boards-of-canada_tomorrows-harvest-608x608
Boards Of Canada

Tomorrow’s Harvest

Warp/Self
9

E pensare che il primo ascolto non era stato entusiasmante. E pensare che il primo ascolto ci aveva lasciato un po’ delusi. Tipo: ma come, tutto qui? E dove sono le loro melodie che ti strappano il cuore? Dove sono i passaggi che ti colgono, anzi, ti trafiggono mentre sei contemporaneamente in lacrime e col sorriso? Dove sono le aperture epiche, definitive di un pezzo come Dayvan Cowboy, che magari l’album precedente da cui era tratto era imperfetto però con una traccia come quella si poteva tranquillamente dire “ok, chiudete la musica”? Cosa sono questi suoni un po’ piatti? Ora, dovete sapere che se si ascolta musica per mestiere è normale imparare a farsi abbastanza presto una opinione precisa sui dischi. Certo, quelli importanti si riascoltano, ok, ma diciannove volte su venti si ha la conferma che la prima impressione era quella giusta. Bene: Tomorrow’s Harvest è il ventesimo caso. Quello che fa saltare il banco, ed irride certezze acquisite. Li avete letti i dubbi e le considerazioni di cui sopra, no? Polverizzati. Inesistenti. Quasi ci si vergogna ad averle pensate, certe cose.

Non è innovativo, Tomorrow’s Harvest. Non è sorprendente. Vero. Non ha melodie o armonizzazioni incredibili perché no, non le ha. Eppure è un disco di una bellezza suprema. Di sicuro uno dei due, tre più belli degli ultimi cinque anni. Ma facciamo anche dieci. Soprattutto, è un disco dall’impatto emotivo sconvolgente. Ti cattura, ti cattura in modo tale che dopo che ci sei entrato – serve appunto qualche ascolto – fai fatica ad uscirne. Tradotto: fai fatica ad ascoltare qualsiasi altro album, se non metti in mezzo almeno venti minuti di silenzio, il tempo necessario per uscire dal mondo creato dai fratelli Sandison. C’è molto Carpenter, molta cupezza, molta angoscia. C’è una cura maniacale dei particolari, probabilmente il vero segreto di tutta questa magia, da ritrovare nella pasta dei suoni (piatta solo in apparenza…) e nella costruzione delle strutture, dilatate ma mai immobili. Se questa non è la perfezione, ci si avvicina molto.

Pubblicato sul Mucchio 798/709

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...