Bad Bad Things
Heavenly Sweetness/Self

Ecco un album da portare veramente ad esempio: per tutti quello che pensano che il reggae sia, anzi, debba essere un genere musicalmente rigido e statico, “Bad Bad Things” è una salutare lezione. Sfidiamo qualunque appassionato integralista del genere giamaicano a dire che questo “non” sia un album reggae: sostanzialmente lo è, arduo sostenere il contrario. Lo è nemmeno tanto nel ritmo, perché è vero che ogni tanto ci sono deviazioni rispetto al canovaccio classico, ma lo è decisamente nelle sonorità, quella pasta tipica e inconfondibile di basso, batteria e chitarra.
Il digionese (da tempo, però, trapiantato a Parigi) Max Guiguet è già da anni nel music business e quindi non è – come magari potrebbero pensare coloro che non frequentano questi ambiti – un giovinetto di primo pelo; lo abbiamo visto affiorare negli anni nel catalogo F Comm, l’etichetta di Laurent Garnier, ma soprattutto ha speso un bel po’ di tempo a lavorare alla programmazione di Actuel e Nova. Eh, averne di radio così in Italia. Ma averne anche di persone che sanno usare con questa classe la matrice reggae, espandendola con eleganza e rispetto e non quindi sbracando, cercando l’effettaccio che strizza l’occhio al granda pubblico o al contrario nascondendosi nei soliti canoni triti e ritriti. Nella ricca scaletta di “Bad Bad Things” si giostrano non solo ospiti di un certo riguardo (Shawn Lee, Tommy Guerrero, Lateef The Truthspeaker) senza usarli come specchietto per le allodole, ma si immettono anche alfabeti pop, soul, jazz senza forzature, con una naturalezza così curata e ben fatta da sembrare “inevitabile”. Menzione d’onore per il gioco d’archi che arricchisce “Cuban Shirt”: vetta assoluta dell’album, mette insieme una cinematicità alla “Unfinished Sympathy” dei Massive Attack con accenti che sembrano presi dalle colonne sonore della Blaxploitation; tutto questo in punta di penna, senza mai calcare la mano. Insomma: “good good things”, ribaltando completamente quanto affermato dal titolo.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...