A WEEKEND IN THE CITY
Wichita-V2/Edel

Che seguito dare a un debutto baciato da un successo in parte prevedibile, certo, ma nondimeno clamoroso? Domanda che si devono esser poste un po’ tutte le band della ormai penultima ondata britannica; e fino a questo momento la scelta più gettonata sembra essere quella del compromesso, del rinnovamento nella continuità. Ascoltare per conferme le ultime fatiche di Franz Ferdinand e Futureheads. Non dissimile la decisione presa dai Bloc Party, chiamati a bissare i fasti di quel Silent Alarm che era stato uno degli album più amati del 2005 da critica e pubblico d’Oltremanica. Con la differenza che, rispetto ai summenzionati colleghi, Kele Okereke e soci hanno deciso di puntare decisamente in alto, chiamando a produrre A Weekend In The City non più Paul Epworth bensì Jacknife Lee: uno che in curriculum ha sì i vari Editors e Kasabian, ma anche e soprattutto gli ultimi U2. Pertanto, pur non allontanandosi mai in maniera clamorosa dai sentieri già battuti, il disco può contare su un suono d’insieme più ricco e potente. Il che non è però necessariamente un pregio, ché se la cura vitaminica ha senz’altro giovato alla doppietta iniziale (Song For Clay (Disappear Here) e Hunting For Witches), andando avanti le cose non sempre vanno altrettanto bene. Come a dire che se il tentativo di dar vita a una sorta di “stadium post-punk” (per quanto inquietante possa suonare) è lodevole, i risultati non sono automaticamente all’altezza delle buone intenzioni. Pur non mancando di fiammate anche vigorose, quindi, il disco finisce per suonare a tratti macchinoso e involuto, e i tentativi di mandare il motore su di giri con crescendo e sobbalzi più o meno improvvisi sovente non danno i risultati sperati. Questione di equilibri, smarriti (il vocoder in Uniform grida vendetta) ma per fortuna non perduti definitivamente (The Prayer, non così lontana dai TV On The Radio). Non ancora, per lo meno; sebbene l’aereo Bloc Party non riesca a mantenere la quota degli esordi, è ancora presto per preparare i paracaduti.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...