brian
Brian Jonestown Massacre

Revelation

A Recordings Ltd
8

Ora che Julian Cope ci ha lasciati orfani di Head Heritage sarebbe bello se Anton Newcombe raccogliesse quella eredità, trasformando la sua iper comunicatività 2.0 in qualcosa in più di un profilo Twitter e un canale su Ustream (Dead Tv). Si tratterebbe di un upgrade naturale,
considerati anche i punti in comune tra i due (interesse per l’occulto, manifesto criticismo verso la società occidentale, ingordigia nel fagocitare e risputare suoni). Del resto, è proprio il musicista californiano a contestualizzare il quattordicesimo album dei suoi Brian Jonestown Massacre in una nuova fase, che suggerisce una rinnovata maturità. “Ho preso tante droghe ma non riesco più a gestirle, non posso più contare sul loro aiuto; ora siamo solo io e il mio lavoro: posso soltanto provare finché le canzoni non arrivano. Questa è la mia rivelazione”.

Registrato nel suo studio a Berlino e con Ricky Maymi, Constatine Karlis (Dimmer) e Ryan Van Kriedt (Asteroid #4) fra i credits, Revelation è un disco in cui Newcombe mette in campo le sue capacità di autore piuttosto che di sperimentatore (di suoni e di acidi), plasmando canzoni che riportano alla mente i BJM tra fine Novanta e inizio Duemila. Un album diretto, sospeso tra la psichedelia 60s dei vecchi tempi, le sempre presenti suggestioni orientali e tante melodie perfette, con strati di chitarre e fiati (flauti e trombe) a materializzare quella nebulosa lisergica anche in assenza di allucinogeni.

Fra l’apertura garage beat di Vad Hands Med Deem – con il cantato in svedese di Joachim Alhund (Les Big Byrds) – e la chiusura folk onirica con immancabili uh uh in Goodbye, ci sono blues speziati (Days, Weeks And Moths), svisate post punk tribali alla Who Killed Sgt. Pepper (Memory Camp, Duck And Cover), interludi evocativi, confessioni notturne acustiche (Nightbird) ma, soprattutto, gli anni 60 guardati attraverso il caleidoscopio acido e weird di Newcombe. Uno che dopo aver viaggiato parecchio, può permettersi di frugare nella propria bag of trick e scovarci la Rivelazione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...