Together Through Life
Sony BMG

Guardarsi alle spalle è una costante, quasi un tic della poetica dylaniana, o, almeno, lo è fin da quando un giovanissimo Zimmerman si recava a omaggiare Woody Guthrie morente, un atto di devozione senza secondi fini per molti, un estremo tentativo di ottenere una specie di investimento ufficiale per i soliti malfidati. Fra grandi sconvolgimenti e continui richiami alla tradizione è proseguita nel tempo la carriera di questo indiscusso poeta del rock: la canzone di protesta, il folk, il blues, il country da un lato; le svolte elettriche, mistiche, zingare, umane, ideologiche e sul palco dall’altro. Per Bob Dylan innovare ha sempre significato dialogare con le radici, assorbire, senza preoccupazioni particolari, tutto quello che girava attorno a lui e alla musica americana. Poco, qui, lo spazio per approfondire tale caratteristica della sua arte – nella quale, per inciso, la Bibbia è una fondamentale risorsa, tematica e figurativa – ma l’ascolto di “Together Through Life” mette in evidenza quanto i legami con gli USA del secolo scorso siano saldi, e per nulla inconsapevoli.
Il quarantaseiesimo album, prodotto da Jack Frost è sostenuto da una band che non sbaglia un colpo, potrebbe sembrare quasi un disco di cover, almeno quanto erano, nei Novanta, “Good As I Been To You” e “World Gone Wrong”. Invece è fatto di dieci pezzi originali, cantati con una voce piena, sorprendentemente intonata, che hanno il pregio (spiccato) e il limite (relativo) di scoprire senza mezze misure i propri modelli: per esempio, “My Wife’s Home Town” è stretta fra Howlin’ Wolf e Willie Dixon, “This Dream Of You” rimanda ai tempi di Desire, “Jolene” è un omaggio a Joe Turner e per certi versi al rock’n’roll dei Cinquanta. Come è successo per “Modern Times”, ci sarà chi non gradirà troppo questi brani, un po’ strascicati e appena ripetitivi, che invece hanno dalla loro una carica ancestrale capace di alzare il suo artefice, fresco di menzione al Pulitzer, al rango di classico, con una sommessità invidiabile. Da ascoltare con calma, alternato a una lettura omerica, o biblica.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...