boards-of-canada_tomorrows-harvest-608x608
Boards Of Canada

Tomorrow’s Harvest

Warp/Self
9

E pensare che il primo ascolto non era stato entusiasmante. E pensare che il primo ascolto ci aveva lasciato un po’ delusi. Tipo: ma come, tutto qui? E dove sono le loro melodie che ti strappano il cuore? Dove sono i passaggi che ti colgono, anzi, ti trafiggono mentre sei contemporaneamente in lacrime e col sorriso? Dove sono le aperture epiche, definitive di un pezzo come Dayvan Cowboy, che magari l’album precedente da cui era tratto era imperfetto però con una traccia come quella si poteva tranquillamente dire “ok, chiudete la musica”? Cosa sono questi suoni un po’ piatti? Ora, dovete sapere che se si ascolta musica per mestiere è normale imparare a farsi abbastanza presto una opinione precisa sui dischi. Certo, quelli importanti si riascoltano, ok, ma diciannove volte su venti si ha la conferma che la prima impressione era quella giusta. Bene: Tomorrow’s Harvest è il ventesimo caso. Quello che fa saltare il banco, ed irride certezze acquisite. Li avete letti i dubbi e le considerazioni di cui sopra, no? Polverizzati. Inesistenti. Quasi ci si vergogna ad averle pensate, certe cose.

Non è innovativo, Tomorrow’s Harvest. Non è sorprendente. Vero. Non ha melodie o armonizzazioni incredibili perché no, non le ha. Eppure è un disco di una bellezza suprema. Di sicuro uno dei due, tre più belli degli ultimi cinque anni. Ma facciamo anche dieci. Soprattutto, è un disco dall’impatto emotivo sconvolgente. Ti cattura, ti cattura in modo tale che dopo che ci sei entrato – serve appunto qualche ascolto – fai fatica ad uscirne. Tradotto: fai fatica ad ascoltare qualsiasi altro album, se non metti in mezzo almeno venti minuti di silenzio, il tempo necessario per uscire dal mondo creato dai fratelli Sandison. C’è molto Carpenter, molta cupezza, molta angoscia. C’è una cura maniacale dei particolari, probabilmente il vero segreto di tutta questa magia, da ritrovare nella pasta dei suoni (piatta solo in apparenza…) e nella costruzione delle strutture, dilatate ma mai immobili. Se questa non è la perfezione, ci si avvicina molto.

Pubblicato sul Mucchio 798/709

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...