A WEEKEND IN THE CITY
Wichita-V2/Edel

Che seguito dare a un debutto baciato da un successo in parte prevedibile, certo, ma nondimeno clamoroso? Domanda che si devono esser poste un po’ tutte le band della ormai penultima ondata britannica; e fino a questo momento la scelta più gettonata sembra essere quella del compromesso, del rinnovamento nella continuità. Ascoltare per conferme le ultime fatiche di Franz Ferdinand e Futureheads. Non dissimile la decisione presa dai Bloc Party, chiamati a bissare i fasti di quel Silent Alarm che era stato uno degli album più amati del 2005 da critica e pubblico d’Oltremanica. Con la differenza che, rispetto ai summenzionati colleghi, Kele Okereke e soci hanno deciso di puntare decisamente in alto, chiamando a produrre A Weekend In The City non più Paul Epworth bensì Jacknife Lee: uno che in curriculum ha sì i vari Editors e Kasabian, ma anche e soprattutto gli ultimi U2. Pertanto, pur non allontanandosi mai in maniera clamorosa dai sentieri già battuti, il disco può contare su un suono d’insieme più ricco e potente. Il che non è però necessariamente un pregio, ché se la cura vitaminica ha senz’altro giovato alla doppietta iniziale (Song For Clay (Disappear Here) e Hunting For Witches), andando avanti le cose non sempre vanno altrettanto bene. Come a dire che se il tentativo di dar vita a una sorta di “stadium post-punk” (per quanto inquietante possa suonare) è lodevole, i risultati non sono automaticamente all’altezza delle buone intenzioni. Pur non mancando di fiammate anche vigorose, quindi, il disco finisce per suonare a tratti macchinoso e involuto, e i tentativi di mandare il motore su di giri con crescendo e sobbalzi più o meno improvvisi sovente non danno i risultati sperati. Questione di equilibri, smarriti (il vocoder in Uniform grida vendetta) ma per fortuna non perduti definitivamente (The Prayer, non così lontana dai TV On The Radio). Non ancora, per lo meno; sebbene l’aereo Bloc Party non riesca a mantenere la quota degli esordi, è ancora presto per preparare i paracaduti.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...