boards-of-canada_tomorrows-harvest-608x608
Boards Of Canada

Tomorrow’s Harvest

Warp/Self
9

E pensare che il primo ascolto non era stato entusiasmante. E pensare che il primo ascolto ci aveva lasciato un po’ delusi. Tipo: ma come, tutto qui? E dove sono le loro melodie che ti strappano il cuore? Dove sono i passaggi che ti colgono, anzi, ti trafiggono mentre sei contemporaneamente in lacrime e col sorriso? Dove sono le aperture epiche, definitive di un pezzo come Dayvan Cowboy, che magari l’album precedente da cui era tratto era imperfetto però con una traccia come quella si poteva tranquillamente dire “ok, chiudete la musica”? Cosa sono questi suoni un po’ piatti? Ora, dovete sapere che se si ascolta musica per mestiere è normale imparare a farsi abbastanza presto una opinione precisa sui dischi. Certo, quelli importanti si riascoltano, ok, ma diciannove volte su venti si ha la conferma che la prima impressione era quella giusta. Bene: Tomorrow’s Harvest è il ventesimo caso. Quello che fa saltare il banco, ed irride certezze acquisite. Li avete letti i dubbi e le considerazioni di cui sopra, no? Polverizzati. Inesistenti. Quasi ci si vergogna ad averle pensate, certe cose.

Non è innovativo, Tomorrow’s Harvest. Non è sorprendente. Vero. Non ha melodie o armonizzazioni incredibili perché no, non le ha. Eppure è un disco di una bellezza suprema. Di sicuro uno dei due, tre più belli degli ultimi cinque anni. Ma facciamo anche dieci. Soprattutto, è un disco dall’impatto emotivo sconvolgente. Ti cattura, ti cattura in modo tale che dopo che ci sei entrato – serve appunto qualche ascolto – fai fatica ad uscirne. Tradotto: fai fatica ad ascoltare qualsiasi altro album, se non metti in mezzo almeno venti minuti di silenzio, il tempo necessario per uscire dal mondo creato dai fratelli Sandison. C’è molto Carpenter, molta cupezza, molta angoscia. C’è una cura maniacale dei particolari, probabilmente il vero segreto di tutta questa magia, da ritrovare nella pasta dei suoni (piatta solo in apparenza…) e nella costruzione delle strutture, dilatate ma mai immobili. Se questa non è la perfezione, ci si avvicina molto.

Pubblicato sul Mucchio 798/709

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...