boards-of-canada_tomorrows-harvest-608x608
Boards Of Canada

Tomorrow’s Harvest

Warp/Self
9

E pensare che il primo ascolto non era stato entusiasmante. E pensare che il primo ascolto ci aveva lasciato un po’ delusi. Tipo: ma come, tutto qui? E dove sono le loro melodie che ti strappano il cuore? Dove sono i passaggi che ti colgono, anzi, ti trafiggono mentre sei contemporaneamente in lacrime e col sorriso? Dove sono le aperture epiche, definitive di un pezzo come Dayvan Cowboy, che magari l’album precedente da cui era tratto era imperfetto però con una traccia come quella si poteva tranquillamente dire “ok, chiudete la musica”? Cosa sono questi suoni un po’ piatti? Ora, dovete sapere che se si ascolta musica per mestiere è normale imparare a farsi abbastanza presto una opinione precisa sui dischi. Certo, quelli importanti si riascoltano, ok, ma diciannove volte su venti si ha la conferma che la prima impressione era quella giusta. Bene: Tomorrow’s Harvest è il ventesimo caso. Quello che fa saltare il banco, ed irride certezze acquisite. Li avete letti i dubbi e le considerazioni di cui sopra, no? Polverizzati. Inesistenti. Quasi ci si vergogna ad averle pensate, certe cose.

Non è innovativo, Tomorrow’s Harvest. Non è sorprendente. Vero. Non ha melodie o armonizzazioni incredibili perché no, non le ha. Eppure è un disco di una bellezza suprema. Di sicuro uno dei due, tre più belli degli ultimi cinque anni. Ma facciamo anche dieci. Soprattutto, è un disco dall’impatto emotivo sconvolgente. Ti cattura, ti cattura in modo tale che dopo che ci sei entrato – serve appunto qualche ascolto – fai fatica ad uscirne. Tradotto: fai fatica ad ascoltare qualsiasi altro album, se non metti in mezzo almeno venti minuti di silenzio, il tempo necessario per uscire dal mondo creato dai fratelli Sandison. C’è molto Carpenter, molta cupezza, molta angoscia. C’è una cura maniacale dei particolari, probabilmente il vero segreto di tutta questa magia, da ritrovare nella pasta dei suoni (piatta solo in apparenza…) e nella costruzione delle strutture, dilatate ma mai immobili. Se questa non è la perfezione, ci si avvicina molto.

Pubblicato sul Mucchio 798/709

Ultime recensioni Musica
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...