brian
Brian Jonestown Massacre

Revelation

A Recordings Ltd
8

Ora che Julian Cope ci ha lasciati orfani di Head Heritage sarebbe bello se Anton Newcombe raccogliesse quella eredità, trasformando la sua iper comunicatività 2.0 in qualcosa in più di un profilo Twitter e un canale su Ustream (Dead Tv). Si tratterebbe di un upgrade naturale,
considerati anche i punti in comune tra i due (interesse per l’occulto, manifesto criticismo verso la società occidentale, ingordigia nel fagocitare e risputare suoni). Del resto, è proprio il musicista californiano a contestualizzare il quattordicesimo album dei suoi Brian Jonestown Massacre in una nuova fase, che suggerisce una rinnovata maturità. “Ho preso tante droghe ma non riesco più a gestirle, non posso più contare sul loro aiuto; ora siamo solo io e il mio lavoro: posso soltanto provare finché le canzoni non arrivano. Questa è la mia rivelazione”.

Registrato nel suo studio a Berlino e con Ricky Maymi, Constatine Karlis (Dimmer) e Ryan Van Kriedt (Asteroid #4) fra i credits, Revelation è un disco in cui Newcombe mette in campo le sue capacità di autore piuttosto che di sperimentatore (di suoni e di acidi), plasmando canzoni che riportano alla mente i BJM tra fine Novanta e inizio Duemila. Un album diretto, sospeso tra la psichedelia 60s dei vecchi tempi, le sempre presenti suggestioni orientali e tante melodie perfette, con strati di chitarre e fiati (flauti e trombe) a materializzare quella nebulosa lisergica anche in assenza di allucinogeni.

Fra l’apertura garage beat di Vad Hands Med Deem – con il cantato in svedese di Joachim Alhund (Les Big Byrds) – e la chiusura folk onirica con immancabili uh uh in Goodbye, ci sono blues speziati (Days, Weeks And Moths), svisate post punk tribali alla Who Killed Sgt. Pepper (Memory Camp, Duck And Cover), interludi evocativi, confessioni notturne acustiche (Nightbird) ma, soprattutto, gli anni 60 guardati attraverso il caleidoscopio acido e weird di Newcombe. Uno che dopo aver viaggiato parecchio, può permettersi di frugare nella propria bag of trick e scovarci la Rivelazione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...