THE BEATIFIC VISIONS
Rough Trade/Self

Un bel gioco dura poco, si dice. Vero, ma non sempre. Specie se quello che era iniziato come tale si trasforma in qualcosa di ben più vasto. Chiedetelo ai Brakes: il loro debutto “Give Blood” (2005) pareva infatti poco più che un piacevole diversivo per i suoi autori, già attivi in altre formazioni britanniche quali Electric Soft Parade e Tenderfoot; poi però il disco è andato bene oltre ogni aspettativa, e per alcuni di loro è arrivato il momento di ridiscutere le proprie priorità. Per Eamon Hamilton per esempio, che ha lasciato i British Sea Power, di cui era tastierista, per dedicarsi a tempo pieno a questo progetto. Il quale, pur avendo assunto continuità, non ha perso nulla della propria carica ironica. Entrando nel dettaglio, le differenze principali tra “The Beatific Visions” e il predecessore riguardano la mancanza di cover e, soprattutto, un’attenzione maggiore per elementi country prima soltanto accennati. Il che non intacca più di tanto la sostanza di una ricetta che prevede anche abbondanti dosi di indie-rock e punk. Ventotto minuti che tutto fanno tranne che annoiare, con menzione speciale per una “Global Communications” che fa incontrare i Pavement di “Father To A Sister Of Thought” e i Grandaddy.

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...