HEAVY ROCKS
Sargent House/Goodfellas

Pensate a un genere musicale, uno qualsiasi; e adesso riflettete sul fatto che, lo stesso genere, nella quasi ventennale carriera i Boris lo hanno suonato molto meglio di (quasi) chiunque altro. Attraversati territori i più prossimi al noise e alla psichedelia, i tre giapponesi danno prova di poter ridefinire anche i canoni del trash e dell’heavy metal con un album dal titolo identico, anche per l’artwork, a quello uscito nel 2002, che prendeva spunto dal punk e sfociava nello stoner (se non fosse fallita, della pubblicazione se ne sarebbe occupata la Man’s Ruin di Frank Kozik). Heavy Rock, in effetti, possiede passaggi notevoli: Riot Sugar, con il vecchio amico Ian Astbury dei Cult (altrove compare pure Aaron Turner degli Isis), e Galaxians sono molto più vicine ai Black Sabbath di quanto fosse lecito attendersi da una formazione che ha fatto del continuo mutamento il proprio biglietto da visita; Leak-Truth, meno venefica, ha ritmi avvolgenti e Missing Pieces un’anima distruttrice esaltata da un incontrollabile tsunami che, all’improvviso, perde forza per generare una ballata introspettiva e caldissima. Ci sono anche episodi meno elettrici: Window Shopping, ad esempio, quasi scanzonata, ad anticipare i contenuti di un altro disco, Attention Please (*), che finisce nei negozi in contemporanea Heavy Rocks. Ma se ne di-scosta con un vigore che fa ritenere che gli autori del primo non possano essere gli stessi del secondo. Perché, qui, qualcosa non gira: la melodia – che si impossessa della scena e non la abbandona neppure nei momenti più vicini alla psichedelia di cui i Boris, lo si è anticipato, sono assoluti maestri – degenera in un pop inconsistente, fine a se stesso che neanche le capacità vocali della chitarrista Wata riescono a far uscire da un torpore che innalza il livello di pericolo. Qualcosa si salva (Aileron, Spoon); il resto va preso come l’ennesimo divertissement di una formazione che ancora non è consapevole di quale sarà il suo futuro.

tratto dal Mucchio n°683

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...