fortuna non perduti definitivamente (The Prayer, non così lontana dai TV On The Radio). Non ancora, per lo meno; sebbene l’aereo Bloc Party non riesca a mantenere la quota degli esordi, è ancora presto per preparare i paracaduti.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...