Together Through Life
Sony BMG

Guardarsi alle spalle è una costante, quasi un tic della poetica dylaniana, o, almeno, lo è fin da quando un giovanissimo Zimmerman si recava a omaggiare Woody Guthrie morente, un atto di devozione senza secondi fini per molti, un estremo tentativo di ottenere una specie di investimento ufficiale per i soliti malfidati. Fra grandi sconvolgimenti e continui richiami alla tradizione è proseguita nel tempo la carriera di questo indiscusso poeta del rock: la canzone di protesta, il folk, il blues, il country da un lato; le svolte elettriche, mistiche, zingare, umane, ideologiche e sul palco dall’altro. Per Bob Dylan innovare ha sempre significato dialogare con le radici, assorbire, senza preoccupazioni particolari, tutto quello che girava attorno a lui e alla musica americana. Poco, qui, lo spazio per approfondire tale caratteristica della sua arte – nella quale, per inciso, la Bibbia è una fondamentale risorsa, tematica e figurativa – ma l’ascolto di “Together Through Life” mette in evidenza quanto i legami con gli USA del secolo scorso siano saldi, e per nulla inconsapevoli.
Il quarantaseiesimo album, prodotto da Jack Frost è sostenuto da una band che non sbaglia un colpo, potrebbe sembrare quasi un disco di cover, almeno quanto erano, nei Novanta, “Good As I Been To You” e “World Gone Wrong”. Invece è fatto di dieci pezzi originali, cantati con una voce piena, sorprendentemente intonata, che hanno il pregio (spiccato) e il limite (relativo) di scoprire senza mezze misure i propri modelli: per esempio, “My Wife’s Home Town” è stretta fra Howlin’ Wolf e Willie Dixon, “This Dream Of You” rimanda ai tempi di Desire, “Jolene” è un omaggio a Joe Turner e per certi versi al rock’n’roll dei Cinquanta. Come è successo per “Modern Times”, ci sarà chi non gradirà troppo questi brani, un po’ strascicati e appena ripetitivi, che invece hanno dalla loro una carica ancestrale capace di alzare il suo artefice, fresco di menzione al Pulitzer, al rango di classico, con una sommessità invidiabile. Da ascoltare con calma, alternato a una lettura omerica, o biblica.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...