brian
Brian Jonestown Massacre

Revelation

A Recordings Ltd
8

Ora che Julian Cope ci ha lasciati orfani di Head Heritage sarebbe bello se Anton Newcombe raccogliesse quella eredità, trasformando la sua iper comunicatività 2.0 in qualcosa in più di un profilo Twitter e un canale su Ustream (Dead Tv). Si tratterebbe di un upgrade naturale,
considerati anche i punti in comune tra i due (interesse per l’occulto, manifesto criticismo verso la società occidentale, ingordigia nel fagocitare e risputare suoni). Del resto, è proprio il musicista californiano a contestualizzare il quattordicesimo album dei suoi Brian Jonestown Massacre in una nuova fase, che suggerisce una rinnovata maturità. “Ho preso tante droghe ma non riesco più a gestirle, non posso più contare sul loro aiuto; ora siamo solo io e il mio lavoro: posso soltanto provare finché le canzoni non arrivano. Questa è la mia rivelazione”.

Registrato nel suo studio a Berlino e con Ricky Maymi, Constatine Karlis (Dimmer) e Ryan Van Kriedt (Asteroid #4) fra i credits, Revelation è un disco in cui Newcombe mette in campo le sue capacità di autore piuttosto che di sperimentatore (di suoni e di acidi), plasmando canzoni che riportano alla mente i BJM tra fine Novanta e inizio Duemila. Un album diretto, sospeso tra la psichedelia 60s dei vecchi tempi, le sempre presenti suggestioni orientali e tante melodie perfette, con strati di chitarre e fiati (flauti e trombe) a materializzare quella nebulosa lisergica anche in assenza di allucinogeni.

Fra l’apertura garage beat di Vad Hands Med Deem – con il cantato in svedese di Joachim Alhund (Les Big Byrds) – e la chiusura folk onirica con immancabili uh uh in Goodbye, ci sono blues speziati (Days, Weeks And Moths), svisate post punk tribali alla Who Killed Sgt. Pepper (Memory Camp, Duck And Cover), interludi evocativi, confessioni notturne acustiche (Nightbird) ma, soprattutto, gli anni 60 guardati attraverso il caleidoscopio acido e weird di Newcombe. Uno che dopo aver viaggiato parecchio, può permettersi di frugare nella propria bag of trick e scovarci la Rivelazione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....