A WEEKEND IN THE CITY
Wichita-V2/Edel

Che seguito dare a un debutto baciato da un successo in parte prevedibile, certo, ma nondimeno clamoroso? Domanda che si devono esser poste un po’ tutte le band della ormai penultima ondata britannica; e fino a questo momento la scelta più gettonata sembra essere quella del compromesso, del rinnovamento nella continuità. Ascoltare per conferme le ultime fatiche di Franz Ferdinand e Futureheads. Non dissimile la decisione presa dai Bloc Party, chiamati a bissare i fasti di quel Silent Alarm che era stato uno degli album più amati del 2005 da critica e pubblico d’Oltremanica. Con la differenza che, rispetto ai summenzionati colleghi, Kele Okereke e soci hanno deciso di puntare decisamente in alto, chiamando a produrre A Weekend In The City non più Paul Epworth bensì Jacknife Lee: uno che in curriculum ha sì i vari Editors e Kasabian, ma anche e soprattutto gli ultimi U2. Pertanto, pur non allontanandosi mai in maniera clamorosa dai sentieri già battuti, il disco può contare su un suono d’insieme più ricco e potente. Il che non è però necessariamente un pregio, ché se la cura vitaminica ha senz’altro giovato alla doppietta iniziale (Song For Clay (Disappear Here) e Hunting For Witches), andando avanti le cose non sempre vanno altrettanto bene. Come a dire che se il tentativo di dar vita a una sorta di “stadium post-punk” (per quanto inquietante possa suonare) è lodevole, i risultati non sono automaticamente all’altezza delle buone intenzioni. Pur non mancando di fiammate anche vigorose, quindi, il disco finisce per suonare a tratti macchinoso e involuto, e i tentativi di mandare il motore su di giri con crescendo e sobbalzi più o meno improvvisi sovente non danno i risultati sperati. Questione di equilibri, smarriti (il vocoder in Uniform grida vendetta) ma per fortuna non perduti definitivamente (The Prayer, non così lontana dai TV On The Radio). Non ancora, per lo meno; sebbene l’aereo Bloc Party non riesca a mantenere la quota degli esordi, è ancora presto per preparare i paracaduti.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...