Together Through Life
Sony BMG

Guardarsi alle spalle è una costante, quasi un tic della poetica dylaniana, o, almeno, lo è fin da quando un giovanissimo Zimmerman si recava a omaggiare Woody Guthrie morente, un atto di devozione senza secondi fini per molti, un estremo tentativo di ottenere una specie di investimento ufficiale per i soliti malfidati. Fra grandi sconvolgimenti e continui richiami alla tradizione è proseguita nel tempo la carriera di questo indiscusso poeta del rock: la canzone di protesta, il folk, il blues, il country da un lato; le svolte elettriche, mistiche, zingare, umane, ideologiche e sul palco dall’altro. Per Bob Dylan innovare ha sempre significato dialogare con le radici, assorbire, senza preoccupazioni particolari, tutto quello che girava attorno a lui e alla musica americana. Poco, qui, lo spazio per approfondire tale caratteristica della sua arte – nella quale, per inciso, la Bibbia è una fondamentale risorsa, tematica e figurativa – ma l’ascolto di “Together Through Life” mette in evidenza quanto i legami con gli USA del secolo scorso siano saldi, e per nulla inconsapevoli.
Il quarantaseiesimo album, prodotto da Jack Frost è sostenuto da una band che non sbaglia un colpo, potrebbe sembrare quasi un disco di cover, almeno quanto erano, nei Novanta, “Good As I Been To You” e “World Gone Wrong”. Invece è fatto di dieci pezzi originali, cantati con una voce piena, sorprendentemente intonata, che hanno il pregio (spiccato) e il limite (relativo) di scoprire senza mezze misure i propri modelli: per esempio, “My Wife’s Home Town” è stretta fra Howlin’ Wolf e Willie Dixon, “This Dream Of You” rimanda ai tempi di Desire, “Jolene” è un omaggio a Joe Turner e per certi versi al rock’n’roll dei Cinquanta. Come è successo per “Modern Times”, ci sarà chi non gradirà troppo questi brani, un po’ strascicati e appena ripetitivi, che invece hanno dalla loro una carica ancestrale capace di alzare il suo artefice, fresco di menzione al Pulitzer, al rango di classico, con una sommessità invidiabile. Da ascoltare con calma, alternato a una lettura omerica, o biblica.

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...