brian
Brian Jonestown Massacre

Revelation

A Recordings Ltd
8

Ora che Julian Cope ci ha lasciati orfani di Head Heritage sarebbe bello se Anton Newcombe raccogliesse quella eredità, trasformando la sua iper comunicatività 2.0 in qualcosa in più di un profilo Twitter e un canale su Ustream (Dead Tv). Si tratterebbe di un upgrade naturale,
considerati anche i punti in comune tra i due (interesse per l’occulto, manifesto criticismo verso la società occidentale, ingordigia nel fagocitare e risputare suoni). Del resto, è proprio il musicista californiano a contestualizzare il quattordicesimo album dei suoi Brian Jonestown Massacre in una nuova fase, che suggerisce una rinnovata maturità. “Ho preso tante droghe ma non riesco più a gestirle, non posso più contare sul loro aiuto; ora siamo solo io e il mio lavoro: posso soltanto provare finché le canzoni non arrivano. Questa è la mia rivelazione”.

Registrato nel suo studio a Berlino e con Ricky Maymi, Constatine Karlis (Dimmer) e Ryan Van Kriedt (Asteroid #4) fra i credits, Revelation è un disco in cui Newcombe mette in campo le sue capacità di autore piuttosto che di sperimentatore (di suoni e di acidi), plasmando canzoni che riportano alla mente i BJM tra fine Novanta e inizio Duemila. Un album diretto, sospeso tra la psichedelia 60s dei vecchi tempi, le sempre presenti suggestioni orientali e tante melodie perfette, con strati di chitarre e fiati (flauti e trombe) a materializzare quella nebulosa lisergica anche in assenza di allucinogeni.

Fra l’apertura garage beat di Vad Hands Med Deem – con il cantato in svedese di Joachim Alhund (Les Big Byrds) – e la chiusura folk onirica con immancabili uh uh in Goodbye, ci sono blues speziati (Days, Weeks And Moths), svisate post punk tribali alla Who Killed Sgt. Pepper (Memory Camp, Duck And Cover), interludi evocativi, confessioni notturne acustiche (Nightbird) ma, soprattutto, gli anni 60 guardati attraverso il caleidoscopio acido e weird di Newcombe. Uno che dopo aver viaggiato parecchio, può permettersi di frugare nella propria bag of trick e scovarci la Rivelazione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...