Bad Bad Things
Heavenly Sweetness/Self

Ecco un album da portare veramente ad esempio: per tutti quello che pensano che il reggae sia, anzi, debba essere un genere musicalmente rigido e statico, “Bad Bad Things” è una salutare lezione. Sfidiamo qualunque appassionato integralista del genere giamaicano a dire che questo “non” sia un album reggae: sostanzialmente lo è, arduo sostenere il contrario. Lo è nemmeno tanto nel ritmo, perché è vero che ogni tanto ci sono deviazioni rispetto al canovaccio classico, ma lo è decisamente nelle sonorità, quella pasta tipica e inconfondibile di basso, batteria e chitarra.
Il digionese (da tempo, però, trapiantato a Parigi) Max Guiguet è già da anni nel music business e quindi non è – come magari potrebbero pensare coloro che non frequentano questi ambiti – un giovinetto di primo pelo; lo abbiamo visto affiorare negli anni nel catalogo F Comm, l’etichetta di Laurent Garnier, ma soprattutto ha speso un bel po’ di tempo a lavorare alla programmazione di Actuel e Nova. Eh, averne di radio così in Italia. Ma averne anche di persone che sanno usare con questa classe la matrice reggae, espandendola con eleganza e rispetto e non quindi sbracando, cercando l’effettaccio che strizza l’occhio al granda pubblico o al contrario nascondendosi nei soliti canoni triti e ritriti. Nella ricca scaletta di “Bad Bad Things” si giostrano non solo ospiti di un certo riguardo (Shawn Lee, Tommy Guerrero, Lateef The Truthspeaker) senza usarli come specchietto per le allodole, ma si immettono anche alfabeti pop, soul, jazz senza forzature, con una naturalezza così curata e ben fatta da sembrare “inevitabile”. Menzione d’onore per il gioco d’archi che arricchisce “Cuban Shirt”: vetta assoluta dell’album, mette insieme una cinematicità alla “Unfinished Sympathy” dei Massive Attack con accenti che sembrano presi dalle colonne sonore della Blaxploitation; tutto questo in punta di penna, senza mai calcare la mano. Insomma: “good good things”, ribaltando completamente quanto affermato dal titolo.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...