HEAVY ROCKS
Sargent House/Goodfellas

Pensate a un genere musicale, uno qualsiasi; e adesso riflettete sul fatto che, lo stesso genere, nella quasi ventennale carriera i Boris lo hanno suonato molto meglio di (quasi) chiunque altro. Attraversati territori i più prossimi al noise e alla psichedelia, i tre giapponesi danno prova di poter ridefinire anche i canoni del trash e dell’heavy metal con un album dal titolo identico, anche per l’artwork, a quello uscito nel 2002, che prendeva spunto dal punk e sfociava nello stoner (se non fosse fallita, della pubblicazione se ne sarebbe occupata la Man’s Ruin di Frank Kozik). Heavy Rock, in effetti, possiede passaggi notevoli: Riot Sugar, con il vecchio amico Ian Astbury dei Cult (altrove compare pure Aaron Turner degli Isis), e Galaxians sono molto più vicine ai Black Sabbath di quanto fosse lecito attendersi da una formazione che ha fatto del continuo mutamento il proprio biglietto da visita; Leak-Truth, meno venefica, ha ritmi avvolgenti e Missing Pieces un’anima distruttrice esaltata da un incontrollabile tsunami che, all’improvviso, perde forza per generare una ballata introspettiva e caldissima. Ci sono anche episodi meno elettrici: Window Shopping, ad esempio, quasi scanzonata, ad anticipare i contenuti di un altro disco, Attention Please (*), che finisce nei negozi in contemporanea Heavy Rocks. Ma se ne di-scosta con un vigore che fa ritenere che gli autori del primo non possano essere gli stessi del secondo. Perché, qui, qualcosa non gira: la melodia – che si impossessa della scena e non la abbandona neppure nei momenti più vicini alla psichedelia di cui i Boris, lo si è anticipato, sono assoluti maestri – degenera in un pop inconsistente, fine a se stesso che neanche le capacità vocali della chitarrista Wata riescono a far uscire da un torpore che innalza il livello di pericolo. Qualcosa si salva (Aileron, Spoon); il resto va preso come l’ennesimo divertissement di una formazione che ancora non è consapevole di quale sarà il suo futuro.

tratto dal Mucchio n°683

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...