HEAVY ROCKS
Sargent House/Goodfellas

Pensate a un genere musicale, uno qualsiasi; e adesso riflettete sul fatto che, lo stesso genere, nella quasi ventennale carriera i Boris lo hanno suonato molto meglio di (quasi) chiunque altro. Attraversati territori i più prossimi al noise e alla psichedelia, i tre giapponesi danno prova di poter ridefinire anche i canoni del trash e dell’heavy metal con un album dal titolo identico, anche per l’artwork, a quello uscito nel 2002, che prendeva spunto dal punk e sfociava nello stoner (se non fosse fallita, della pubblicazione se ne sarebbe occupata la Man’s Ruin di Frank Kozik). Heavy Rock, in effetti, possiede passaggi notevoli: Riot Sugar, con il vecchio amico Ian Astbury dei Cult (altrove compare pure Aaron Turner degli Isis), e Galaxians sono molto più vicine ai Black Sabbath di quanto fosse lecito attendersi da una formazione che ha fatto del continuo mutamento il proprio biglietto da visita; Leak-Truth, meno venefica, ha ritmi avvolgenti e Missing Pieces un’anima distruttrice esaltata da un incontrollabile tsunami che, all’improvviso, perde forza per generare una ballata introspettiva e caldissima. Ci sono anche episodi meno elettrici: Window Shopping, ad esempio, quasi scanzonata, ad anticipare i contenuti di un altro disco, Attention Please (*), che finisce nei negozi in contemporanea Heavy Rocks. Ma se ne di-scosta con un vigore che fa ritenere che gli autori del primo non possano essere gli stessi del secondo. Perché, qui, qualcosa non gira: la melodia – che si impossessa della scena e non la abbandona neppure nei momenti più vicini alla psichedelia di cui i Boris, lo si è anticipato, sono assoluti maestri – degenera in un pop inconsistente, fine a se stesso che neanche le capacità vocali della chitarrista Wata riescono a far uscire da un torpore che innalza il livello di pericolo. Qualcosa si salva (Aileron, Spoon); il resto va preso come l’ennesimo divertissement di una formazione che ancora non è consapevole di quale sarà il suo futuro.

tratto dal Mucchio n°683

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...