Bad Bad Things
Heavenly Sweetness/Self

Ecco un album da portare veramente ad esempio: per tutti quello che pensano che il reggae sia, anzi, debba essere un genere musicalmente rigido e statico, “Bad Bad Things” è una salutare lezione. Sfidiamo qualunque appassionato integralista del genere giamaicano a dire che questo “non” sia un album reggae: sostanzialmente lo è, arduo sostenere il contrario. Lo è nemmeno tanto nel ritmo, perché è vero che ogni tanto ci sono deviazioni rispetto al canovaccio classico, ma lo è decisamente nelle sonorità, quella pasta tipica e inconfondibile di basso, batteria e chitarra.
Il digionese (da tempo, però, trapiantato a Parigi) Max Guiguet è già da anni nel music business e quindi non è – come magari potrebbero pensare coloro che non frequentano questi ambiti – un giovinetto di primo pelo; lo abbiamo visto affiorare negli anni nel catalogo F Comm, l’etichetta di Laurent Garnier, ma soprattutto ha speso un bel po’ di tempo a lavorare alla programmazione di Actuel e Nova. Eh, averne di radio così in Italia. Ma averne anche di persone che sanno usare con questa classe la matrice reggae, espandendola con eleganza e rispetto e non quindi sbracando, cercando l’effettaccio che strizza l’occhio al granda pubblico o al contrario nascondendosi nei soliti canoni triti e ritriti. Nella ricca scaletta di “Bad Bad Things” si giostrano non solo ospiti di un certo riguardo (Shawn Lee, Tommy Guerrero, Lateef The Truthspeaker) senza usarli come specchietto per le allodole, ma si immettono anche alfabeti pop, soul, jazz senza forzature, con una naturalezza così curata e ben fatta da sembrare “inevitabile”. Menzione d’onore per il gioco d’archi che arricchisce “Cuban Shirt”: vetta assoluta dell’album, mette insieme una cinematicità alla “Unfinished Sympathy” dei Massive Attack con accenti che sembrano presi dalle colonne sonore della Blaxploitation; tutto questo in punta di penna, senza mai calcare la mano. Insomma: “good good things”, ribaltando completamente quanto affermato dal titolo.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...